Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

La sciarpa rossa di Chantal Mouffe

Quella con la sciarpa rossa
Chantal Mouffe è venuta a Berlino non solo per il pranzo con Katja Kipping. Una discussione con la teorica di sinistra
Lei è riluttante a dire che la storia l’ha sostenuta, che ha visto un sacco di cose a venire. L’elegante signora con la sciarpa rossa sul palco è troppo modesta per questo. Ma ciò che Chantal Mouffe ha sospettato per gli ultimi 30 anni ora sembra trovare conferma ad Atene: se le ‘forze progressive’ agiscono insieme – lavoratori, sindacalisti, movimenti sociali – è davvero possibile fare qualcosa contro il neoliberismo. Lei sta parlando solo un giorno dopo le elezioni greche, e molte persone sono venute all’Università Humboldt di Berlino a sentire questa influente teorica della sinistra.
Motto: ‘agonismo’
Quando Egemonia e strategia socialista apparve nel 1985, il libro che, a tempo debito sarebbe diventato la sua opera canonica, lei e il suo co-autore e marito Ernesto Laclau furono vilipesi sulla scena di sinistra. ‘Siamo stati violentemente criticati dai marxisti ortodossi “, dice con un sorriso in questa conversazione con Der Freitag. Il concetto di lotta di classe è troppo ristretto per la femminista impegnata, che è cresciuta in Belgio, ha frequentato i seminari di Louis Althusser a Parigi e oggi vive a Londra. Da Antonio Gramsci ha preso la critica di un riduzionismo che vede la dominazione come semplicemente economica. Mouffe e Laclau sono stati ispirati da Ludwig Wittgenstein e Jacques Derrida, Michel Foucault, la linguistica e la psicoanalisi. Hanno sviluppato l’idea di una democrazia radicale, in cui identità e relazioni di potere devono essere costantemente messi in discussione. L’ordine sociale è un prodotto di discorsi che cambiano e richiedono correzione.
‘Nessuno oggi sostiene che conta solo l’ economia “, dice Chantal Mouffe sullo sviluppo della filosofia politica di sinistra dal 1985. L’editore austriaco Passagen Verlag ha fatto uscire una edizione tedesca di Hegemonie und Demokratie radikalen nel 1991, e molti altri libri hanno seguito, più recentemente agonistica: pensare il mondo politico nel 2014. La teoria di Mouffe fu presto ampiamente letta e discussa. Un gruppo di studenti di dottorato e giovani insegnanti formarono intorno a lei e Laclau – la cosiddetta Scuola Essex di discorso. La stessa Mouffe traccia un bilancio misto: ‘Ci siamo trovati nella spiacevole situazione in cui abbiamo dovuto difendere concetti che avevamo criticato a quel tempo come non sufficientemente radicali. Il welfare state e i diritti sociali erano fortemente sotto attacco. Tutti parlavano di libertà, mentre l’idea di uguaglianza nettamente ha perso terreno ‘.
Leggere gli scritti di Chantal Mouffe dalla pubblicazione di Egemonia e Radical Democracy, e sentire la settantunenne parlare di tutte le cose sotto il sole, significa ricevere una miscela unica di idealismo politico e pragmatismo. La professoressa dell’Università di Westminster , il cui marito e compagno è morto lo scorso anno, riesce a sembrare alternativamente radicale e moderata combinando i due aspetti in modo che la vera democrazia che anela a volte sembra un’utopia, a volte un progetto palpabile. Se Chantal Mouffe opta per la rivoluzione o la riforma è difficile dirlo.
L’etichetta ‘radicale’ che rivendica per se stessa va di pari passo con la sua tagliente critica del neoliberismo. Viviamo in un post-democrazia, dice la filosofa, un parere condiviso dal suo collega britannico Colin Crouch. Con questo si intende un sistema politico che soffoca i  conflitti e le richieste per l’uguaglianza in nome del consenso. ‘Dobbiamo resistere alla de-democratizzazione’, esige Mouffe, vedendo questa spinta in avanti dall’ideologia del libero mercato.
Nessuna politica è stata più disastrosa, a suo avviso, di quella del ‘nuovo centro’ come perseguita dal Partito laburista in Gran Bretagna. ‘Dopo l’era Thatcher, Tony Blair è stato un enorme delusione’, ricorda. La SPD e il Partito socialista francese non hanno fatto di meglio: ‘Hanno lasciato le classi subalterne nei guai.’ Anche la crisi finanziaria del 2008 non ha riabilitare i socialdemocratici. ‘Non potevano spegnere l’incendio che essi stessi avevano appiccato.’
La posizione di Chantal Mouffe si basa su un principio di teoria democratica che lei chiama ‘agonismo’. A suo parere, è falso fare del consenso un obiettivo e agire come se tutti i cittadini potessero sempre razionalmente accordarsi per quanto riguarda le regole della loro vita in comune. Se i partiti di sinistra e di destra dichiarano un falso accordo o perseguono la stessa politica di centro, questo significa che alcune preoccupazioni reali rimangono inascoltate – per essere successivamente riprese dai partiti estremi.
Tradotto nelle condizioni tedesche, questo significa che la grande coalizione sarebbe essa stessa responsabile del movimento PEGIDA. La politica è conflittuale per sé, dice Mouffe, questo deve essere tenuto presente, in modo che gli antagonismi, le distinzioni tra amico e nemico, possono essere trasformati in un agonismo. L’obiettivo dovrebbe essere una sorta di consenso conflittuale, in cui diversi punti di vista del bene comune possono tranquillamente competere. Sulla scia di Carl Schmitt, e contro teorici come John Rawls, Jürgen Habermas o Ulrich Beck, Mouffe non crede in una comunità politica in cui tutti possono accordarsi su principi universalmente validi.
Tempi pericolosi
Presumibilmente  è proprio questo approccio che dà al pensiero della Mouffe un tono pragmatico pronunciato. Il suo modello di democrazia appare meno lontana dalla realtà che l’universalismo liberale che lei liquida come un sintomo di uno Zeitgeist post-politico. Eppure lei non sostiene, come alcuni altri teorici di sinistra, un ritiro dalla politica – un ‘esodo’, come richiesto dai critici della globalizzazione, Michael Hardt e Toni Negri. A suo avviso, le proteste non volendo adottare qualunque forma istituzionale e per evitare ogni relazione con i partiti politici – come molti movimenti sociali e i sostenitori di  ‘Occupy’ – si rivelano prive di prospettive.
Qui il pensiero il pensiero della Mouffe è meno radicale di molti un sogno di sinistra della democrazia diretta. La ‘volontà collettiva’, come Gramsci la chiamava, non può che esprimersi nel contesto della democrazia rappresentativa. E anche se questo è attualmente in crisi, nulla può prevalere al di fuori dei parlamenti. ‘Abbiamo bisogno di sinergie,’ dice, parlando di un populismo di sinistra positivo e indicando gli esperimenti in America Latina. Lei è in sintonia con Die Linke in Germania, vicina all’Istituto Solidarische Moderne – un think tank fondato da politici, studiosi e rappresentanti delle ONG nel 2010, e ha contatti regolari con Katja Kipping: ‘Ci incontriamo nel corso di un pasto e parliamo della situazione in Germania ‘.
Questo lunedi, infatti, vi è una notizia da discutere. Alexis Tsipras sta creando la sua coalizione ad Atene, mentre i sostenitori di PEGIDA stanno ancora manifestando in città tedesche. ‘Viviamo in tempi pericolosi,’ dice Chantal Mouffe.. I numerosi studenti che si sono riuniti per ascoltarla nell’anfiteatro dell’Università Humboldt sanno che lei ha un contributo da dare al dibattito, ascoltando con attenzione quando la signora con la sciarpa rossa parla sui limiti del razionalismo o delle catene di equivalenza nel discorso.
Ma per capire davvero Chantal Mouffe, è necessario seguire il round di discussione che segue. «Sei radicale? ‘, una giovane donna chiede. Piuttosto irritata, la filosofa parla della differenza tra la descrizione delle condizioni esistenti e la formulazione di progetti politici. ‘Io rappresento una sorta di riformismo radicale, se vi piace’, dice Mouffe.. ‘E la giustizia globale?’, un’altra studentessa  si aggancia . ‘Le teorie normative non mi interessano. Dovremmo piuttosto dare un’occhiata pragmatica agli accordi commerciali dell’Unione europea “, ha risposto. Un riformatore radicale. Un pensatore pragmatico. Questa è Chantal Mouffe..
http://www.versobooks.com/blogs/1901-the-red-scarf-of-chantal-mouffeHo tradotto
chantel_mouffe-pablo iglesiasChantal Mouffe e Ernesto Laclau sono due pensatori che hanno profondamente influenzato Podemos. Ho tradotto dal sito della casa editrice Verso un articolo uscito originariamente sul giornale tedesco Der Freitag.

Chantal Mouffe è venuta a Berlino non solo per il pranzo con Katja Kipping. Una discussione con la teorica di sinistra

Lei è riluttante a dire che la storia le ha dato ragione, che ha visto un sacco di cose a venire. L’elegante signora con la sciarpa rossa sul palco è troppo modesta per questo. Ma ciò che Chantal Mouffe ha sospettato per gli ultimi 30 anni ora sembra trovare conferma ad Atene: se le ‘forze progressive’ agiscono insieme – lavoratori, sindacalisti, movimenti sociali – è davvero possibile fare qualcosa contro il neoliberismo. Lei sta parlando solo un giorno dopo le elezioni greche, e molte persone sono venute all’Università Humboldt di Berlino a sentire questa influente teorica della sinistra.

Motto: ‘agonismo’

Quando Egemonia e strategia socialista apparve nel 1985, il libro che, a tempo debito sarebbe diventato la sua opera canonica, lei e il suo co-autore e marito Ernesto Laclau furono vilipesi sulla scena di sinistra. ‘Siamo stati violentemente criticati dai marxisti ortodossi”, dice con un sorriso in questa conversazione con Der Freitag. Il concetto di lotta di classe è troppo ristretto per la femminista impegnata, che è cresciuta in Belgio, ha frequentato i seminari di Louis Althusser a Parigi e oggi vive a Londra. Da Antonio Gramsci ha preso la critica di un riduzionismo che vede la dominazione come semplicemente economica. Mouffe e Laclau sono stati ispirati da Ludwig Wittgenstein e Jacques Derrida, Michel Foucault, la linguistica e la psicoanalisi. Hanno sviluppato l’idea di una democrazia radicale, in cui identità e relazioni di potere devono essere costantemente messi in discussione. L’ordine sociale è un prodotto di discorsi che cambiano e richiedono correzione.
‘Nessuno oggi sostiene che conta solo l’ economia”, dice Chantal Mouffe sullo sviluppo della filosofia politica di sinistra dal 1985. L’editore austriaco Passagen Verlag ha fatto uscire una edizione tedesca di Hegemonie und Demokratie radikalen nel 1991, e molti altri libri hanno seguito, più recentemente Agonistics: Thinking the World Politically nel 2014. La teoria di Mouffe fu presto ampiamente letta e discussa. Un gruppo di studenti di dottorato e giovani insegnanti formarono intorno a lei e Laclau – la cosiddetta Scuola Essex di analisi del discorso. La stessa Mouffe traccia un bilancio misto: ‘Ci siamo trovati nella spiacevole situazione in cui abbiamo dovuto difendere concetti che avevamo criticato a quel tempo come non sufficientemente radicali. Il welfare state e i diritti sociali erano fortemente sotto attacco. Tutti parlavano di libertà, mentre l’idea di uguaglianza nettamente ha perso terreno’.
Leggere gli scritti di Chantal Mouffe dalla pubblicazione di Hegemony and Radical Democracy, e sentire la settantunenne parlare di tutte le cose sotto il sole, significa ricevere una miscela unica di idealismo politico e pragmatismo. La professoressa dell’Università di Westminster , il cui marito e compagno è morto lo scorso anno, riesce a sembrare alternativamente radicale e moderata combinando i due aspetti in modo che la vera democrazia che anela a volte sembra un’utopia, a volte un progetto palpabile. Se Chantal Mouffe opta per la rivoluzione o la riforma è difficile dirlo.
L’etichetta ‘radicale’ che rivendica per se stessa va di pari passo con la sua tagliente critica del neoliberismo. Viviamo in un post-democrazia, dice la filosofa, un parere condiviso dal suo collega britannico Colin Crouch. Con questo si intende un sistema politico che soffoca i  conflitti e le richieste per l’uguaglianza in nome del consenso. ‘Dobbiamo resistere alla de-democratizzazione’, esige Mouffe, vedendo questa spinta in avanti dall’ideologia del libero mercato.
Nessuna politica è stata più disastrosa, a suo avviso, di quella del ‘nuovo centro’ come perseguita dal Partito laburista in Gran Bretagna. ‘Dopo l’era Thatcher, Tony Blair è stato un enorme delusione’, ricorda. La SPD e il Partito socialista francese non hanno fatto di meglio: ‘Hanno lasciato le classi subalterne nei guai.’ Anche la crisi finanziaria del 2008 non ha riabilitato i socialdemocratici. ‘Non potevano spegnere l’incendio che essi stessi avevano appiccato.’
La posizione di Chantal Mouffe si basa su un principio di teoria democratica che lei chiama ‘agonismo’. A suo parere, è falso fare del consenso un obiettivo e agire come se tutti i cittadini potessero sempre razionalmente accordarsi per quanto riguarda le regole della loro vita in comune. Se i partiti di sinistra e di destra dichiarano un falso accordo o perseguono la stessa politica di centro, questo significa che alcune preoccupazioni reali rimangono inascoltate – per essere successivamente riprese dai partiti estremi.
Tradotto nelle condizioni tedesche, questo significa che la grande coalizione sarebbe essa stessa responsabile del movimento PEGIDA. La politica è conflittuale di per sé, dice Mouffe, questo deve essere tenuto presente, in modo che gli antagonismi, le distinzioni tra amico e nemico, possano essere trasformati in un agonismo. L’obiettivo dovrebbe essere una sorta di consenso conflittuale, in cui diversi punti di vista del bene comune possono tranquillamente competere. Sulla scia di Carl Schmitt, e contro teorici come John Rawls, Jürgen Habermas o Ulrich Beck, Mouffe non crede in una comunità politica in cui tutti possono accordarsi su principi universalmente validi.

Tempi pericolosi

Presumibilmente  è proprio questo approccio che dà al pensiero della Mouffe un tono pragmatico pronunciato. Il suo modello di democrazia appare meno lontana dalla realtà che l’universalismo liberale che lei liquida come un sintomo di uno Zeitgeist post-politico. Eppure lei non sostiene, come alcuni altri teorici di sinistra, un ritiro dalla politica – un ‘esodo’, come richiesto dai critici della globalizzazione, Michael Hardt e Toni Negri. A suo avviso, le proteste non volendo adottare qualunque forma istituzionale e per evitare ogni relazione con i partiti politici – come molti movimenti sociali e i sostenitori di  ‘Occupy’ – si rivelano prive di prospettive.
Il pensiero della Mouffe é anche in questo caso meno radicale di qualche sogno di sinistra della democrazia diretta. La ‘volontà collettiva’, come Gramsci la chiamava, non può che esprimersi nel contesto della democrazia rappresentativa. E anche se questa è attualmente in crisi, nulla può prevalere al di fuori dei parlamenti. ‘Abbiamo bisogno di sinergie,’ dice, parlando di un populismo di sinistra positivo e indicando gli esperimenti in America Latina. Lei è in sintonia con Die Linke in Germania, vicina all’Istituto Solidarische Moderne – un think tank fondato da politici, studiosi e rappresentanti delle ONG nel 2010, e ha contatti regolari con Katja Kipping: ‘Ci incontriamo nel corso di un pasto e parliamo della situazione in Germania ‘.
Questo lunedi, infatti, vi è una notizia da discutere. Alexis Tsipras sta creando la sua coalizione ad Atene, mentre i sostenitori di PEGIDA stanno ancora manifestando nelle città tedesche. ‘Viviamo in tempi pericolosi,’ dice Chantal Mouffe.. I numerosi studenti che si sono riuniti per ascoltarla nell’anfiteatro dell’Università Humboldt sanno che lei ha un contributo da dare al dibattito, ascoltando con attenzione quando la signora con la sciarpa rossa parla sui limiti del razionalismo o delle catene di equivalenza nel discorso.
Ma per capire davvero Chantal Mouffe, è necessario seguire il round di discussione che segue. «Sei radicale?’, una giovane donna chiede. Piuttosto irritata, la filosofa parla della differenza tra la descrizione delle condizioni esistenti e la formulazione di progetti politici. ‘Io rappresento una sorta di riformismo radicale, se vi piace’, dice Mouffe. ‘E la giustizia globale?’, un’altra studentessa  si aggancia. ‘Le teorie normative non mi interessano. Dovremmo piuttosto dare un’occhiata pragmatica agli accordi commerciali dell’Unione europea”, ha risposto. Una riformatrice radicale. Una pensatrice pragmatica. Questa è Chantal Mouffe..

Leave a Reply