Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Stephen F. Cohen. Perché l’Unione Sovietica è finita?

Nel trentesimo anniversario della fine dell’URSS vi ripropongo la traduzione del discorso che lo storico Stephen F. Cohen tenne alla conferenza Internazionale “The USSR 1989 – 1991: Historical Experience and Lessons for the Future” alla fondazione Gorbachev il 10-11 November 2011. Cohen, scomparso l’anno scorso, è stato uno dei più importanti storici dell’Unione Sovietica ma solo la sua ormai classica biografia di Bucharin è stata pubblicata in Italia nel lontano 1978. Non è il solo storico anglosassone ignorato dalla nostra editoria che pare preferire gli anticomunisti più truculenti.  Cohen negli Stati Uniti era un’autorità riconosciuta e un protagonista del dibattito politico (si schierò contro la nuova guerra fredda e più in generale è stato una voce controcorrente su Ucraina e in generale politica di USA e NATO) e in Russia godeva di enorme stima.  

È stato chiamato il “Vopros Veka”. E certamente sarà discusso da politici, studiosi e altri intellettuali per almeno altri 100 anni.

Ma è importante cercare di trovare una spiegazione razionale ora perché spiegazioni false e mitiche del motivo per cui l’Unione Sovietica è finita vengono utilizzate per cattivi scopi politici in molti paesi, tra cui Russia e America.

Per rispondere alla domanda da solo, oltre alla mia ricerca, ho letto ogni spiegazione che ho trovato in inglese e in russo, in dozzine di libri e articoli.

Avendo pubblicato le mie ricerche e le mie analisi nel mio libro VOPROS VOPROSOV, le riassumerò solo molto brevemente oggi.

Devo iniziare con due problemi che ho trovato nella letteratura esplicativa:

— Primo, la domanda è spesso formulata male. Ad esempio, molti autori si chiedono perché l’Unione Sovietica sia “crollata”, sottintendendo che le cause erano inerenti al sistema. Ma l’Unione Sovietica non è “crollata” nel dicembre 1991. Altri autori affermano che il sistema sovietico era “irriformabile”, ma in realtà è stato riformato almeno tre volte nella sua storia. Negli anni ’20, sotto la NEP. Negli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60 sotto Krusciov. E ancora, fondamentalmente, sotto Gorbaciov dal 1985 al 1991,

— Il secondo problema è che mentre quasi tutti gli autori sono completamente certi della propria spiegazione della fine dell’Unione Sovietica, non c’è accordo tra questi autori. Invece, ci sono non meno di nove o dieci diverse spiegazioni.

— Alcune di queste spiegazioni sono semplicemente incoerenti o sciocche/ quindi mi concentrerò solo su sette, tutte diffuse e influenti.

  1. Primo, la fine dell’Unione Sovietica era “inevitabile”, predeterminata da qualche difetto genetico – o, per esempio, la sua nascita “illegittima” nel 1917-1921 o la sua natura “socialista”.

 Questa spiegazione è semplicemente ideologica, persino teologica, e quindi non empirica. Non è verificabile e quindi non ha valore.

Anche la seconda spiegazione è “genetica”, ma più seria: l’Unione Sovietica era un impero e “tutti gli imperi muoiono”. Questo può sembrare plausibile, ma ci sono almeno tre problemi:

 I principali specialisti delle nazionalità sovietiche non sono d’accordo sul fatto che l’Unione Sovietica fosse effettivamente un impero o uno stato multietnico.

 Questa spiegazione spesso (ed erroneamente) confonde l’Unione Sovietica con il suo effettivo impero nell’Europa orientale.

 L’Unione Sovietica non è finita come sono finiti gli imperi tradizionali, a causa della guerra e delle crisi nella sua periferia “coloniale” (ad esempio l’Asia centrale). fu invece abolita dal proprio centro o metropoli da Mosca sotto Eltsin.

  Secondo la terza spiegazione, l’Unione Sovietica è stata vittima di due rivoluzioni antisovietiche dal basso: una rivoluzione democratica nella stessa Russia; e una rivoluzione nazionalista nelle altre repubbliche sovietiche. Ma nessuna di queste generalizzazioni è di fatto corretta.

Nel 1991, l’opposizione popolare al regime comunista a partito unico in Russia era sostanziale e in crescita, ma c’era poca opposizione popolare ad altri elementi fondamentali del sistema sovietico. I sondaggi di opinione ei risultati delle votazioni dell’epoca mostrarono, ad esempio, che dal 75 all’85 percento dei russi sosteneva fortemente il sistema di welfare dalla culla alla tomba; un mercato regolamentato, compresi i prezzi agevolati per le abitazioni e i beni di consumo; e l’Unione.

Per quanto riguarda le altre repubbliche sovietiche, nel 1991 i movimenti secessionisti popolari dal basso esistevano solo nelle tre repubbliche baltiche, in Georgia e forse nell’Ucraina occidentale. (E queste aree rappresentavano solo il 5% circa del territorio, della popolazione e delle risorse totali dell’Unione Sovietica).

In breve, nel 1991 in Unione Sovietica non ci sono state rivoluzioni di tutta l’unione dal basso. (Anche l’idea che ci sia stata una rivoluzione democratica in Russia nell’agosto 1991 è un mito).

Secondo la quarta spiegazione, l’Unione Sovietica è finita perché la sua economia è crollata. Anche qui ci sono tre problemi:

 1. Nessun economista professionista rispettato sostiene questo punto di vista.

 2. Nessuno stato moderno è morto a causa della crisi economica. Ad esempio, sia lo stato americano negli anni ’30 che lo stato russo post-sovietico negli anni ’90 sono sopravvissuti a crisi economiche molto peggiori.

 3. E la crisi economica sovietica del 1990-1991 è stata molto esagerata, in parte per ragioni politiche. (Non era, per esempio, una crisi di produzione ma di distribuzione.)

La quinta spiegazione è molto diffusa in Russia ma esiste a malapena in Occidente: come era successo prima ai riformatori nella storia russa, l’intellighenzia radicale ha dirottato la riforma gradualista di Gorbaciov (Perestroika) e il suo estremismo ha portato alla distruzione del sistema sovietico .

Sono d’accordo che l’ala radicale dell’intelligentisa abbia giocato un ruolo importante e spesso irrazionale dal 1989 al 1991, ma il suo ruolo nella fine dell’Unione Sovietica è stato al massimo secondario e indiretto.

 Il contributo principale dell’intellighenzia radicale fu quello di minare la leadership di Gorbaciov nei momenti critici e di aiutare Eltsin a salire al potere.

Questo mi porta, sesto, a quello che penso sia stato uno dei due fattori veramente essenziali che hanno portato alla disgregazione sovietica: il ruolo di due leader: Gorbaciov e Eltsin.

Questo è un fattore complesso che richiede un contesto e un approfondimento considerevoli, ma per dirlo semplicemente:

È stato un caso storico che due leader straordinari siano comparsi sulla scena politica sovietica esattamente nello stesso momento: Gorbaciov, un uomo con una straordinaria volontà di riforma, e Eltsin, un uomo con una straordinaria volontà di potenza.

O per esprimere questa spiegazione in forma narrativa: senza il notevole impegno di Gorbaciov per la riforma democratica, non ci sarebbe stato Eltsin. E senza la straordinaria volontà di potenza di Eltsin, non ci sarebbe stato nessun incontro nella foresta di Belovezh – l’8 dicembre 1991 – per abolire lo stato sovietico.

Ma settimo (e infine), abbiamo bisogno di una spiegazione aggiuntiva: perché la nomenklatura del massimo stato sovietico (non del partito) ha permesso a Eltsin di abolire il proprio stato, che gli aveva dato così tanto potere e privilegio per così tanto tempo?

La risposta è: quelle élite, in Russia e in altre repubbliche, si stavano già impadronendo delle grandi ricchezze dello stato sovietico. Ora erano motivate da una volontà di proprietà.

Per questo, naturalmente, non avevano più bisogno del vecchio stato o della sua salvezza,

Così finì lo stato sovietico. E così iniziò la storia corrotta del suo successore russo.

 In breve, la combinazione e l’interazione di questi tre fattori Gorbaciov, Eltsin e le élite in cerca di proprietà spiegano la fine dell’Unione Sovietica. Nessuno di questi fattori era, ovviamente, inevitabile. Né lo era il risultato.

Possiamo discutere il loro peso relativo nel risultato.

Ma senza uno qualsiasi di questi tre fattori, l’Unione Sovietica, in qualche forma, quasi certamente esisterebbe ancora oggi.

Leave a Reply