Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Bici gratis sui treni in Abruzzo: finalmente si dà attuazione alla mia norma del 2012. Ma gli utenti non lo sanno

treno_biciFinalmente da dicembre Regione Abruzzo e Trenitalia hanno dato attuazione alla norma che feci approvare nel 2012 che prevedeva il trasporto gratuito sui treni regionali delle biciclette al seguito dei viaggiatori. Presentai la proposta raccogliendo la sollecitazione del Coordinamento Ciclabili Abruzzo Teramano.
Ci sono voluti 5 anni ma alla fine la misura si è concretizzata ed è stata inserita nel contratto di servizio 2017 con Trenitalia (che ancora non si trova sul sito della Regione e di Trenitalia).

Purtroppo Regione e Trenitalia non hanno pubblicizzato tale opportunità e da dicembre 2016 a fine di gennaio solo in ventotto hanno usufruito del servizio, secondo i dati forniti non a caso dalla Fiab.
Ora è bene diffondere la notizia e verificare che il servizio funzioni davvero.
Si tratta di un’opportunità per favorire il cicloturismo ma anche per rendere più vivibili le nostre città.
Incentivare l’intermodalità e l’uso della bicicletta da parte di lavoratori e studenti nei percorsi casa-lavoro-studio fa bene alla salute di cittadine e cittadini e rende meno inquinata l’aria che respiriamo.
Essendo il cicloturismo un settore in fortissima espansione è importante valorizzare questa misura con la dovuta informazione e anche con il coordinamento con le altre regioni dell’Adriatico e il Lazio. Purtroppo in questi due anni e mezzo il presidente D’Alfonso si è tenuta stretta la delega al turismo senza combinare nulla e nonostante le bellezze naturalistiche e storiche della nostra Regione siamo in fondo alla classifica.

Rimane il problema che con i tagli contenuti nello stesso Contratto di servizio sottoscritto dalla Regione diventa a volte una fatica trovare il treno dove far salire bicicletta.

Sulla linea adriatica molti treni transitano ma non si fermano. Con i nuovi orari molte stazioni di città importanti quali Silvi, Francavilla, Montesilvano hanno perso treni in orari e tratte importanti.
Per non parlare della Sulmona-L’Aquila, una linea ferroviaria che oltre ad avere una funzione di collegamento fondamentale per studenti e pendolari, attraversa un’area di grande pregio naturalistico, il Parco Regionale Sirente-Velino e la valle dell’Aterno: ogni anno la tratta viene sistematicamente chiusa ad agosto con grave danno al turismo “verde” della zona, che l’uso della bici incentiverebbe senz’altro in maniera significativa.
Sulla Pescara-Roma che ha visto anche un aumento tariffario di circa € 2 per l’intera tratta, da dicembre sono in vigore degli orari che penalizzano di molto quanti dalla Capitale vogliano raggiungere l’Abruzzo. Non c’è infatti un collegamento utile che permetta di arrivare da Roma al mattino: il primo in partenza è addirittura alle 14:30, con arrivo sulla costa Adriatica alle 18:00! Davvero una abnorme assurdità, specie se vista in chiave turistica: di fatto si chiudono le porte al più grande bacino d’utenza italiano, a due passi da casa nostra.
Il problema dell’offerta inadeguata di trasporto ferroviario in Abruzzo rappresenta una delle maggiori criticità con cui la nostra Regione dovrebbe fare i conti aprendo un confronto serrato con Trenitalia e contestando un’impostazione nazionale bipartisan che penalizza il nostro territorio e più in generale il trasporto pubblico come servizio. Anche in questo campo questo governo regionale non ha invertito tendenza.

Maurizio Acerbo, ex-consigliere regionale Abruzzo – Rifondazione Comunista

P.S.: va rilanciata anche la lotta per il trasporto bici sui bus urbani e extraurbani (una mia vecchia proposta che tutti dicevano di condividere ma che non hanno attuato)

criticalmassbanner

“Se la gioventù è questa, tenetevela”. Ennio Flaiano su Sanremo (1968)

Ho visto alla televisione una delle serate di Sanremo.
Ero a cena in casa di amici e non ho potuto sottrarmi. Questi amici intendevano vedere la trasmissione per ragioni di studio, essendo psicologhi e interessati ai fenomeni della cultura di massa.
Alla fine mi sono accorto che a loro quella roba piaceva.
Il fatto che a cantare fossero dei giovani, serviva a garantirli che la loro approvazione rientrava nell’aspetto giovanile del fenomeno. La verità è che a me lo spettacolo, non so più se ridicolo o penoso, di quella gente che urla canzoni molto stupide e quasi tutte uguali, lo spettacolo mi è parso di vecchi.
Comunque, se la gioventù è questa, tenetevela.
Non ho mai visto niente di più anchilosato, rabberciato, futile, vanitoso, lercio e interessato. Nessuna idea, nelle parole e nei motivi. Nessuna idea nelle interpretazioni. E alcune mi venivano segnalate come particolarmente buone. C’era un tale per esempio, coi capelli alla bebè che sembrava protestare contro il fatto che malintenzionati gli tirassero delle pietre. Non si capiva perché si lamentasse tanto. Avrebbe voluto che gli tirassero delle bombe? Oppure? Che un tipo simile venga lapidato dovrebbe essere normale. È brutto, sporco e probabilmente velenoso.
So bene che è inutile lamentarsi sui risultati di una politica produzione-consumo. Interessi economici molto forti possono modificare non soltanto il gusto, ma la biologia di un popolo che cade in questa impasse.
La trasmissione era ascoltata, dicono, da 22 milioni di telespettatori, che è a dire tutta l’Italia – il paese dei mandolini.

Estratto da Ennio Flaiano, Diario degli errori (su facebook ci si imbatte in citazioni formidabili). Va detto che nel libro il testo è datato 1968 ma il riferimento alla canzone scritta da Gian Pieretti e Ricky Gianco e interpretata da Pieretti e Antoine “Pietre” fa pensare che in realtà risalga al 1967. L’edizione del suicidio di Luigi Tenco. 

Flaiano-2

Pescara: altri 235.000 euro per i Giochi sulla spiaggia del 2015. Dove sono i rendiconti?

malago alessandrini Ma non erano stati già stanziati almeno 3 milioni? Se non escono rendiconti dei Giochi ci rivolgeremo alla magistratura

 
Apprendo da un servizio televisivo che la Giunta Comunale di Pescara si appresta a sborsare 235.000 euro per coprire una parte delle spese per i Giochi del Mediterraneo sulla spiaggia svoltisi a Pescara nel 2015.
Il vicesindaco Enzo Del Vecchio dichiara in tv che si tratterebbe di una piccola somma. A me non sembra che sia un “piccolo contributo” ma soprattutto non capisco perchè ci sia bisogno di altri soldi.
Infatti secondo quanto si è appreso sulla stampa questi Giochi sarebbero stati finanziati con almeno 3 milioni di euro di cui 1,5 con fondi Fas stanziati dalla Regione Abruzzo e almeno altrettanti dal Coni. Qualcosa ci ha messo anche la Fondazione Pescara Abruzzo e non so quanti altri enti. Alcune fonti avevano parlato di un ammontare di 4,5 milioni.

La manifestazione sportiva si è tenuta nel 2015 ma non è stato reso pubblico il rendiconto delle spese.

Il sito della manifestazione è morto e non mi pare che Regione, Coni o Comune abbiano reso pubblico rendiconto (il sito della manifestazione: https://www.pescara2015.it/).

Come sono stati spesi questi milioni di euro?
La trasparenza è un dovere trattandosi di fondi pubblici.
Il Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo sulla spiaggia – Pescara 2015 avrà a conclusione della manifestazione predisposto un rendiconto ma sarebbe doveroso renderlo pubblico. Francamente li ho cercati su internet ma non li ho trovati.
Possibile che i conti dell’Expo’ sono facilmente consultabili e quelli dei Giochi pescaresi no?
Dal 2015 ho chiesto con comunicati pubblicati su giornali e siti on line dove fossero rendiconti ma mai dal Comune, dalla Regione, dal CONI o dal Comitato Giochi è arrivata una sola informazione.
 
Ricordo che la delibera della Giunta Comunale n.339 dell’8 giugno 2015 con un sedicente “progetto esecutivo” per la realizzazione dell’evento prevedeva  una spesa di 1,5 milioni. E con il resto cosa hanno fatto?
 
Come hanno speso milioni di euro? Ci dovrebbe essere un rendiconto dettagliato ma dov’è?
Ho pubblicamente chiesto più volte da un anno e mezzo che qualche parlamentare, consigliere regionale o comunale chiedesse il rendiconto dei Giochi ma nessuno si è attivato. Spero che ora – dopo le polemiche in Consiglio Comunale – vengano finalmente fuori i rendiconti dettagliati della manifestazione.
 
Il sindaco di Pescara lo scorso ottobre ha conferito il Delfino d’Oro al Presidente del CONI Malagò, lo stesso che voleva a tutti costi le Olimpiadi a Roma. Lo ha definito “compagno di viaggio presente e concreto in occasione dei Giochi del Mediterraneo sulla spiaggia” in quella che secondo lui è stata “una filiera istituzionale compatta e motivatissima”.
Sarà ma a me sembra che si tratti di una filiera che gestisce milioni di euro di denaro pubblico senza la minima trasparenza.
 
Ho più volte invitato pubblicamente parlamentari, consiglieri regionali e comunali a richiedere il rendiconto della manifestazione.
Spero che finalmente qualcuno si attivi. 
 
Non escludiamo di rivolgerci alla magistratura se permane questa palese mancanza di trasparenza.
 
 
Maurizio Acerbo, ex-consigliere comunale di Pescara
Rifondazione Comunista
AGGIORNAMENTO: il vicesindaco mi comunica che sul sito del Comune sono stati messi rendiconti Giochi, eccovi il link
 

Angela Davis: intervento alla Marcia delle donne contro Trump a Washington

angeladavis-1236133-640x360

In un momento difficile della nostra storia, dobbiamo ricordare a noi stessi che noi le centinaia di migliaia, i milioni di donne, transessuali , uomini e giovani che siamo qui alla Marcia delle donne, noi rappresentiamo le potenti forze del cambiamento che sono determinate a evitare che le culture morenti del razzismo, dell’etero-patriarcato risorgano di nuovo.
Noi riconosciamo che siamo agenti collettivi della storia e che la storia non può essere cancellata come le pagine web. Sappiamo che ci riuniamo oggi pomeriggio sulla terra indigena e noi seguiamo l’esempio dei primi popoli che nonostante la massiccia violenza genocida non hanno mai rinunciato alla lotta per la terra, l’acqua, la cultura, la loro gente. Noi in particolare salutiamo oggi i Sioux di Standing Rock.
Le lotte per la libertà dei neri che hanno plasmato la natura stessa della storia di questo paese non possono essere cancellate con il movimento di una mano. Non possiamo dimenticare che le vite dei neri contano. Questo è un paese ancorato alla schiavitù e al colonialismo, il che significa che nel bene e nel male la storia stessa degli Stati Uniti è una storia di immigrazione e riduzione in schiavitù. Diffondere la xenofobia, lanciare accuse di omicidio e stupro e la costruzione di muri non cancellerà la storia.
Nessun essere umano è illegale.
La lotta per salvare il pianeta, per fermare i cambiamenti climatici, per garantire l’accessibilità all’acqua dalle terre degli Standing Rock Sioux, a Flint, Michigan, alla West Bank della Cisgiordania e a Gaza. La lotta per salvare la nostra flora e fauna, per salvare l’aria – questo è il ground zero della lotta per la giustizia sociale.
Questa è una marcia delle donne e questa marcia delle donne rappresenta la promessa di un femminismo contro i poteri perniciosi della violenza di stato.

E il femminismo inclusivo e intersezionale che invita tutti noi a unirci alla resistenza al razzismo, alla islamofobia, all’antisemitismo, alla misoginia, allo sfruttamento capitalistico.
Sì, salutiamo la lotta per il salario minimo orario di 15 dollari. Noi ci dedichiamo alla resistenza collettiva. Resistenza ai miliardari profittatori delle ipoteche e gentrificatori. Resistenza ai corsari dell’assistenza sanitaria. Resistenza agli attacchi contro i musulmani e gli immigrati. Resistenza agli attacchi contro le persone disabili. Resistenza alla violenza di stato perpetrata dalla polizia e attraverso il complesso industriale carcerario. Resistenza alla violenza di genere istituzionale e intima, in particolare contro le donne trans di colore. I diritti delle donne sono diritti umani in tutto il pianeta ed è per questo che diciamo libertà e la giustizia per la Palestina. Noi celebriamo il rilascio imminente di Chelsea Manning. E di Oscar López Rivera. Ma diciamo anche liberate Leonard Peltier. Liberate Mumia Abu-Jamal. Liberate Assata Shakur.
Nel corso dei prossimi mesi e anni saremo chiamati a intensificare le nostre rivendicazioni di giustizia sociale, a diventare più militanti nella nostra difesa delle popolazioni vulnerabili. Coloro che ancora difendono la supremazia dell’etero-patriarcato del maschio bianco farebbero meglio a fare attenzione.
I prossimi 1.459 giorni dell’amministrazione Trump saranno 1.459 giorni di resistenza: resistenza sulle strade, resistenza nelle aule scolastiche, resistenza sul posto di lavoro, resistenza nella nostra arte e nella nostra musica.
Questo è solo l’inizio e con le parole dell’ inimitabile Ella Baker, ‘Noi che crediamo nella libertà non possiamo riposare fino a quando non arriva’. Grazie.

Freddo polare: ma del dormitorio alla stazione promesso nel 2015 nessuna traccia 

In queste ore in cui l’abbassamento della temperatura è assai pericoloso il pensiero non può non andare alle persone senza tetto. Sappiamo che Comune e volontariato si sono organizzati per l’emergenza (il numero diretto del Comune per segnalare persone che dormono in strada o sono in evidente stato di difficoltà è il 349.7856242). Speriamo che tutti coloro che ne hanno bisogno trovino ricovero e nessuno rimanga per strada al gelo.

Però non possiamo non denunciare che ancora una volta è incomprensibile il perchè non si trovi una soluzione dignitosa e definitiva come, tra l’altro, promesso dall’amministrazione comunale di Pescara.
Era stato assunto l’impegno dall’allora assessore Diodati di realizzare un DORMITORIO nei locali del rilevato ferroviario e/o della stazione. Era il 2015 e si dichiarava che… si va verso la realizzazione di un dormitorio comunale
 
A prescindere dal freddo è comunque vergognoso nel 2017 che la gente dorma nelle auto, per strada o tra ruderi.
Ci sono migliaia di metri quadrati liberi e facciamo dormire per strada la gente?
Ricordiamo che negli spazi del rilevato ferroviario affidati dalle ferrovie all’associazione On The Road ci sono ampi spazi che potrebbero essere adibiti a dormitorio. Perchè il progetto non si concretizza mentre si spendono soldi per opere di dubbia utilità?
Si sono programmati 1 miliardo e 500 milioni di euro per progetti del Masterplan ma la solidarietà sociale non è stata per nulla presa in considerazione dalla Regione.
Noi continuiamo a ritenere che la solidarietà sia l’infrastruttura più importante e che quelle risorse potevano essere destinate in parte per fare fronte all’emergenza abitativa e sociale.
Oppure potevano e possono essere individuati fondi nella programmazione dei fondi europei.
Invitiamo per l’ennesima volta Comune, Provincia e Regione a provvedere.

Si può rimodulare per esempio il piano degli investimenti per opere pubbliche del Comune e con un programma definito sistemare questo benedetto dormitorio in stazione entro pochi mesi?

Regione-Ovunque-6x3

la Regione è ovunque si parli di appalti ma per il resto latita

Maurizio Acerbo, ex-consigliere comunale PRC-SE 
 
Corrado Di Sante, segretario provinciale PRC-SE
P.S.: la nuova assessora comunale alle politiche sociali Antonella Allegrino sul Messaggero annuncia grandi programmi che non possiamo che salutare positivamente. Nel frattempo però si può finalmente concretizzare sto cavolo di dormitorio presso la stazione di cui si parla da anni?