Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Il compagno Albert Einstein

Albert Einstein è il più celebre scienziato del Novecento e nell’immaginario è il genio per antonomasia, il pensatore eccentrico e anticonformista. Meno noto al grande pubblico è l’impegno politico e sociale che lo caratterizzò durante tutta la vita. Einstein fu perseguitato non solo dai nazisti ma anche durante l’esilio americano finì nel mirino dell’FBI che lo bollò come comunista e lo mise sotto sorveglianza per 22 anni fino alla morte nel 1955.  Il fascicolo FBI su Einstein è di 1800 pagine e potete ora consultarlo on line. Per l’FBI definire qualcuno “comunista” equivaleva a sostenitore dell’URSS di Stalin e in molti casi anche – come accadde a Einstein – a spia sovietica (cosa che l’Fbi non riuscì a dimostrare).  Di sicuro Einstein come la maggioranza degli antifascisti simpatizzò negli anni ’30 e ’40 per l’Urss di Stalin come principale baluardo contro il nazismo e di condividere campagne con i comunisti della Terza Internazionale. Ma successivamente non mancò di criticare le persecuzioni di cui venne a conoscenza. Meriterebbe una monografia lo studio del “comunismo” di Einstein. Di certo la consapevolezza dei limiti della costruzione del socialismo in Urss è evidente nel suo celebre articolo a favore del socialismo che fu pubblicato nel 1949 sul primo numero della rivista marxista americana Montly Review: “È necessario, tuttavia, ricordare che un’economia pianificata non rappresenta ancora il socialismo. Una tale economia pianificata potrebbe essere accompagnata dal completo asservimento dell’individuo. La realizzazione del socialismo richiede la soluzione di alcuni problemi sociali e politici estremamente complessi: in che modo è possibile, in vista di una centralizzazione di vasta portata del potere economico e politico, impedire che la burocrazia diventi onnipotente e prepotente? In che modo possono essere protetti i diritti dell’individuo, assicurando un contrappeso democratico al potere della burocrazia?”. Proprio dalla Montly Review vi propongo  un profilo politico di questo grande rivoluzionario. Buona lettura. 

(…) Le intuizioni di Einstein furono così rivoluzionarie che sfidarono non solo la dottrina consolidata nelle scienze naturali, ma alterarono anche il modo in cui le persone comuni vedevano il loro mondo. Negli anni ’20 raggiunse una fama popolare internazionale su una scala che non sarebbe diventata consuetudine fino all’ascesa dei tabloid saturi di celebrità contemporanei e dei canali di notizie via cavo. Le sue pubblicazioni scientifiche astruse e le sue interviste con la stampa popolare erano notizie in prima pagina e foraggio per i cinegiornali. Di solito assente, comunque, è stata ogni sobria discussione sulla sua partecipazione alla vita politica dei suoi tempi come uno schietto radical, specialmente nei profili e nelle biografie dopo la sua morte.

Albert Einstein nacque il 14 marzo 1879 in una famiglia ebraica tedesca liberale, laica e borghese. L’infanzia del giovane Albert e la prima adolescenza non sembrano essere state fuori dall’ordinario. Come molti giovani del tardo diciannovesimo secolo, era curioso, leggeva Darwin e si interessava del mondo materiale, cioè del mondo naturale, e desiderava sondare gli arcani della natura, in modo da discernere la legge nella legge“.

Nel 1895, Einstein, all’età di sedici anni, rinunciò alla cittadinanza tedesca e si trasferì in Svizzera. La sua ragione principale era di evitare il servizio militare e anche di completare la sua formazione al Politecnico di Zurigo. Lì alla fine ottenne il suo dottorato di ricerca in un clima relativamente libero dall’antisemitismo che pervadeva le università tedesche e austriache. Ma Zurigo riservò altre ricompense. Einstein trascorse molto tempo all’Odeon Café, un ritrovo per i radicali russi, tra cui Alexandra Kollontai, Leon Trotsky e, qualche anno dopo, Lenin. Einstein ammise di aver passato molto tempo all’Odeon, anche  perdendo le lezioni per partecipare ai dibattiti politici inebrianti della caffetteria.

Non riuscendo a trovare un lavoro accademico, Einstein andò a lavorare nel 1902 nell’ufficio brevetti svizzero a Berna. Fu lì nel 1905 che ebbe il suo annus mirabilus, pubblicando articoli sulla straordinaria teoria della relatività, sulla meccanica quantistica e sul moto browniano. Nel 1914 gli fu offerta e accettò una cattedra a Berlino. Fred Jerome, autore di The Einstein File,* nota che l’offerta di lavoro fu probabilmente il risultato di una competizione tra università in Gran Bretagna, Francia e Germania alla ricerca di talento scientifico e tecnologico per perseguire gli obiettivi imperiali dei rispettivi governi. Sfortunatamente, Einstein prese il suo posto proprio mentre scoppiava la prima guerra mondiale con la Germania tra i principali belligeranti.

Einstein si oppose alla guerra, mettendolo in contrasto con i socialdemocratici tedeschi di cui era stato in precedenza simpatizzante, ma allineandosi con la minoranza del partito che vedeva la guerra come una disputa tra le classi dominanti dei belligeranti. Einstein si trovò in disaccordo anche con la maggior parte dei suoi colleghi scientifici. Max Planck, poi un fisico di statura pressoché equivalente a Einstein, e quasi un centinaio di altri scienziati firmarono un supernazionalista “Manifesto per il mondo civilizzato” che avallava gli obiettivi di guerra tedeschi in un linguaggio che prefigurava le declamazioni naziste della generazione successiva, razionalizzando la guerra come resistenza giustificabile a “orde russe”, “mongoli” e “negri” che erano stati “scatenati contro la razza bianca”. Einstein e solo altri tre risposero in un documento censurato a quel tempo dal governo tedesco, descrivendo il comportamento degli scienziati (purtroppo insieme a numerosi scrittori e artisti) come vergognosi. Almeno uno dei firmatari della risposta fu incarcerato. Einstein non lo fu; fu il primo esempio del potere della sua celebrità appena acquisita non solo nel proteggerlo, ma nel permettergli di parlare quando gli altri non potevano.

Nel turbolento dopoguerra Einstein continuò a parlare. Notoriamente, nel giorno in cui il Kaiser Wilhelm abdicò – accadde durante la quindicina di giorni che videro non solo l’armistizio, ma la caduta di altre sette monarchie europee, rimpiazzate, per il momento, da regimi liberali e socialisti – Einstein affisse un cartello sulla porta della classe che recitava “CLASSE CANCELLATA-RIVOLUZIONE”. Si era unito e aveva difeso gli studenti e colleghi liberali e radicali per la loro opposizione in tempo di guerra; ora era con loro nella loro resistenza postbellica al nascente militarismo revanscista che si sarebbe rapidamente trasformato nel nazismo.

La visibilità di Einstein fece di lui un bersaglio del revival del virulento antisemitismo. Il suo lavoro sulla relatività venne denunciato come una “perversione ebraica” non solo dai politici di estrema destra, ma anche da altri scienziati tedeschi. Einstein era ormai una figura internazionale illustre. Nel 1921 ricevette il Premio Nobel per la fisica per il lavoro sull’effetto foto-elettrico, che aveva dimostrato la natura quantistica della luce. Era anche una presenza visibile nella vita culturale e sociale della Repubblica di Weimar. Allo stesso tempo, Einstein divenne sempre più esplicito nelle sue opinioni politiche. Opponendosi alla crescente violenza razzista e jingoista e all’ultranazionalismo in Germania negli anni ’20, lavorò per l’unità europea e sostenne le organizzazioni che cercano di proteggere gli ebrei dalla crescente violenza antisemita. La sua vena egualitaria era irrefrenabile: contrastando l’aumento del costo delle tasse che gli studenti più poveri non potevano permettersi, Einstein di solito offriva lezioni di fisica gratuite al di fuori dell’orario di lavoro. Mentre la crisi economica e politica europea diventava sempre più acuta, Einstein usava sempre più i palchi in occasione di conferenze scientifiche per affrontare questioni politiche. “Non si faceva problemi”, osserva Jerome, “a discutere di relatività durante una conferenza universitaria al mattino e, in quella stessa serata, a esortare i giovani a rifiutare il servizio militare”.

Dal 1930 il partito nazionalsocialista di Hitler era destinato a diventare la forza politica dominante in Germania e Einstein, pur essendo ancora libero di esprimersi pubblicamente in patria, si trovava sempre più alla ricerca di sbocchi congeniali all’estero sia per la sua espressione scientifica che politica. Tenne conferenze in Gran Bretagna, nei Paesi Bassi e altrove in Europa e, dal 1930 in poi, ogni anno come visiting professor al California Institute of Technology. Il 30 gennaio 1933, i nazisti presero il potere e confiscarono le proprietà a Berlino di Einstein. A maggio, Goebbels, il ministro della propaganda di Hitler, organizzò un rogo pubblico di libri,  e in particoare dell’opera di Einstein; le foto delle atrocità vennero pubblicate in tutto il mondo. Dopo l’offerta di una generosa somma in denaro per il suo omicidio sui giornali nazisti, Einstein fu costretto a completare un giro di conferenze nei Paesi Bassi con la protezione delle guardie del corpo. Quell’inverno, mentre si trovavano a Cal Tech, lui e la sua famiglia decisero di non tornare a Berlino. Invece accettò un incarico a vita dall’Institute for Advanced Studies di Princeton, nel New Jersey, stabilendosi in una modesta casa in Mercer Street.

Lì, mentre cercava di orientarsi nel suo nuovo paese, Einstein lavorò accanitamente alla sua Teoria del campo unificato, un tentativo di dimostrare che l’elettromagnetismo e la gravità erano diverse manifestazioni di un unico fenomeno fondamentale. Sarebbe stata la sua principale preoccupazione scientifica per il resto della sua vita e rimane quella che continua ad animare la fisica e la cosmologia contemporanea.

Negli anni precedenti alla concessione della cittadinanza negli Stati Uniti nel 1940, le preoccupazioni politiche di Einstein furono concentrate sulle depredazioni dell’antisemitismo nazista e sull’ascesa del fascismo. Ancora una volta, sfruttando la sua fama, fece una petizione al governo per consentire ai rifugiati di emigrare negli Stati Uniti, ma senza risultato. Poi si unì ad altri intellettuali europei per chiedere a Eleanor Roosevelt di intervenire con suo marito, ma il risultato fu lo stesso. Questo non fu il primo conflitto di Einstein con l’amministrazione di FDR. Sostenne vigorosamente e pubblicamente le forze antifranchiste nella guerra civile spagnola. Mentre la Luftwaffe nazista bombardava i villaggi spagnoli, gli Stati Uniti, insieme alla Gran Bretagna e alla Francia, imposero un falso embargo di “neutralità”, negando alle truppe repubblicane le munizioni di cui avevano bisogno. Nonostante le dimostrazioni e gli appelli organizzati a cui Einstein prestò il suo nome, il blocco non fu mai revocato e il regime fascista imposto alla Spagna sopravvisse (con il sostegno degli Stati Uniti nel dopoguerra) per quasi quattro decenni. Quasi 3.000 volontari americani della Brigata Abraham Lincoln sfidarono il loro governo a combattere con la Repubblica, con Einstein come uno dei primi e zelanti sostenitori.

Nel 1939, su sollecitazione del fisico e compagno rifugiato dai nazisti, Leo Szilard, Einstein scrisse al presidente Roosevelt per mettere in guardia sui progressi tedeschi nella ricerca nucleare e sulla prospettiva che potessero sviluppare un’arma atomica. La lettera condusse allo sforzo degli Stati Uniti per costruire una bomba del genere. Resta l’atto pubblico più ricordato di Einstein. Tuttavia, una combinazione del timore del governo per il radicalismo di Einstein e la sua stessa riluttanza impedirono a Einstein di avere alcun ruolo nel Progetto Manhattan.

Dopo la guerra, Einstein protestò contro l’incenerimento di Hiroshima e Nagasaki. Fred Jerome cita un’intervista del 1946 al Sunday Express di Londra, in cui Einstein “incolpava del bombardamento atomico del Giappone la politica estera antisovietica del [presidente] Truman” ed esprimeva l’opinione che “se FDR fosse sopravvissuto durante la guerra, Hiroshima non sarebbe mai stata bombardata. “Jerome nota che l’intervista venne immediatamente aggiunta al sempre più voluminoso fascicolo del FBI in crescita su Einstein.

I primi anni del dopoguerra furono caratterizzati da una manipolata frenesia anticomunista nel governo e negli ambienti economici per sostenere gli obiettivi internazionali e nazionali degli Stati Uniti. Gli scienziati del Progetto Manhattan, che avevano in precedenza discusso l’uso della bomba nei mesi tra la sconfitta della Germania nel maggio 1945 e l’attentato di Hiroshima ad agosto, erano ben informati sulle questioni sollevate dalla bomba. Molti temevano una corsa agli armamenti nucleari tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica. Per fare pressione contro quella prospettiva, fondarono il Comitato di emergenza degli scienziati atomici (ECAS), che Einstein accettò di presiedere. In quel ruolo, Einstein cercò innanzitutto di incontrare il Segretario di Stato George C. Marshall per discutere di quella che considerava l’espansione militarista del potere degli Stati Uniti. Ricevette un rifiuto, ma in un’intervista con un ufficiale di medio livello della Commissione per l’energia atomica descrisse la politica estera di Truman come espansionismo antisovietico – Pax Americana furono le parole con cui descriveva quela che vedeva come ambizione imperiale degli Stati Uniti. Ci fu una forte risposta dell’opinione pubblica al messaggio antinucleare dell’ECAS, ma alla fine il gruppo non fu in grado di raggiungere l’obiettivo di rimuovere lo sviluppo atomico dall’esercito e di metterlo sotto controllo internazionale.

Un’altra importante preoccupazione politica di Einstein negli anni ’40 fu la persistenza del razzismo, della segregazione, del linciaggio e di altre manifestazioni di supremazia bianca negli Stati Uniti. Durante la guerra, il paese era stato mobilitato per sostenere lo sforzo bellico, sia sul campo di battaglia che sul fronte interno con la promessa di uguaglianza. In realtà, tuttavia, il messaggio ufficiale sulla giustizia razziale era, nel migliore dei casi, misto. FDR istituì un Fair Employment Practices Committee, un’ente con molte promesse ma con scarso potere di colpire la discriminazione sul posto di lavoro. E gli undici milioni di militari rimasero segregati. All’indomani della guerra, le dislocazioni economiche, i turni di lavoro e la carenza di alloggi sono furono tutti trattati nel solito modo di Jim Crow: nelle parole della canzone di Leadbelly “se sei nero, torna indietro, torna indietro, torna indietro” (“if you’re black, get back, get back, get back”).

La città di Princeton, nel New Jersey, dove viveva Einstein (e per questo anche la sua università), anche se a breve distanza da New York, avrebbe potuto essere nella vecchia Confederazione del Sud. Paul Robeson, nato a Princeton, la definì una “città della piantagione della Georgia”. L’accesso all’alloggio, al lavoro e all’università stessa (una volta guidata dal segregazionista Woodrow Wilson) venivano regolarmente negati agli afroamericani; la protesta o la sfida dovevano spesso vedersela con la violenza della polizia. Einstein, che aveva assistito a scene simili in Germania e che, in ogni caso, era un militante anti-razzista da lungo tempo, reagì contro ogni oltraggio. Nel 1937, quando il contralto Marion Anderson diede un concerto acclamato dalla critica a Princeton, ma gli fu negato l’alloggio nel segregato Nassau Inn, Einstein, che aveva assistito allo spettacolo, la invitò immediatamente a rimanere a casa sua. Lo fece e continuò a essere suao ospite ogni volta che cantava nel New Jersey, anche dopo che l’hotel divenne integrato.

Nel 1946, a fronte di una grande ondata di linciaggi a livello nazionale, Paul Robeson invitò Einstein a unirsi a lui come co-presidente dell’American Crusade to End Lynching. Il gruppo, che comprendeva anche W.E.B. Du Bois e altri nel movimento per i diritti civili, tenne una manifestazione a Washington nella quale Einstein avrebbe dovuto parlare. La malattia lo impedì, ma scrisse una lettera al presidente Truman chiedendo il perseguimento dei linciaggi, il passaggio di una legge federale contro il linciaggio e la cacciata del senatore razzista del Mississippi, Theodore G. Bilbo. La lettera fu consegnata da Robeson, ma l’incontro fu interrotto quando disse a Truman che se il governo non avrebbe protetto i neri avrebbero dovuto farlo da soli. Seguì un putiferio, ma Einstein, nella sua lettera, concordò con Robeson, scrivendo: “C’è sempre un modo per superare gli ostacoli legali ogni volta che c’è una volontà inflessibile al lavoro al servizio di una giusta causa”.

Einstein era disposto a usare la sua fama per la giustizia sociale, ma si rifiutava fermamente di accettare gli onori che la sua celebrità avrebbe potuto ottenere. Ci fu però un’eccezione. Nel maggio del 1946, Horace Mann Bond, presidente della Lincoln University, un’istituzione storicamente nera in Pennsylvania, assegnò allo scienziato una laurea ad honorem. Einstein, accettò, passando la giornata a fare lezione agli studenti universitari e a parlare, persino a giocare, con i ragazzi delle facoltà. Uno di questi era Julian Bond, allora il giovane figlio del presidente dell’università, che in seguito divenne un leader nel movimento per i diritti civili ed è ora presidente della NAACP. La stampa ignorò l’evento, ma nel suo discorso Einstein disse: “La visione sociale degli americani … il loro senso di uguaglianza e dignità umana è limitato agli uomini di pelle bianca. Più mi sento un americano, più questa situazione mi addolora. Posso sfuggire alla complicità solo dichiarandomi contrario”.

Questo impulso all’impegno politico portò Einstein ad agire sia sulla crisi interna nei rapporti razziali che sulla simultanea minaccia nucleare promossa dalla Guerra Fredda. Lo ha anche portato a sostenere il nuovo Partito Progressista insieme al suo vecchio compatriota Thomas Mann e al suo amico e vicino Ben Shahn, famosi per i suoi dipinti sul caso Sacco e Vanzetti, tra molti altri con temi politici. Il partito, formato dall’ala sinistra della vecchia coalizione del New Deal di Roosevelt, inclusi radicali, socialisti e comunisti, fu istituito come veicolo per dirigere l’ex vicepresidente Henry A. Wallace alla presidenza nel 1948. Einstein in particolare ammirava la posizione del partito contro Jim Crow ha prestato il suo prestigio e il suo sostegno, essendo stato fotografato con Wallace e l’altro sostenitore di terze parti Paul Robeson. Questo impulso all’impegno politico portò Einstein ad agire sia sulla crisi interna nei rapporti razziali che sulla simultanea minaccia nucleare promossa dalla Guerra Fredda. Lo ha anche portato a sostenere il nuovo Partito Progressista insieme al suo vecchio compatriota Thomas Mann e al suo amico e vicino Ben Shahn, famosi per i suoi dipinti sul caso Sacco e Vanzetti, tra molti altri con temi politici. Il partito, formato dall’ala sinistra della vecchia coalizione del New Deal di Roosevelt, inclusi radicali, socialisti e comunisti, fu istituito come veicolo per dirigere l’ex vicepresidente Henry A. Wallace alla presidenza nel 1948. Einstein in particolare ammirava la posizione del partito contro Jim Crow ha prestato il suo prestigio e il suo sostegno, essendo stato fotografato con Wallace e l’altro sostenitore di terze parti Paul Robeson. Le ultime due campagne nel Sud, nonostante i violenti attacchi contro di loro, hanno rifiutato di comparire davanti a un pubblico separato o di soggiornare negli hotel di Jim Crow. Con il sostegno di Einstein, Wallace ha anche chiesto il controllo internazionale e la messa al bando delle armi nucleari. Alla fine, tuttavia, un mix di sciovinismo antisovietico e le promesse tardive di Truman di programmi sociali liberali di tipo New Deal hanno causato il collasso del movimento Wallace. La rielezione a sorpresa di Truman rimosse tutti gli ostacoli all’accelerazione della guerra fredda e alla repressione ideologica che l’accompagnava. Con il sostegno di Einstein, Wallace proponeva anche il controllo internazionale e la messa al bando delle armi nucleari. Alla fine, tuttavia, un mix di sciovinismo antisovietico e di promesse tardive di Truman di programmi sociali progressisti del tipo New Deal causarono il collasso del movimento di Wallace. La rielezione a sorpresa di Truman rimosse tutti gli ostacoli all’accelerazione della guerra fredda e alla repressione ideologica che l’accompagnava.

Alcuni tra i sostenitori di Wallace si irritarono per l’incapacità del suo partito di andare oltre il progressismo del New Deal. Pensavano che il partito avrebbe dovuto prendere posizioni esplicitamente socialiste su questioni come la proprietà pubblica delle industrie di base, per esempio. Tra coloro che avevano questo punto di vista c’erano Leo Huberman e Paul M. Sweezy, fondatori di questa rivista come sede di analisi e commenti globali continui da una prospettiva socialista e marxista. Einstein applaudì la fondazione di Monthly Review, e, su richiesta dell’amico di Huberman Otto Nathan, scrisse il suo saggio, Why Socialism?, per il primo numero nel maggio 1949. Insieme alla celebrità di Einstein, la chiara affermazione dell’articolo a favore della causa del socialismo in termini logici, morali e politici attirarono l’attenzione sulla nascita di questa piccola rivista di sinistra.* Nel clima politico ostile di quel tempo, l’articolo fornì sicuramente l’incoraggiamento necessario sia all’autorevolezza che alla circolazione di questa rivista.

Alla fine della seconda guerra mondiale, Einstein si occupò anche della crisi degli ebrei europei in seguito al genocidio nazista. Identificato come ebreo laico, almeno dai suoi primi incontri con l’antisemitismo da bambino, fu un osservatore intimo e vittima intermittente di questa malattia ultranazionalista e reagiva ad essa come faceva con altri crimini di odio. Già nel 1921, quando compì il suo primo viaggio negli Stati Uniti per raccogliere fondi per l’insediamento di colonie ebraiche in Palestina, cercò soluzioni per la catastrofe imminente che stava affrontando la comunità ebraica europea. Resistette alle crescenti restrizioni legali ed extra-legali sulla vita ebraica nell’Europa centrale e orientale, sostenne (con scarso successo) la migrazione ebraica nelle Americhe e sostenne la creazione di quella che lui e altri chiamavano una “casa nazionale ebraica” in Palestina. Come tale è stato identificato con il sionismo, un’etichetta che non si adatta precisamente ma che non ha evitato attivamente. Nondimeno, si separò dai jingoisti e bigotti sionisti tra cui Vladimir Jabotinsky e Menachem Begin, e spesso dai sionisti tradizionali come Chaim Weizmann e David Ben Gurion. Nel 1930, Einstein scrisse: “Il nazionalismo opprimente deve essere sconfitto … Posso vedere un futuro per la Palestina solo sulla base di una cooperazione pacifica tra i due popoli che sono a casa nel paese … devono unirsi nonostante tutto”. Einstein continuò a sostenere uno stato ebraico e palestinese binazionale sia prima che dopo la guerra.

Nel 1946, con centinaia di migliaia di ebrei europei ancora “sfollati” e con gli alleati vittoriosi che non erano disposti ad assorbire nemmeno una parte della popolazione di rifugiati, Einstein apparve davanti a una commissione angloamericana di inchiesta sulla Palestina, chiedendo una “patria ebraica”. L’establishment sionista sembrava aver intenzionalmente travisato questo come un appello alla sovranità ebraica, quindi con l’aiuto del suo amico Rabbi Stephen Wise, lui chiarì la sua posizione. Gli ebrei, disse, dovrebbero essere in grado di emigrare liberamente nei limiti delle possibilità di assorbimento economico della Palestina, che a loro volta dovrebbero avere un governo che si assicurasse che non ci fosse una “‘Majorisation’ di un gruppo con l’altro. Resistendo alle richieste di Wise per una dichiarazione più energica, Einstein rispose che “una rigida richiesta di uno stato ebraico avrà per noi solo risultati indesiderabili”. Il giornalista radicale IF Stone lo elogiò per aver superato le “limitazioni etniche”. (Einstein divenne in seguito sottoscrittore del settimanale di IF Stone).

Ciononostante, come molti radicali ebrei – inclusi molti socialisti e comunisti – Einstein ebbe difficoltà a superare la sua ambivalenza emotiva per il progetto sionista e alla fine applaudì la nascita di Israele. Data la risposta spesso incoerente di alcuni radicali alla sottomissione israeliana dei palestinesi dopo la guerra del 1967, è difficile indovinare come avrebbe reagito. Ma era chiaramente preoccupato delle implicazioni dell’insediamento ebraico sui palestinesi indigeni; non è un granché suggerire che sarebbe rimasto inorridito dai quattro decenni di oppressione da parte di Israele.

La “paura rossa” della metà del secolo occupò gran parte degli ultimi anni di Einstein. Scrisse: “La calamità tedesca di anni fa si ripete”. Guardando gli americani perdere se stessi nel suburbio e nell’opulenza prodotta dalla Guerra coreana dei primi anni ’50, Einstein deplorava il fatto che “le persone oneste [negli Stati Uniti] costituiscono una minoranza senza speranza”. Ma determinato a contrattaccare cercò un forum e ne trovò uno in una risposta a una lettera del 1953 di un insegnante di New York che era stato licenziato per il suo rifiuto di discutere della sua politica e di fare nomi davanti a un comitato investigativo del Senato. Einstein scrisse a William Frauenglass, un insegnante innovativo che preparava lezioni interculturali per le sue lezioni di inglese come un modo per superare stereotipi fondati sul pregiudizio. Einstein esortò: “Ogni intellettuale che viene chiamato davanti alle commissioni dovrebbe rifiutarsi di testimoniare … Se abbastanza persone sono pronte a compiere questo grave passo, avranno successo. Altrimenti, gli intellettuali non meritano niente di meglio della schiavitù che è loro destinata”.La lettera fu una notizia nazionale da prima pagina e raggiunse l’effetto desiderato. Il movimento per resistere alla caccia alle streghe divenne più forte. Einstein fu sostenuto da voci lontane come quella del filosofo Bertrand Russell, che scrisse al New York Times da Londra quando pubblicarono un editoriale in disaccordo con Einstein: “Condannate i martiri cristiani che si rifiutarono di sacrificare all’imperatore? Condannate John Brown? “

Poco dopo il caso Frauenglass, un altro testimone ostile, Al Shadowitz, disse al senatore McCarthy che si rifiutava di testimoniare dicendo “Prendo il mio consiglio dal dottor Einstein.” McCarthy perse le staffe, ma alla fine il contagio si diffuse sia alla Corte Suprema, che nel 1957 pose un freno ai cacciatori di rossi (uno dei casi coinvolse il fondatore della Montly Review Paul Sweezy) e ai giovani studenti della Nuova Sinistra che, a partire dal 1960, iniziarono a interrompere letteralmente nelle udienze della commissione, spesso con satira caustica e ridicolizzandole. Fu solo dieci anni dopo la lettera di Einstein che Martin Luther King Jr. impiegò anche la disobbedienza civile per alimentare il moderno movimento per i diritti civili.

Nel 1954, in risposta alla negazione del nulla osta di sicurezza al suo collega, il leader in tempo di guerra del Progetto Manhattan, J. Robert Oppenheimer, e altre violazioni della libertà di inchiesta scientifica, Einstein scrisse, con umorismo tipico, che se fosse stato giovane di nuovo: “Non proverei a essere uno scienziato, uno studioso o un insegnante, preferirei scegliere di essere un idraulico o un venditore ambulante, nella speranza di trovare quel modesto livello di indipendenza ancora disponibile nelle circostanze attuali”.

Einstein intraprese anche altri, più difficili e potenzialmente più pericolosi atti politici.

Forse nessuno attirò tanto l’attenzione internazionale quanto il suo sforzo di intervenire nel caso contro Julius ed Ethel Rosenberg. Nel 1953, Einstein scrisse al giudice del processo Irving Kauffman sottolineando che il processo giudiziario non stabiliva la colpevolezza degli imputati “oltre ogni ragionevole dubbio”. Notò anche che le prove scientifiche contro di loro, anche se accurate, non rivelavano alcun segreto vitale. Quando non ricevette risposta, scrisse al presidente con le sue opinioni. Anche Truman non rispose, così Einstein distribuì il testo della sua lettera ai media e in seguito scrisse al New York Times chiedendo clemenza esecutiva. Tragicamente, in questa circostanza, la celebrità di Einstein fu inutile. I Rosenberg morirono sulla sedia elettrica di Sing Sing il 19 giugno.

Due anni prima, nel 1951, quando il suo amico WEB Du Bois fu incriminato per le sue attività di pacifista con l’accusa inventata di essere un “agente sovietico”, Einstein, insieme a Robeson e all’eroina dei diritti civili Mary McLeod Bethune, sponsorizzò una cena e un rally per raccogliere fondi per la difesa di Du Bois. L’avvocato di Du Bois, l’ ex-deputato radical del Congresso Vito Marcantonio, riuscì a ridurre il processo in una baraonda ancor prima che l’accusa avesse finito la sua requisitoria. Ma il processo continuò, Marcantonio progettò di chiamare Einstein come primo testimone della difesa.

Forse nessuno fu più fuorilegge o isolato durante la “red scare” del grande alleato di Einstein nella lotta contro il linciaggio, Paul Robeson. Attaccato tanto per le sue posizioni militanti contro la supremazia bianca quanto per il suo radicalismo e la sua richiesta di indipendenza panafricana, Robeson era diventato una non-persona virtuale nel suo paese, che si vedeva negato un reddito, i luoghi per i concerti e il diritto di viaggiare. Nel 1952, in una manifestazione molto affollata per rompere il sipario del silenzio attorno a Robeson, Einstein invitò lui e il suo accompagnatore Lloyd Brown a pranzo. I tre trascorsero un lungo pomeriggio a discutere di scienza, musica e politica, tutti argomenti di reciproco interesse. A un certo punto, quando Robeson lasciò la stanza, Brown rimarcò l’onore di trovarsi in presenza di un uomo così grande. Al che Einstein rispose: “ma sei tu che hai portato il grande uomo”.

Gli ultimi anni di Einstein furono occupati da atti di resistenza sia pubblici che privati. Usava la sua ancora considerevole rete di conoscenze e influenza per cercare di trovare un lavoro per coloro che, come Frauenglass e altri, erano stati licenziati per la mancata collaborazione con le commissioni investigative. E nel 1954 permise che la celebrazione del suo settantacinquesimo compleanno fosse l’occasione per una conferenza sulle libertà civili combattuta dal Comitato per le libertà civili di emergenza (ECLC). Il comitato era stato formato in risposta al fallimento dell’American Civil Liberties Union nel difendere i comunisti e affrontare le questioni di libertà civile sollevate dal caso Rosenberg. La conferenza, con relatori tra cui IF Stone, l’astronomo e attivista Harlow Shapley, i sociologi E. Franklin Frazier e Henry Pratt Fairchild, e politologo HH Wilson, lanciò ECLC su una traiettoria di quarantasei anni di difesa della libertà di espressione, dei diritti del lavoro e di campagne poliedriche per i diritti civili.

È difficile sapere come concludere questo sommario breve e necessariamente incompleto della politica di Einstein. Non discussi qui, per esempio, sono gli impegni di tutta la vita di Einstein per il pacifismo e per una sorta di ordine mondiale, né la sua lunga associazione con il fisico e marxista Leopold Infeld. Einstein era anche profondamente impegnato, come molti altri scienziati di sinistra, nell’educazione di massa nelle scienze come strumento contro l’oscurantismo e la pseudo-scienza mistica, spesso usata allora – e ancora oggi – per aiutare la reazione politica e sociale.

Giorni prima che morisse il 18 aprile 1955, Einstein firmò quello che divenne noto come The Einstein-Russell Manifesto. In esso, il fisico teorico e il filosofo-matematico Bertrand Russell, vanno al di là di vaghe argomentazioni morali per il pacifismo. Invece essi posero delle scelte politiche: “Ci si trova dinanzi a noi, se scegliamo, un continuo progresso nella felicità, nella conoscenza e nella saggezza. Vogliamo, invece, scegliere la morte, perché non possiamo dimenticare le nostre liti? Facciamo appello come esseri umani agli esseri umani: ricorda la tua umanità e dimentica il resto. Se puoi farlo, la via si apre a un nuovo Paradiso; se non puoi, c’è il rischio di morte universale. “

Einstein fu un radical dai suoi giorni da studente fino al suo ultimo respiro. Nell’ultimo anno della sua vita, rimuginando sugli affari politici di quel giorno e sulla sua visione del mondo, disse ad un amico che era rimasto un “rivoluzionario” ed era ancora un “Vesuvio che sputa fuoco”.

articolo originale pubblicato sulla rivista socialista americana Montly Review: Albert Einstein, Radical: A Political Profile https://monthlyreview.org/2005/05/01/albert-einstein-radical-a-political-profile/

 

 

 

Leave a Reply