Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

IL COMUNISTA FILIPPO TURATI

Non suoni come provocazione il titolo di questo post. Il più autorevole esponente del riformismo socialista italiano si considerava comunista. Fino alla rivoluzione d’Ottobre tutti i comunisti marxisti si definivano socialisti o socialdemocratici. Di solito erano gli anarchici più spesso a definirsi comunisti.  Insomma tutti i socialisti erano comunisti e viceversa. Persino il padre del riformismo socialdemocratico. il tedesco Eduard Bernstein, era un comunista. Il comunismo era il fine ultimo dei socialisti. Solo con la rivoluzione d’Ottobre si creò la distinzione socialisti/comunisti novecentesca. Lenin cambiò nome al suo partito – che quando prese il Palazzo d’Inverno si chiamava ancora socialdemocratico – e ritornò all’aggettivo del Manifesto di Marx e Engels. Da quel momento ci si abituò a chiamare comunisti i seguaci di Lenin e socialisti quelli che non aderivano alla Terza Internazionale. E proprio sulla base di questa lunga storia Turati rivendicò il suo socialismo/comunismo proprio in quel congresso di Livorno in cui la frazione comunista uscì dal teatro Goldoni cantando L’Internazionale per andare a fondare il Partito Comunista d’Italia. In quell’intervento che è bene rileggere e che vi ripropongo Turati volle chiarire e circoscrivere la divergenza pur asprissima in quei giorni. Turati era stato avversario del massimalismo e lo fu ancor di più dei comunisti della Terza Internazionale ma non smise mai di battersi per il socialismo. E nel suo intervento andava anche oltre e ricordava la condivisione del fine ultimo non solo con i comunisti seguaci di Lenin ma anche con gli anarchici: “Noi siamo figli del Manifesto del 1848. Tutti!”. Quelli che convertitisi al neoliberismo si spacciano per “riformisti” e si fan scudo di Turati sono degli imbroglioni perchè Turati fu tutta la vita dalla parte della classe lavoratrice e per il superamento del capitalismo. Il vecchio Turati rivendicava la continuità e la coerenza del suo percorso di militante del movimento operaio e socialista che da giovane corrispondeva con Engels e fondava il giornale “Lotta di classe”. Anche dopo il 1921 quando si consumò la rottura e il vecchio Turati fondò con Treves e Matteotti il Partito Socialista Unitario non perse la fedeltà alla lotta di classe. E non mancarono di riconoscere i suoi meriti nel dopoguerra anche i comunisti del PCI. Nel 1957 in occasione del centenario L’Unità gli dedicò un articolo in cui si relativizzarono le severe critiche di Gramsci degli anni ’20 e le ingiuste accuse nei suoi confronti del Togliatti del periodo del “socialfascismo” staliniano dei primi anni ’30 erano già state accantonate non appena cominciò la stagione dei fronti popolari. Nel 1982 Terracini che era stato uno dei protagonisti della scissione  di Livorno definì il discorso di Turati «un’anticipazione certamente intelligente e, direi, quasi miracolosa, profetica di una realtà che in tempi successivi venne poi maturando».

Dagli anni ’80 va avanti invece un equivoco (o un imbroglio?) cominciato con la trasformazione dei partiti socialdemocratici europei in partiti non più anticapitalisti, non più di classe e progressivamente convertiti dopo il 1989 al neoliberismo. Nel corso degli anni ’80 tutti i partiti di massa del movimento operaio europeo furono sconfitti, dal Labour al PCI di Berlinguer. Olof Palme fu assassinato. Ma contò ancor di più il dato strutturale della trasformazione del capitalismo, con il postfordismo e la globalizzazione, che ha ridotto notevolmente il peso della classe operaia della grande fabbrica nei paesi occidentali e ha riconquistato anche l’egemonia ideologica nella cultura di massa. Da allora – la stagione cominciò in Italia con Craxi e poi fu ripresa dagli ex-comunisti – hanno cominciato a definirsi “riformisti” i sostenitori delle “riforme” neoliberiste. Un’operazione orwelliana che, con grande precisione di storico, ha smontato Paolo Favilli in un libro di qualche anno fa “Il riformismo e il suo rovescio”(Franco Angeli editore) che prendeva spunto dalla nascita del Pd di Veltroni. Il riformismo di oggi non ha alcun elemento di continuità con il riformismo storico della tradizione socialista. Ne è invece l’esatto rovescio. Non ci troviamo di fronte alla trasformazione o all’evoluzione di un’identità – processo di per sé naturale ed inevitabile, perché l’identità sono sempre dinamiche e soggette a sviluppo – ma all’acquisizione in blocco dell’identità altrui, come ha scritto lo storico Gianpasquale Santomassimo. Con la rivendicazione del “riformismo” da parte di Renzi e del criminale di guerra Tony Blair si è raggiunta l’apoteosi. Neanche i morti saranno al sicuro se vince il nemico, scriveva Benjamin e aveva proprio ragione. C’è un’intera storia del movimento operaio e socialista che va recuperata, studiata, difesa. 

Rileggiamo l’intervento di Filippo Turati a Livorno: 

 “Compagni amici, e compagni avversari; non voglio, non debbo dire nemici. A Bologna, un anno fa, in un discorso molto contrastato, che forse ebbe tuttavia qualche conferma dai fatti, io vi pregavo di accogliere le mie parole come un testamento. Io non debbo, senza volere avere la sciocca presunzione, e ridicola, di aggiungere lugubre solennità alle mie parole, poche parole, non debbo e non posso farvi altra dichiarazione oggi. Più che mai, anzi, debbo ringraziare il Partito ed il Congresso che mi ha lasciato in vita, che mi lascia tuttora in vita. È stato un pò il mio  destino d’essere sempre un imputato, davanti a questo o quel tribunale, e quando è un tribunale rivoluzionario, che non vi schianta completamente, che non vi lascia qualche respiro, è un tribunale molto mite, a cui bisogna essere grati. Continue reading IL COMUNISTA FILIPPO TURATI

Luciano Barca contro una sinistra non “antagonista” (1990)

Su twitter la fondazione Feltrinelli ci informa che ricorre il 21 novembre il centenario della nascita di Luciano Barca. Così ne tratteggia sinteticamente il profilo: “Partigiano, parlamentare, direttore di Unità e Rinascita, braccio destro di Enrico Berlinguer, Luciano Barca ha contribuito a fare la storia del Partito Comunista in Italia nel secondo Novecento”. Sul sito della fondazione si trova una biografia meno sintetica di quella su twitter e soprattutto l’archivio di documenti lasciati dal vecchio dirigente comunista. Io vorrei ricordare Luciano Barca anche come uno dei dirigenti storici che nel 1989-1991 si schierarono per il NO alla “svolta della Bolognina” che portò allo scioglimento del Partito Comunista Italiano e come uno dei promotori della mozione della “Rifondazione Comunista” (dovrei avere da qualche parte le fotocopie della sua relazione al convegno di Arco). Successivamente come Ingrao, Tortorella e altri decise di rimanere nel PDS e continuare lì la battaglia per poi uscirne nel 1998 ai tempi dei governi di centrosinistra e della guerra nella ex-Jugoslavia. Ripropongo un suo articolo dall’Unità del 22 dicembre 1990 in cui esprimeva alcune delle ragioni del dissenso nei confronti delle posizioni di Occhetto e Napolitano. Mi sembra interessante perchè si intravede molto bene che il cambio di nome fin dall’inizio sottintendeva una mutazione genetica che abbiamo visto svilupparsi rapidamente negli anni ’90 fino alla nascita del PD. 
 
La destra, il riformismo e una doppia contraddizione
LUCIANO BARCA
A questa nuova fase dei rapporti tra Pci e Internazionale socialista noi vogliamo portare tutta la peculiarità della nostra storia, non già per dare lezioni né per riceverne, ma per far fruttare, nel confronto dialettico con altre esperienze, un patrimonio che non può essere ignorato. Si tratta di un brano della mozione «Rifondazione comunista»?

Continue reading Luciano Barca contro una sinistra non “antagonista” (1990)

Emilio Lussu: Destra e Sinistra

Che vuol dire essere a sinistra? Siccome io affermo che tu sei stato sempre a destra ed io a sinistra, devo precisare.
Innanzitutto essere a sinistra presuppone (…) una formazione psicologica.
(…) Psicologicamente, io sono stato sempre a sinistra, certo per atavismo. Gente di montagna i miei avi non pagarono mai i diritti feudali; e non già in grazia a uno speciale privilegio, ma perché sopprimevano gli esattori baronali, regolarmente nei passaggi obbligati. Ne è derivato che, in me, la rivolta a dare quanto non è dovuto è istintiva.
Il primo impulso è quello, e poi la ragione lo conferma.
(…) il senso di giustizia è quindi moltiplicato per due.
Questo senso di giustizia (…) mi ha portato al socialismo. E il fastidio che (…) mi da l’autorità (…) esplode poi in umorismo, cioè il sentimento innato di rivolta, reso incruento e addolcito dall’educazione e dalla cultura.
Ecco psicologicamente, la destra e la sinistra. E mi permetterai che ti dica che tu (…) sei sempre stato a destra. (…)l’autorità ti ha sempre sedotto. 
Per uno di sinistra il potere è solo un posto di responsabilità e di lotta, psicologicamente identico al posto che differenti momenti politici impongono si occupi in carcere, al confino, in esilio o fra i partigiani.
La sinistra, tu mi dici, deve consistere nel creare un governo amico dei lavoratori, capace, onesto, coraggiosamente riformatore. No, mio caro questo è essere a destra. Essere a sinistra consiste nel basare la lotta politica e ogni conquista della classe operaia e dei lavoratori nella lotta autonoma , sindacale, sociale e politica; essere presenti sempre nella lotta.
(…)All’atto della Liberazione a sinistra erano quelli che, stando nella lotta, intendevano legarla alla realtà, ed evitare il precipizio erano a destra quelli che pensavano che ormai non rimaneva altra da fare, tutto essendo già stato fatto.
Ed erano a destra quelli che ottenuta la Costituzione  si rimettevano ai loro governi. La lotta per la democrazia non conosce riposo.
Essere a sinistra consiste nel creare non un governo amico dei lavoratori ma un governo dei lavoratori.
Ed è nella sinistra accettare il metodo democratico, erigerlo, imporlo agli altri, respingere con la violenza la eventuale violenza di chi, abbandonato il metodo democratico, ricorresse alla violenza, assente o complice lo Stato.

 

E basta davvero

Con affetto, tuo
Mondo Operaio, 28 giugno 1957

Gramsci: economia e ideologia/ politica e struttura sociale

Struttura superstruttura. Economia e ideologia. La pretesa (presentata come postulato essenziale del materialismo storico) di presentare ed esporre ogni fluttuazione della politica e dell’ideologia come una espressione immediata della struttura, deve essere combattuta teoricamente come un infantilismo primitivo, o praticamente deve essere combattuta con la testimonianza autentica del Marx. scrittore di opere politiche e storiche concrete. Per questo aspetto sono importanti specialmente il 18 Brumaio e gli scritti sulla Quistione Orientale, ma anche altri (Rivoluzione e Controrivoluzione in Germania, La guerra civile in Francia e minori), Un’analisi di queste opere permette di fissar meglio la metodologia storica marxista, integrando, illuminando e interpretando le affermazioni teoriche sparse in tutte le opere. Si potrà vedere quante cautele reali Marx introduca nelle sue ricerche concrete, cautele che non potevano trovar posto nelle opere generali (esse potrebbero trovar posto solo in una esposizione metodica sistematica tipo Bernheim, e il libro di Bernheim potrà essere tenuto presente come «tipo» di manuale scolastico o «saggio popolare» del materialismo storico, in cui oltre al metodo filologico ed erudito – cui per programma si attiene il Bernheim, sebbene sia implicita nella sua trattazione una concezione del mondo – dovrebbe essere esplicitamente trattata la concezione marxista della storia). Tra queste cautele si potrebbero elencare come esempio queste:

Continue reading Gramsci: economia e ideologia/ politica e struttura sociale

Jonah Raskin: The Revolution Will Not Be Televised: Omaggio a Gil Scott-Heron

Jonah Raskin è autore di una bella biografia di Abbie Hoffman e guardando su Netflix “Il processo ai Chicago 7” mi è tornato in mente questo suo articolo che aiuta a capire la strategia degli yippies. La prima volta che ascoltai Gil Scott-Heron fu quando andai a vedere il film No Nukes sui concerti che alla fine degli anni ’70 artisti molto famosi della scena USA (tutti reduci degli anni ’60 e dei primi ’70 tranne Springsteen) avevano tenuto per sostenere il movimento antinucleare. A Abbie Hoffman, che da ricercato in clandestinità si era creato la nuova identità di Berry Freed con cui era diventato un leader riconosciuto in tutto il paese del movimento ambientalista, questo riattivarsi della scena rock nell’impegno sociale piacque molto. Era uns egno che lo spirito dei sixties non era stato del tutto normalizzato. Per saperne di più sul più geniale marxista psichedelico dei sixties consiglio di leggere la sua autobiografia pubblicata dalla Shake edizioni underground qualche anno fa (bellissima!). L’articolo di Raskin mi rincuora: se mi invitano nei talk sarà perchè sono un vero rivoluzionario?

L’artista e poeta jazz Gil Scott-Heron si sbagliava quando nel 1970 disse: “La rivoluzione non sarà trasmessa in televisione”. Ma forse era solo un pio desiderio ed esprimeva ciò che voleva e non ciò che effettivamente vedeva e sentiva intorno a lui.
Più probabilmente, era ironico e commentava il bizzarro mondo della comunicazione di massa.
Puoi ancora apprezzare l’ironia di Scott-Heron in versi come “La rivoluzione non ti sarà offerta dal
Teatro Schaefer Award e non avrà come protagonista
Le star Natalie Woods e Steve McQueen o Bullwinkle e Julia
La rivoluzione non renderà sexy la tua bocca”.

Scott-Heron è morto nel 2011 all’età di 62 anni. I suoi numerosi fan lo adorano ancora e apprezzano la sua abilità artistica unica in album come Pieces of a Man e Winter in America.

In effetti, gli sconvolgimenti culturali e politici degli anni ’60 e ’70, da Selma, Alabama, a Woodstock, New York, furono registrati, filmati, registrati e trasmessi. Coloro che erano vivi nel 1968 e che erano incollati ai loro schermi televisivi hanno assistito alla “rivolta della polizia” nelle strade di Chicago. Hanno anche sentito i manifestanti gridare: “Il mondo intero sta guardando”.
Quella era un’esagerazione. Il mondo intero non stava solo guardando Chicago. Stava anche guardando Praga e Parigi e altri punti caldi della ribellione in tutto il mondo. Ma agli americani spesso piace pensare di essere al centro del mondo e che tutti nel mondo guardano gli Stati Uniti. Quanto sia fallace questa nozione, è evidente a chiunque viaggi in Europa, Asia e Sud America e vede che i notiziari non trattano solo di Donald Trump e della Casa Bianca.
Nel 1789, i rivoluzionari parigini presero d’assalto la Bastiglia perché aveva armi e munizioni. Nel 2014, le forze filo-russe hanno sequestrato la stazione televisiva di Donetsk, spento la TV ucraina e sostituita con canali televisivi di Mosca. Sapevano che la TV oggi è molto più potente di un carro armato o di un jet. Continue reading Jonah Raskin: The Revolution Will Not Be Televised: Omaggio a Gil Scott-Heron