Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

John Rose: I bolscevichi e l’antisemitismo

Ho tradotto un’interessante recensione di Brendan McGeever, Antisemitism and the Russian Revolution, Cambridge University Press (2019), £ 22,99 dalla rivista International Socialism. Segnalo un articolo dell’autore del libro sulla rivista americana Jacobin. Buona lettura!
Il libro frutto di ricerche meticolose di Brendan McGeever svela rivelazioni davvero scioccanti sulla portata dell’antisemitismo durante la guerra civile che seguì la rivoluzione russa dell’ottobre 1917.1 Mette a nudo i limiti della risposta dei bolscevichi a questo antisemitismo e, cosa più dannosa di tutte, il coinvolgimento di alcune Unità dell’Armata Rossa che perpetrarono pogrom contro gli ebrei, in particolare in Ucraina. McGeever mette in scena un passo del 1919 di Victor Serge, l’anarchico diventato bolscevico, uno degli scrittori più perspicaci sulla rivoluzione russa:
L’antisemitismo era il nemico, la controrivoluzione … Lo sentivamo tutt’intorno a noi … cercando le nostre debolezze, i nostri errori, le nostre follie, facendoci abilmente inciampare, pronto al minimo passo falso a balzarci addosso e farci a pezzi.2
Il bolscevico Evgeny Preobrazenskij aveva proposto la dichiarazione fondamentale della Rivoluzione russa sull’antisemitismo al Primo Congresso dei Soviet nel giugno 1917. Fu approvata all’unanimità da oltre un migliaio di delegati in rappresentanza di milioni di operai, contadini e soldati. Incaricava “tutti i soviet locali…a svolgere un implacabile lavoro di propaganda e istruzione tra le masse al fine di combattere la persecuzione antiebraica”. Ma anche avvertiva del “grande pericolo” rappresentato dalla “tendenza dell’antisemitismo a mascherarsi sotto slogan radicali”.3
Quel “grande pericolo” sarebbe riemerso costantemente con lo scoppio della rivoluzione e poi della guerra civile. Alla sua fondamentale irrazionalità fu data una drammatica espressione simbolica la notte stessa dell’insurrezione bolscevica nell’ottobre 1917. Mentre Alexander Kerensky, il capo del governo provvisorio al potere, stava lasciando il Palazzo d’Inverno, notò che qualcuno aveva dipinto a grandi lettere su tutto il muro del palazzo: “Abbasso l’ebreo Kerensky, lunga vita a Trotsky!” Inutile dire che Kerensky non era ebreo mentre Leon Trotsky lo era.4 Non così simbolico e molto più inquietante era lo slogan: “Distruggi i Giudeis, Lunga Vita al Potere Sovietico” che attribuito ad alcune unità canaglia dell’Armata Rossa, specialmente in Ucraina. 5
Quello che McGeever chiama “l’arco di violenza antisemita durante la rivoluzione russa” raggiunse il picco in Ucraina nel 1919.6 McGeever chiarisce che “l’Armata Rossa era la meno incline ai pogrom di tutte le forze militari in Ucraina”. Cita uno studio che mostra i “rossi” responsabili dell’8,6% dei pogrom della guerra civile, con la maggior parte delle atrocità compiute dai “bianchi” controrivoluzionari .7 Tuttavia qualsiasi esempio di antisemitismo bolscevico in Ucraina richiede un esame e una spiegazione dettagliati . Il suo esponente più noto era Nikifor Grigoriev, riconosciuto come uno dei comandanti militari più talentuosi della regione. L’analisi di McGeever sulla “formazione sociale” ucraina fornisce un utile retroterra ai suoi crimini.
La classe lavoratrice urbana ucraina proveniva in modo schiacciante da minoranze etniche, in particolare russi ed ebrei. Al contrario, la vasta campagna era prevalentemente ucraina. “Nella cultura popolare contadina ucraina, il ‘cittadino’ rappresentava uno spietato profittatore, un oppressore del povero lavoratore ucraino”.8 A complicare ulteriormente le cose, l’Ucraina fu occupata dalle forze armate tedesche nella fase iniziale della guerra civile, così come da altre forze straniere. Grigoriev, un ex-ufficiale dell’esercito zarista durante la prima guerra mondiale, inizialmente appoggiò l’occupazione tedesca, ma cambiò schieramento per sostenere la vincente rivolta nazionalista ucraina nel 1918. Tuttavia, all’inizio del 1919 cambiò nuovamente schieramento, questa volta per sostenere i bolscevichi che dopotutto favorivano l’indipendenza delle nazioni oppresse dall’ex-zar. La sua unità sovietica di nuova costituzione, che alla fine divenne la Sesta Divisione Fucilieri Ucraini Sovietici, era enorme, con 13.000-16.000 soldati.9 Grigoriev dimostrò rapidamente il suo valore conquistando la famosa città di Odessa occupata dagli eserciti francesi e greci, che fu applaudita come un’enorme vittoria per i bolscevichi. Ma la settimana successiva, i rapporti dell’intelligence bolscevica iniziarono a notare che i soldati di Grigoriev gridavano slogan come “Lunga vita al potere sovietico, abbasso i comunisti, tutti i comunisti sono Yid”. Vladimir Antonov-Ovseyenko, capo militare bolscevico in Ucraina, scommetteva che Grigoriev, sebbene “imprevedibile”, potesse essere “tenuto sotto controllo”. La scommessa fallì. Grigoriev si rivoltò contro il governo sovietico e diede inizio a quello che McGeever chiama “il più mortale di tutti i programmi di guerra civile”.10 In soli 18 giorni le sue unità portarono a termine almeno 52 attacchi antisemiti, uccidendo più di 3.400 ebrei.11 Il governo sovietico emanò ordini perché i soldati di Grigorev venissero fucilati sul posto, ma l’apparato locale del potere sovietico era impotente a farli rispettare. Grigoriev, dopotutto, ne era diventato parte.
Secondo McGeever, Grigoriev rivelò fino a che punto il discorso rivoluzionario bolscevico poteva sovrapporsi all’antisemitismo. Questa formulazione, in quanto a sé stante, è insoddisfacente e sarà presto rivista. Tuttavia, gli sfacciati doppi standard di Grigoriev gli conferiscono una certa credibilità. La sua avanzata su Odessa era stata accompagnata da dichiarazioni pubbliche inequivocabili a sostegno della rivoluzione bolscevica. Eppure, appena sei settimane dopo, quando si rivolse contro lo stato sovietico, Grigoriev emise una dichiarazione decisiva, nota come “Universale”. Era di un grossolano antisemitismo, a malapena nascosto:

Popolo ucraino! Gli speculatori politici ti hanno ingannato … ti hanno sottomesso … a quei golosi moscoviti della terra dove hanno crocifisso Cristo … Santo Lavoratore! Uomo di Dio! Guarda le tue mani insensibili … Sei lo Zar del paese … Abbasso gli speculatori politici! Lunga vita ai soviet del popolo ucraino! 12
McGeever riferisce di molti altri esempi orrendi e sconvolgenti, ma forse le prove più schiaccianti provengono dai fascicoli dell’intelligence dei bolscevichi. Questi denunciano l’antisemitismo “interno dell’Armata Rossa in tutta l’Ucraina, anche tra molti reggimenti e brigate che non hanno condotto i pogrom”. McGeever sostiene che la risposta dei bolscevichi all’antisemitismo durante il periodo della guerra civile è stata vacillante e inadeguata, anche se i bolscevichi reclutarono un quadro ebraico significativo dopo importanti divisioni tra i nazionalisti ebrei (sia dai sionisti di sinistra che dal Bund, un’organizzazione socialista ebraica anti- Sionista).13 Questa è una parte particolarmente importante del suo libro e solleva interrogativi su come McGeever interpreta le prove della sua ricerca.
Alcuni di questi nazionalisti ebrei erano incredibilmente impressionanti. Zvi Fridliand era un membro del comitato centrale di Poalei Zion, il principale partito sionista di sinistra in Russia. Nel 1917 guidò una piccola fazione filo-bolscevica. Durante la Rivoluzione d’Ottobre fu attivo tra le Guardie Rosse, armando i lavoratori per impossessarsi del Palazzo d’Inverno. Nel 1921 aveva aderito ai bolscevichi.14
Appena cinque giorni dopo la formazione del Soviet di Pietrogrado nel febbraio 1917, fu istituita una commissione guidata dal bundista Moishe Rafes per rispondere all’immediato aumento dell’agitazione antisemita. Due anni dopo Rafes era diventato uno dei leader della fazione filo-bolscevica nel Bund, il “Kombund” o Bund comunista, che avrebbe contribuito a plasmare lo scontro dello stato sovietico con l’antisemitismo. Poi aderì ai bolscevichi. Sebbene piccolo di numero, questo gruppo di socialisti ebrei precedentemente anti-bolscevichi “attualizzò e spesso sostenne” la risposta sovietica all’antisemitismo durante la rivoluzione russa, basandosi sull’opposizione “indiscutibilmente…innata del bolscevismo all’antisemitismo”.16 McGeever cita due volte lo scrittore ebreo Jonathan Frankel per dare un senso a questo sviluppo. Per i comunisti ebrei come Fridliand e Rafes, “…la rivoluzione significava una lotta non solo per l’;uguaglianza sociale e la libertà politica, ma anche per la liberazione nazionale, per gli ebrei”.17
McGeever ne deduce che qui sia presente una tensione irrisolta. I comunisti ebrei avevano svolto “un ruolo di fondamentale importanza nell’elevare la politica di liberazione all’interno della lotta di classe”.18 Eppure questo significa sicuramente fraintendere l’applicazione del marxismo come arte e scienza vivente agli aspetti pratici dei movimenti e delle lotte rivoluzionarie. Per adattare una famosa frase di una delle tesi di Marx su Feuerbach, “gli stessi educatori saranno educati”. La lotta contro l’antisemitismo nella rivoluzione russa ha riunito gli internazionalisti bolscevichi che avevano un accesso molto limitato alle masse ebraiche di lingua yiddish, colpite dalla povertà e ai nazionalisti ebrei che erano spesso radicati in queste comunità. Le tensioni tra i due filoni politici diminuirono nella comunanza e nella gravità della vita o della morte della lotta contro l’antisemitismo diffuso e persistente. Ma non si trattava di una fusione di tradizioni politiche diverse e precedentemente ostili, né si trattava di fare concessioni precedentemente inaccettabili. Le sezioni chiave dei quadri nazionalisti ebrei divennero quadri bolscevichi. Ciò implica un’enfasi in contrasto con quella disegnata da McGeever. La stessa rivoluzione socialista finì per essere vista come un’elevazione delle prospettive di liberazione ebraica.

manifesto antisemita delle armate bianche contro Trotsky, capo dell’Armata Rossa

Tuttavia, McGeever compie un ulteriore passo molto più rischioso e più problematico nella sua analisi di quella che percepisce come la debolezza complessiva dell’approccio bolscevico all’antisemitismo. Usa una risposta di Trotsky alla costante minaccia dell’antisemitismo per illustrare la sua tesi. Quando Lenin chiese a Trotsky di diventare Commissario del Popolo per gli Affari Interni dopo la vittoria della Rivoluzione d’Ottobre, Trotsky rifiutò: “Non si dovrebbe dare una carta così vincente nei nostri nemici. Ho pensato che sarebbe stato molto meglio se non ci fossero ebrei nel primo governo rivoluzionario sovietico “. Lenin rispose: “Sciocchezze. Non importa …”. Trotsky, per lo stesso motivo, in seguito rifiutò di diventare Commissario del Popolo per la Guerra, sostenendo che le sue origini ebraiche avevano, nelle sue parole,” interferito notevolmente” con il suo ruolo di capo dell’Armata Rossa durante la guerra civile. Lenin liquidò tutto questo come “l’eccentricità” di Trotsky .19

Secondo McGeever, l’approccio di Trotsky “tradiva una certa acquiescenza con lo stesso antisemitismo” che i rivoluzionari “avevano dedicato la loro vita a contrastare”.20 Né questo era un problema solo per i bolscevichi. McGeever fornisce la prova che gli ex nazionalisti ebrei avevano esortato i compagni ebrei a non “inondare” gli apparati statali sovietici e a smettere di “speculare” e “sottrarsi” alla loro responsabilità di prendere posizione sul fronte militare.21
Questo porta McGeever a una triste conclusione finale:
Questa è stata una rivoluzione che ha promesso la liberazione dall’antisemitismo; la sua attualità, tuttavia, li ha sovradeterminati come ebrei. Nessuno, a quanto pare, è sfuggito alla logica razziale della “questione ebraica” nella rivoluzione russa. 22
Questo non è accettabile. Devono essere affrontate due questioni più profonde che possono essere toccate solo brevemente qui. La prima è la dinamica interna della guerra civile, che a sua volta ha generato continue aperture all’antisemitismo. Il secondo è l’impatto del precedente “Illuminismo ebraico”.
McGeever chiede perché la risposta sovietica all’antisemitismo non sia stata più efficace nei mesi successivi alla rivoluzione di ottobre:
Una risposta potrebbe risiedere nella natura profonda della crisi che deve affrontare la leadership bolscevica … Per tutto l’aprile e il maggio 1918, i leader del partito continuarono a credere che Pietrogrado potesse in qualsiasi momento essere conquistata dalle truppe tedesche. Ancora più pressante fu la ribellione della Legione ceca, che provocò una crisi così grave che Trotsky dichiarò a luglio che il destino dell’intera rivoluzione era ora minacciata.23
Una fonte preferita per McGeever qui è lo storico Alexander Rabinowitch. Tuttavia, McGeever trascura le osservazioni di Rabinowitch sullo “stato di guerra virtuale tra città e campagna” che alla fine fece a pezzi la rivoluzione.24 La fame colpiva le città e i bolscevichi furono presi dal panico, inviando squadre armate nelle campagne per requisire cibo. Era facile per i nemici della rivoluzione nelle campagne equiparare il potere bolscevico delle città al “potere ebraico”.
Il risentimento contadino fu mitigato durante la guerra civile perché l’opposizione ai bolscevichi rischiava il ripristino della classe dei proprietari terrieri. Ma la vittoria militare dei bolscevichi nella guerra civile scatenò quelle che Tony Cliff descrisse come “ondate di rivolte contadine” nella Russia rurale.25 Il malcontento si diffuse nelle città, inclusa Pietrogrado, dove scoppiarono scioperi. Cliff descrive uno scoppio di antisemitismo così grave che gli ebrei della città temevano i pogrom se il governo non fosse riuscito a ristabilire l’ordine.26
L’ostilità contadina al regime culminò nell’insurrezione navale di Kronstadt del 1921. Molti marinai provenivano da contesti contadini e ai bolscevichi fu imposto un completo rovesciamento della politica. Fu introdotta la Nuova Politica Economica (NEP), ripristinando il libero mercato nelle campagne. La requisizione forzata del cibo cessò immediatamente. Il capitalismo privato nelle campagne segnò una grande sconfitta per la rivoluzione d’Ottobre, anche se visto solo come un espediente temporaneo27. Anche a Kronstadt fiorì l’antisemitismo.28
In altre parole, la “logica razziale della ‘questione ebraica’ nella rivoluzione russa” fu incorporata nella rottura dell’alleanza operai-contadini durante la rivoluzione e nei termini profondamente dannosi che conclusero la rivoluzione. Non era il risultato di una logica generale inevitabile nel processo rivoluzionario stesso.
McGeever associa anche l'”acquiescenza con…l’antisemitismo” all’Illuminismo ebraico e alla sua campagna per “rendere gli ebrei ‘produttivi’ e ‘utili’ attraverso programmi di agricoltura”.30 Ma, senza una corretta spiegazione della struttura economica e sociale medievale ebraica in cui gli ebrei erano così spesso intrappolati nel diventare piccoli commercianti e “agenti urbani” nel villaggio di contadini, lo stesso McGeever rischia di essere visto come uno che involontariamente rimette in circolo “rappresentazioni antisemite dell’ebraicità”.
Modern Jewish Studies ha esplorato e discusso le radici del ruolo economico degli ebrei nell’Europa medievale. Verso la fine del XIX secolo la maggior parte degli ebrei del mondo viveva nella “Zona di residenza“, controllata dal fatiscente impero feudale dello zar russo. Nella misura in cui esiste un consenso accademico, pochi sarebbero in disaccordo con l’osservazione accuratamente formulata di Antony Polonsky secondo cui la maggior parte degli ebrei nella Zona di residenza “rimase strettamente collegata…con il sistema feudale come agenti della nobiltà…e il principale collegamento commerciale tra il villaggio e il piccolo paese”.31 Per diversi secoli gli ebrei erano stati “gli indispensabili commercianti e artigiani dell’economia rurale, insediandosi nei piccoli paesi e villaggi delle tenute nobiliari”.32
Questo era un ruolo di “intermediario” istituzionalizzato imposto agli ebrei come conseguenza del loro status di “paria”, sigillato da una pletora di restrizioni legali oppressive.33 Ne fece anche il primo capro espiatorio per il ribollente risentimento contadino contro la servitù. I pensatori dell’illuminismo ebreo volevano uscire da questa trappola economica. La discussione di McGeever sull’Illuminismo ebraico introduce un argomento che è facilmente suscettibile di interpretazioni errate se non sviluppato a fondo.
Questo è un libro deprimente e pessimista, probabilmente in sintonia con i tempi che stiamo vivendo. Si avvicina a vedere l’antisemitismo come una “verità eterna”.34 Tuttavia c’è ricchezza e intensità nei dettagli del lavoro di McGeever che incoraggiano la riflessione sulla sfida intellettuale e politica che pone. La sua grande forza è portare alla nostra attenzione la vastità dell’antisemitismo che proiettò la sua ombra minacciosa attraverso la guerra civile dall’inizio alla fine. La sua grande debolezza è l’incapacità di fornire una spiegazione soddisfacente. Questo fa sembrare che i bolscevichi non siano riusciti a controllare l’antisemitismo, anche dopo che avevano conquistato alcuni dei loro ex-avversari nazionalisti ebrei più efficaci. McGeever afferma anche che i bolscevichi fecero concessioni inaccettabili all’antisemitismo. Quello che viene frainteso è che la dinamica stessa della guerra civile – e in particolare la rottura dell’alleanza operai-contadini – generava costantemente varchi attraverso i quali l’antisemitismo si sviluppava.
Isaac Deutscher, il biografo di Trotsky, ha intitolato il suo capitolo conclusivo sulla guerra civile, “Sconfitta nella vittoria”. “Aveva provocato la totale rovina dell’economia russa e la disintegrazione del suo tessuto sociale”.35 Storicamente, gli ebrei hanno subito il colpo per i fallimenti della Russia. Tragicamente, anche questo momento non fece eccezione.
Note
1 Vorrei ringraziare Rob Ferguson per aver letto e commentato una bozza di questo articolo.
2 McGeever, 2019, p210.
3 McGeever, 2019, pagine 25-6.
4 McGeever, 2019, p31.
5 McGeever, 2019, pagina 33.
6 McGeever, 2019, p88. Per una breve panoramica introduttiva dei problemi generali che devono affrontare i bolscevichi in Ucraina, vedere il mio articolo in un precedente numero di questa rivista, Rose, 2014.
7 McGeever, 2019, p89.
8 McGeever, 2019, p91.
9 McGeever, 2019, p95.
10 McGeever, 2019, p96.
11 McGeever, 2019, pagine 96-7.
12 McGeever, 2019, p98.
13 Per una discussione molto utile sul Bund, vedere Englert, 2012.
14 McGeever, 2019, pagine 57-8.
15 McGeever, 2019, p151.
16 McGeever, 2019, p216.
17 McGeever, 2019, p155, e di nuovo nella sua “Conclusione”, p217.
18 McGeever, 2019, p218. Lo scoppio della rivoluzione tedesca alla fine del 1918 fu anche un fattore scatenante per il reclutamento bolscevico tra questi socialisti ebrei. Tuttavia, McGeever sostiene in modo convincente che la lotta contro l’antisemitismo è stata decisiva a questo riguardo — McGeever, pp141, 147, 156.
19 McGeever, 2019, p209-210. La fonte di McGeever qui è Vilkova, 1996, p183-184. Il riferimento di Vilkova si basa su un discorso riferito da Trotsky nel 1923. Questo quasi certamente non fu controllato da Trotsky per le correzioni e quindi si potrebbero dubitare della sua accuratezza. Tuttavia, l’autobiografia di Trotsky conferma direttamente che considerava le sue origini ebraiche come un impedimento per diventare Commissario del popolo per gli affari interni – vedi Trotsky, 1960, p340-341. Le ragioni del suo successivo rifiuto di diventare Commissario del popolo per la guerra dopo la guerra civile sono meno chiare. Tuttavia, non dovremmo sottovalutare l’intensità del veleno antisemita personale diretto contro di lui, in particolare durante la rivolta dei marinai di Kronstadt contro i bolscevichi nel 1921.
20 McGeever, 2019, p210.21 McGeever, 2019, p210. Il capitolo 7 di questo libro, intitolato “Reinscribing Antisemitism?”, è pieno di esempi sia dei bolscevichi, incluso Lenin, sia degli ex nazionalisti ebrei che tradiscono “una certa acquiescenza con lo stesso antisemitismo”.
22 McGeever, 2019, p210.
23 McGeever, 2019, p85.
24 Rabinowitch, 2007, p270.25 Cliff, 1979, p130.
26 Cliff, 1979, p131.
27 Kronstadt fu una tragedia particolare dato il ruolo eroico dei suoi marinai nel 1917. Cliff, 1979, p132.
28 Cliff, 1979, p133. Cliff scrive che Trotsky e Zinoviev furono particolarmente indicati sia come oppressori bolscevichi che ebrei. Durante i negoziati tra i bolscevichi e il comitato rivoluzionario dei marinai di Kronstadt, ai bolscevichi fu detto: “Basta con i tuoi ‘hurrah’ e unisciti a noi per battere gli ebrei. È il loro maledetto dominio che noi operai e contadini abbiamo dovuto sopportare. ”- Cliff, 1990, p185. Ovviamente, la NEP non è stata l’unica conseguenza molto pericolosa e instabile dell’esito della guerra civile. Potrebbe essere stata una vittoria bolscevica, ma il costo non fu niente di meno che “la distruzione del proletariato…lasciando intatto l’apparato statale da esso costruito…i soviet come fronte per il potere bolscevico controllato burocraticamente”. – Cliff, 1978, p204. Ciò pose le basi per la successiva comparsa dello stalinismo.
30 McGeever, 2019, p204.
31 Polonsky, 2010, p399.
32 Polonsky, 2020, p86. Per un’analisi della formazione degli ebrei in una sorta di casta commerciale, vedi Israel, 1985, p171. Ho discusso il libro di Israel, confrontandolo e contrapponendolo a The Jewish Question di Abram Leon in un precedente numero di International Socialism – vedi Rose, 2008.
33 Polonsky, pagg. 17, 103.
34 Questo punto di vista “lacrimoso” fu respinto un secolo fa dall’autorevole storico ebreo Salo Baron nei suoi 18 volumi di Storia sociale e religiosa degli ebrei (Columbia University Press, 1980).
35 Deutscher, 1970, p488.
Riferimenti bibliografici:
Cliff, Tony, 1978, Lenin, Volume 3: Revolution Besieged (Pluto Press).
Cliff, Tony, 1979, Lenin, Volume 4: The Bolsheviks and World Revolution (Pluto Press).
Cliff, Tony, 1990, Trotsky, Volume 2: The Sword of the Revolution 1917-1923 (Bookmarks).
Deutscher, Isaac, 1970, The Prophet Armed, Trotsky: 1879-1921 (Oxford University Press).
Englert, Sai, 2012, “The Rise and Fall of the Jewish Labour Bund”, International Socialism 135 (summer), http://isj.org.uk/the-rise-and-fall-of-the-jewish-labour…
Israel, Jonathan, 1985, European Jewry in the Age of Mercantilism 1500-1750 (Oxford University Press).
McGeever, Brendan, 2019, Antisemitism and the Russian Revolution (Cambridge University Press).
Polonsky, Antony, 2010, The Jews in Poland and Russia: Volume 1 (1350 to 1881), (Littman Library of Jewish Civilization).
Rabinowitch, Alexander, 2007, The Bolsheviks in Power: The First Year of Soviet Rule in Petrograd (Indiana University Press).
Rose, John, 2008, “Karl Marx, Abram Leon and the Jewish Question—A Reappraisal”, International Socialism 119 (summer), https://bit.ly/3hLO9Bw
Rose, John, 2014, “Ukraine and the Bolsheviks”, International Socialism 143 (summer), https://isj.org.uk/ukraine-and-the-bolsheviks
Trotsky, Leon, 1960 [1930], My Life (Grosset & Dunlap).
Vilkova, V P, 1996, The Struggle for Power—Russia in 1923 (Prometheus Books).
articolo originale su International Socialism
traduzione di Maurizio Acerbo

Leave a Reply