Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Eric Foner: nazionalisti bianchi, neo-Confederati e Donald Trump

White-supremecists-as-rx-01-170815_12x5_992Jon Wiener su The Nation ha intervistato lo storico Eric Foner sugli eventi di Charlotteville. Foner spiega quanto il razzismo sia nel DNA della famiglia Trump. Eric Foner è uno dei più autorevoli storici della guerra civile americana e del periodo successivo (la Reconstruction). In italiano purtroppo è stato tradotto soltanto Storia della libertà americana (Donzelli).

By Jon Wiener

Jon Wiener: La statua confederata che apparentemente era al centro degli eventi a Charlottesville era di Robert E. Lee, che si arrese a Appomattox nel 1865. Cosa puoi dirci di questa statua?

Eric Foner: La cosa chiave da ricordare di questa statua, e la maggior parte di queste statue, è che hanno poco a che fare con la guerra civile. Questa statua è stato eretta nel 1924, quasi 70 anni dopo la fine della guerra civile. Fu eretta al culmine di Jim Crow, al culmine dell’era della segregazione, della privazione del diritto di voto e del linciaggio. A proposito, dopo la guerra civile Robert E. Lee rifiutò di criticare coloro che hanno linciato i neri o hanno usato violenza di altro tipo contro di loro. Lee si oppose al suffragio nero. Pensava a se stesso come un gentiluomo, probabilmente, ma certamente non pensava che le persone nere avrebbero dovuto avere dei diritti.
Come tutte queste statue, questa fu eretto come una dichiarazione su chi comandava, sulla struttura della potere nella società. La mia sensazione è che non è necessario buttare giù tutte queste statue. Invece, vorrei vederli erigere altre statue. Invece di abbattere Lee, mettiamo in piedi una statua proprio vicino a lui – per esempio, di John M. Langston, un membro nero del Congresso dalla Virginia negli anni ’80, subito dopo la fine della Ricostruzione. Non si vedono molte statue per i leader neri del Sud della Ricostruzione o del Post-ricostruzione in Virginia o in qualsiasi altro luogo. Quindi, se vogliamo parlare di statue, dico che la statuaria sia pienamente rappresentativa della storia del Sud.

JW: Molti di questi manifestanti a Charlottesville si autodefinivano neo-Confederati. Cos’è esattamente il movimento neo-Confederato oggi? E qual è la sua connessione con il presidente degli Stati Uniti?

 

EF: Il movimento neo-confederato va in giro da un bel po’. Ovviamente il loro scopo è quello di commemorare e glorificare la storia della Confederazione del Sud. Ma ciò che sono veramente riguarda la supremazia bianca, o ciò che viene chiamato a volte nazionalismo bianco. Usano la Confederazione come simbolo della supremazia bianca, che stanno cercando di rafforzare in questo paese. Si tratta di chi dovrebbe reggere l’America in questo momento. Donald Trump è un neo-confederato? Definirlo in questa maniera suggerisce che lui abbia idee coerenti, cosa che chiaramente non ha. Non credo sapppia nulla della Confederazione o della Guerra Civile, ma sa che questi tipi di persone fanno parte della sua base politica – come ha fatto chiaramente martedì nella sua difesa dei dimostranti bianchi nazionalisti a Charlottesville.

JW: Suo padre fu arrestato dopo una sommossa del Klan nel Queens, a New York, nel 1927.

EF: Il razzismo fa parte del DNA di Trump. Lui e suo padre furono citati in giudizio dal Dipartimento di Giustizia nel 1973 per il fatto di non lasciare che i neri affittassero gli edifici che gestivano. Trump è venuto in primo piano per le questioni politiche quando mise un annuncio a pagina intera nel The New York Times chiedendo la pena di morte per quattro giovani uomini neri che erano stati accusati e condannati – e poi assolti – di aggressione di una donna jogger a Central Park. Trump è diventato il portavoce del cosiddetto movimento birther che ha negato che Barack Obama fosse un cittadino degli Stati Uniti. Certamente ha giocato la carta razziale, come dicono, molto fortemente sia nella sua vita politica che nella sua vita commerciale. Ma Trump dice: “Ho molti amici neri”. “Conoscevo Muhammad Ali”. Una volta disse: “Io ero il migliore amico di Muhammad Ali.” Che probabilmente è un’esagerazione.

JW: Probabilmente. Ma non mi sembra che ci sia nulla di veramente nuovo riguardo a neo-confederati e segregazionisti che si collegano a un presidente repubblicano. Sono sicuro che i dimostranti di Charlottesville notarono che Obama non era un Southerner bianco. Potresti tornare indietro alla “strategia del Sud” di Nixon nel ’68 e nel ’72, e prima a quella di Goldwater nel ’64, che votò contro la legge sui diritti civili.

EF: Trump è una forma esagerata di ciò che è successo al Partito Repubblicano nell’ultimo mezzo secolo. Dimentichiamo che prima del 1964, e anche dopo un po ‘di tempo, c’erano molti repubblicani che erano forti difensori dei diritti civili. Persone come Jacob Javits, senatore di Stato di New York e Robert Taft, il famoso repubblicano conservatore degli anni ’40 erano forti sostenitori dei diritti neri. Il Civil Rights Act del ’64 non sarebbe mai passato se Everett Dirksen non avesse ottenuto alcuni voti repubblicani a favore nel Senato. Questo è il partito di Lincoln – o almeno lo era.
Ciò che è diverso in Trump è quanto il tutto sia scoperto. Normalmente, gli appelli al razzismo bianco sono fatti con parole di codice, come “legge e ordine”. Trump ha fatto una campagna dicendo che tutte le persone nere vivono in buchi infernali e chiedendo loro: “cosa hai da perdere?” votando per Trump. È diventato abbastanza chiaro quello che hanno da perdere: possono perdere il diritto di voto. Essi possono perdere l’azione affermativa. Possono perdere la nozione che il governo federale vede il razzismo come un grave problema negli Stati Uniti.

JW: Ho visto una domanda provocatoria citata sul New York Times: in cosa sono i manifestanti che abbattono le statue della guerra civile diversi dall’ISIS e dai talebani che distruggono monumenti e musei storici?

EF: Non credo che nessuno abbia identificato la statua di Robert E. Lee come patrimonio culturale mondiale come quei Buddha giganti che sono stati distrutti dai talebani. Il punto principale è che abbattere le statue è spesso un segno del cambiamento del regime. Qual era la prima cosa che le truppe americane hanno fatto quando hanno marciato dentro Baghdad nel 2003 durante la guerra in Iraq? Hanno distrutto la statua di Saddam Hussein. Non ricordo molte persone che dicevano: “Non dobbiamo farlo. Questo è distruggere la storia. Saddam Hussein fa parte della storia. Puoi non piacerti, ma è comunque questa è storia”, No. Noi abbiamo detto:” Grande, buttiamolo giù”. Oppure nel ’91 con la caduta dell’Unione Sovietica, le folle marciavano alla sede del KGB e abbattevano la statua del fondatore del KGB. Nessuno ha detto: “Oh, interferiscono con la storia”. Quando i regimi cambiano, anche la presentazione pubblica della storia cambia. Ma il gran numero di statue confederate in tutto il Sud spinge a chiedersi quanto sia cambiato il regime in questo paese, in realtà, dai tempi della Guerra Civile.

https://www.thenation.com/article/eric-foner-white-nationalists-neo-confederates-and-donald-trump/

Segnalo la traduzione di una sua lettera al New York Times sul film “Lincoln” di Steven Spielberg.

White nationalist demonstrators walk into Lee park surrounded by counter demonstrators in Charlottesville, Va., Saturday, Aug. 12, 2017. Gov. Terry McAuliffe declared a state of emergency and police dressed in riot gear ordered people to disperse after chaotic violent clashes between white nationalists and counter protestors. (AP Photo/Steve Helber)

White nationalist demonstrators walk into Lee park surrounded by counter demonstrators in Charlottesville, Va., Saturday, Aug. 12, 2017. Gov. Terry McAuliffe declared a state of emergency and police dressed in riot gear ordered people to disperse after chaotic violent clashes between white nationalists and counter protestors. (AP Photo/Steve Helber)

white-supremacist-rally-charlottesville
da notarsi i fasci sugli scudi da James Fields, il giovane “suprematista bianco” che si è scagliato con la sua auto contro il corteo antirazzista e antifascista uccidendo Heather Heyer, giovane attivista dei Democratic Socialist of America

Leave a Reply