Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Terry Eagleton: In difesa di Marx

Oggi è il compleanno di Karla Marx pubblico la traduzione di un articolo di Eagleton – autore di un simpatico libro “Perchè Marx aveva ragione“. 

Elogiare Karl Marx potrebbe sembrare perverso come mettere una buona parola per lo strangolatore di Boston. Le idee di Marx non sono state forse responsabili del dispotismo, dell’omicidio di massa, dei campi di lavoro, della catastrofe economica e della perdita della libertà per milioni di uomini e donne? Uno dei suoi devoti discepoli non era un paranoico contadino georgiano di nome Stalin, e un altro un brutale dittatore cinese che potrebbe essersi macchiato del sangue di circa 30 milioni di persone?

La verità è che Marx non è stato responsabile della mostruosa oppressione del mondo comunista più di quanto Gesù lo sia stato per l’Inquisizione. Per prima cosa, Marx avrebbe disprezzato l’idea che il socialismo potesse mettere radici in società disperatamente impoverite e cronicamente arretrate come la Russia e la Cina. In tal caso, il risultato sarebbe semplicemente quello che definiva “scarsità generalizzata”, con il quale intendeva dire che ora tutti sarebbero deprivati, non solo i poveri. Significherebbe un riciclaggio “del vecchio business sporco” o, nella traduzione meno raffinata, “la stessa vecchia merda”. Il marxismo è una teoria di come le nazioni capitaliste opulente potrebbero usare le loro immense risorse per ottenere giustizia e prosperità per il loro popolo. Non è un programma in base al quale le nazioni prive di risorse materiali, una fiorente cultura civica, un’eredità democratica, una tecnologia ben sviluppata, illuminate tradizioni liberali e una forza lavoro qualificata e istruita potrebbero catapultarsi nell’età moderna.

Marx voleva certamente vedere la giustizia e la prosperità crescere rigogliosamente in luoghi così abbandonati. Scrisse con rabbia ed eloquenza su molte delle colonie oppresse della Gran Bretagna, non ultime l’Irlanda e l’India. E il movimento politico che il suo lavoro ha messo in moto ha fatto di più per aiutare le piccole nazioni a scacciare i loro padroni imperialisti di qualsiasi altra corrente politica. Eppure Marx non era abbastanza sciocco da immaginare che il socialismo potesse essere costruito in tali paesi senza che le nazioni più avanzate volassero in loro aiuto. E ciò significava che la gente comune di quelle nazioni avanzate doveva strappare i mezzi di produzione dai loro governanti e metterli al servizio degli infelici della terra. Se ciò fosse accaduto nell’Irlanda del 19° secolo, non ci sarebbe stata la carestia a mandare un milione di uomini e donne nelle loro tombe e altri due o tre milioni fino agli angoli più remoti della terra.

C’è un senso in cui tutta la scrittura di Marx si riduce a diverse domande imbarazzanti: perché l’Occidente capitalista ha accumulato più risorse di quante la storia umana abbia mai visto, ma sembra incapace di superare la povertà, la fame, lo sfruttamento e l’ineguaglianza? Quali sono i meccanismi con cui l’affluenza di una minoranza sembra generare disagio e indegnità per i molti? Perché la ricchezza privata sembra andare di pari passo con lo squallore pubblico? E ‘, come suggerisce il buon riformista liberale, che semplicemente non siamo riusciti a spazzare via queste sacche di miseria umana, ma lo faremo nella pienezza dei tempi? O è più plausibile sostenere che c’è qualcosa nella natura stessa del capitalismo che genera deprivazione e disuguaglianza, sicuramente come Charlie Sheen genera gossip?

Marx fu il primo pensatore a parlare in questi termini. Questo scalcagnato ebreo emigrato, un uomo che una volta osservò che nessun altro aveva scritto tanto sul denaro avendone così poco, ci lasciò in eredità la lingua nella quale il sistema in cui viviamo poteva essere compreso nel suo insieme. Le sue contraddizioni furono analizzate, le sue dinamiche interne messe a nudo, le sue origini storiche esaminate e la sua potenziale fine prefigurata. Questo non vuol dire per un momento che Marx considerava il capitalismo semplicemente una brutta cosa, come ammirare Sarah Palin o soffiare fumo di tabacco nei volti dei tuoi figli. Al contrario, era stravagante nel lodare la classe che lo aveva creato, un fatto che sia i suoi critici sia i suoi discepoli hanno convenientemente soppresso. Nessun altro sistema sociale nella storia, scrisse, si era rivelato così rivoluzionario. In una manciata di secoli, le classi medie capitaliste avevano cancellato quasi ogni traccia dei loro nemici feudali dalla faccia della terra. Avevano accumulato tesori culturali e materiali, inventato i diritti umani, emancipato gli schiavi, abbattuto autocrati, smantellato imperi, avevano combattuto ed erano morte per la libertà umana, e avevano posto le basi per una vera civiltà globale. Nessun documento elargisce complimenti così floridi a questa poderosa impresa storica come il Manifesto dei comunisti, nemmeno il Wall Street Journal.

Quella, comunque, era solo una parte della storia. C’è chi vede la storia moderna come una avvincente storia di progresso e chi la vede come un lungo incubo. Marx, con la sua solita perversità, pensava che fosse entrambe le cose. Ogni progresso nella civiltà aveva portato con sé nuove possibilità di barbarie. I grandi slogan della rivoluzione borghese – “Libertà, uguaglianza, fratellanza” – erano anche le sue parole d’ordine. Lui semplicemente chiese perché quelle idee non si potessero mai mettere in pratica senza violenza, povertà e sfruttamento. Il capitalismo aveva sviluppato poteri umani e capacità al di là di ogni misura precedente. Eppure non aveva usato quelle capacità per liberare uomini e donne da inutili fatiche. Al contrario, li aveva costretti a lavorare più duramente che mai. Le civiltà più ricche della terra sudavano tanto forte quanto i loro antenati neolitici.

Questo, pensò Marx, non era dovuto alla scarsità naturale. Era a causa del modo particolarmente contraddittorio con cui il sistema capitalista generava la sua favolosa ricchezza. L’uguaglianza per alcuni significa disuguaglianza per gli altri, e la libertà per alcuni portava oppressione e infelicità per molti. La vorace ricerca del potere e del profitto del sistema aveva trasformato le nazioni straniere in colonie schiavizzate e gli esseri umani nei giocattoli di forze economiche al di fuori del loro controllo. Aveva rovinato il pianeta con l’inquinamento e la fame di massa, e lo aveva segnato con guerre atroci. Alcuni critici di Marx puntano il dito con giusta indignazione sugli omicidi di massa nella Russia comunista e in Cina. Di solito non ricordano con uguale indignazione i crimini di genocidio del capitalismo: le carestie di fine Ottocento in Asia e in Africa in cui milioni incalcolabili perirono; la carneficina della prima guerra mondiale, in cui le nazioni imperialiste massacrarono i propri lavoratori nella lotta per le risorse globali; e gli orrori del fascismo, un regime a cui il capitalismo tende a ricorrere quando è spalle al muro. Senza il sacrificio di sè dell’Unione Sovietica, tra le altre nazioni, il regime nazista potrebbe esserci ancora.

I marxisti lancivano l’allarme sui pericoli del fascismo mentre i politici del cosiddetto mondo libero si chiedevano ancora ad alta voce se Hitler fosse un uomo così cattivo come era stato dipinto. Quasi tutti i seguaci di Marx oggi respingono le malvagità di Stalin e Mao, mentre molti non marxisti difenderebbero ancora vigorosamente la distruzione di Dresda o di Hiroshima. Le nazioni capitaliste moderne sono per lo più il frutto di una storia di genocidio, violenza e sterminio altrettanto odiosi quanto i crimini del comunismo. Anche il capitalismo è stato forgiato con sangue e lacrime, e Marx era lì per testimoniarlo. È solo che il sistema è stato in attività abbastanza a lungo da fare in modo che la maggior parte di noi non se ne rende conto.

La selettività della memoria politica assume alcune forme curiose. Prendete, per esempio, l’11 settembre. Intendo il primo 9/11, non il secondo. Mi riferisco all’11 settembre che ha avuto luogo esattamente 30 anni prima della caduta del World Trade Center, quando gli Stati Uniti contribuirono a rovesciare violentemente il governo democraticamente eletto di Salvador Allende del Cile, e installarono al suo posto un odioso dittatore che continuò a uccidere molte più persone di quante siano morte in quella terribile giornata a New York e Washington. Quanti americani ne sono consapevoli? Quante volte è stato menzionato su Fox News?

Marx non era un sognatore utopista. Al contrario, iniziò la sua carriera politica in feroce contesa con i sognatori utopisti che lo circondavano. Lui aveva più o meno lo stesso interesse per una società umana perfetta di un personaggio di Clint Eastwood, e mai una volta parla in termini così assurdi. Non credeva che uomini e donne potessero superare l’Arcangelo Gabriele in santità. Piuttosto, credeva che il mondo potesse essere fatto in modo sensibilmente migliore. In questo era un realista, non un idealista. Quelli veramente con le loro teste bloccate nella sabbia – gli struzzi morali di questo mondo – sono quelli che negano che possa esserci un cambiamento radicale. Si comportano come se Family Guy e il dentifricio multicolore saranno ancora in giro nell’anno 4000. Tutta la storia umana smentisce questo punto di vista.

https://www.chronicle.com/article/In-Praise-of-Marx/127027

Leave a Reply