Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Philippe Marlière: Il radicalismo di sinistra di Jean-Luc Mélenchon

melenchonHo trovato su Counterpunch un articolo su Mélenchon e ve lo propongo nella mia solita traduzione raffazzonata. La sinistra radicale e i comunisti in Francia stavano solo pochi anni fa assai peggio di noi (1,97%), ora sono la rivelazione della campagna elettorale. Giustamente Paolo Ferrero ha citato l’esperienza francese come buon esempio nell’interlocuzione con i compagni che hanno lanciato il manifesto per un nuovo soggetto politico. Buona lettura!

Superbamente ignorato dai media fino a poco tempo fa, Jean-Luc Mélenchon è la nuova moda del momento nella campagna presidenziale francese. In verità, durante il tentativo di conto per il suo drammatico aumento nei sondaggi – ultime notizie lo danno al 17% dei voti – la maggior parte dei commentatori non poteva fare a meno di ridicolizzare il candidato del Fronte della Sinistra.

Un’indagine dei principali articoli recentemente pubblicati dai media britannici fornisce un interessante “case study” su pregiudizi e incomprensioni politiche. Mélenchon è descritto come un “Anglo-Saxon basher con una voce lamentosa” (The Independent), un “populista” che è “all’estrema sinistra” (tutti i giornali) e un “bullo e un narcisista, venutofuori per provocare” (BBC ). Commenti più comprensivi lo paragonano a George Galloway o lo raffigurano come un “agitatore di estrema sinistra”, un “anticonformista” e il “pitbull dell’anti-capitalismo”.

Colpisce il fatto che la valutazione più favorevole della politica di Mélenchon rimane fuori bersaglio. Mélenchon è visto come un “leftwinger amabile, ma old-fashioned”. Questo non riesce a catturare l’essenza delle sue ambizioni politiche. L’ascesa di Mélenchon non ha nulla a che fare con ““1970s-style politics and nostalgia”, ma è legata invece al suo risoluta approccio all’attuale crisi capitalista. Racconta al pubblico che le politiche di austerità attuate in tutta Europa non sono solo ingiuste ma anche controproducenti (persino il Financial Times è d’accordo). L’abilità di Mélenchon nel dibattere serve la sua causa, ma è anche un pedagogo letterato: un politico degno che non ha mai partecipato a reality show volgari. Per di più, Mélenchon è un repubblicano francese e un socialista, non un “di estrema sinistra” o un politico marginale. Ha trascorso 30 anni nel partito socialista, senza successo, sostenendo che dovrebbe essere una forza al servizio dei lavoratori comuni, e lui era un ministro nel governo di Lionel Jospin.

L’oratoria è politicamente inutile se non si ha un importante messaggio da consegnare. Mélenchon ne ha uno: il neoliberismo ha fallito, quindi sarebbe un suicidio persistere con le sue politiche inadeguate. L’eurodeputato francese ha avuto anche un programma credibile. Nei discorsi didatticamente predisposti o nelle interviste ai media, si discosta radicalmente dai politici tradizionali, spiegando che la crisi economica è sistemica, vale a dire che è causata dalle nostre scelte e priorità politiche sbagliate. Le nostre società non sono mai stati più produttive e ricche come oggi, ma la maggioranza della popolazione sta diventando sempre più povera pur lavorando sempre più duramente. Il problema non è una questione di produzione di ricchezza (come neoliberisti e socialdemocratici alla Blair vorrebbero farci credere), ma di ridistribuzione della ricchezza.

In Francia gli esperti infuriati e gli oppositori definiscono il programma del Fronte di Sinistra un “incubo economico” o una “fantasia delirante”. Non dovrebbero invece utilizzare questa terminologia per descrivere la debacle bancaria o le politiche di austerità in tutta Europa? Il crescente numero  di sostenitori di Mélenchon lo vede come buon senso e salutare: una tassa del 100% sui redditi superiori a euro 300.000; pensioni complete per tutti a partire dall’età di 60 anni; riduzione dell’orario di lavoro, un aumento del 20% del salario minimo, e la  Banca centrale europea deve prestare ai governi europei al 1%, come avviene per le banche. Qui ci sono alcune misure concrete per sostenere le popolazioni impoverite. Si tratta di una rivoluzione? No, è il riformismo radicale; un tentativo di fermare le forme più intollerabili di dominio economico e di deprivazione nelle nostre società. II padroni ricchi e facoltosi (Boss Fat Cat nel testo) possono lasciare la Francia, ma saranno sostituiti da quelli più giovani e competenti, che lavoreranno per una frazione delle loro retribuzioni.

“Gli esseri umani Prima” è più di un titolo di un manifesto, è un imperativo democratico: una sesta repubblica  al posto della  corrente monarchia repubblicana, la nazionalizzazione delle imprese energetiche (come fonti di energia sono beni pubblici) e, meno spesso notato, la  pianificazione ecologica dell’economia, il nucleo del progetto politico di Mélenchon.

Mélenchon ha fatto alla democrazia francese un ulteriore favore. In un dibattito televisivo memorabile, ha sconfitto con forza l’estrema destra per la prima volta in 30 anni. Concentrandosi sui dettagli della politica, Mélenchon ha dimostrato che il programma di Marine Le Pen è stato regressivo per le donne. Inoltre, ha fatto a pezzi il mito del Fronte Nazionale come un partito che ha a cuore gli interessi della classe operaia. Le Pen è apparsa senza parole e a disagio.

La campagna di Mélenchon politicizza i giovani. Egli fa appello alla classe operaia, che, contrariamente ad alcune affermazioni, ha in gran parte evitato Le Pen ed era andata verso l’astensione dal voto. Per la prima volta da decenni, Mélenchon sta aiutando la sinistra a riconnettersi con le classi popolari. Per Mélenchon, la politica del libero mercato non funziona e infligge inutili sofferenze alla popolazione. Nessun altro politico europeo è in una posizione migliore di lui per argomentare in modo convincente quel punto.

Philippe Marlière is a Professor of French and European politics at University College London (UK). He can be reached at: p.marliere@ucl.ac.uk

SITOGRAFIA:

 http://www.jean-luc-melenchon.fr/

http://www.placeaupeuple2012.fr/

http://www.pcf.fr/

[chi è in grado di dare una sistemata alla traduzione può inviarmela a maurizioacerbo@gmail.com che poi la socializzo su controlacrisi.org]

1 comment to Philippe Marlière: Il radicalismo di sinistra di Jean-Luc Mélenchon

Leave a Reply