Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Susan Weissmann: Sulla rottura tra Victor Serge e Trotsky

Sulla London Review of Books di luglio è uscito di recente un lungo articolo di Tariq Ali dedicato a Victor Serge che ha suscitato una lettera polemica di Steve Smith a cui ha replicato sul sito della casa editrice Verso Books Susan Weissmann, autrice di Victor Serge A Political Biography (un libro purtroppo non uscito in Italia). Nel tornare a consigliare a tutt* di leggere Memorie di un rivoluzionario di Serge ricordo che tanti anni fa ho aperto una pagina facebook dedicata al grande scrittore rivoluzionario. 

La lettera di Smith:

Nella sua recensione dei Taccuini 1936-47 di Victor Serge, Tariq Ali scrive che Trotsky rimase “mentore e amico” di Serge. È dubbio che Serge abbia mai avuto bisogno del tutoraggio di Trotsky e il periodo della loro amicizia fu breve. Serge fu attivo nell’opposizione di sinistra di Trotsky nel 1936-37, sebbene i disaccordi politici sulla Spagna e i piani per una Quarta Internazionale mettessero a dura prova i rapporti. Tuttavia, fu su un’altra questione che i loro rapporti si deteriorarono oltre il punto di riparazione. Come dice Ali, nel 1920 Serge tradusse “Terrorismo e Comunismo”, un opuscolo che Trotsky scrisse dal suo treno militare in mezzo ai tumulti della guerra civile russa. Si trattò di una risposta al vetriolo all’accusa avanzata dal veterano socialdemocratico tedesco Karl Kautsky che, ricorrendo al Terrore Rosso, i bolscevichi stavano compromettendo la possibilità di realizzare il socialismo. “Chi mira al fine non può rifiutare i mezzi”, scrisse Trotsky. “La lotta deve essere portata avanti con una tale intensità da garantire effettivamente la supremazia del proletariato”. Nelle sue memorie Serge affermò di essere turbato dallo “schematismo e volontarismo” dell’opuscolo.


Diciotto anni dopo, in un momento in cui la sinistra internazionale era coinvolta nel dibattito sulle origini dello stalinismo, la discussione infuriava sul ruolo di Trotsky nel sopprimere la ribellione di Kronstadt nel 1921. Nel 1938, in “La nostra morale e la nostra”, Trotsky polemizzò ancora una volta sui mezzi e fini della rivoluzione. Rifiutando l’idea che la rivoluzione socialista possa essere vincolata da principi morali astratti, sostenne che qualsiasi metodo era moralmente legittimo se difendeva la rivoluzione contro i suoi nemici, poiché il socialismo rappresentava uno stadio superiore dello sviluppo umano. Un po’ sorprendentemente, sembrava approvare la tesi avanzata da Serge e altri critici secondo cui esiste una ‘interdipendenza dialettica di mezzi e fini’, e tuttavia non poteva offrire motivi convincenti per spiegare perché i metodi usati dai bolscevichi durante la guerra civile diventarono moralmente riprovevoli quando usati dal regime stalinista, che pretendeva anche di difendere la rivoluzione socialista. Serge cortesemente accusò Trotsky di fare della necessità una virtù, ma Trotsky lo liquidò definendolo un “moralista piccolo-borghese” e “un avversario, e per di più ostile”. Steve Smith

La risposta di Susan Weissmann alla lettera di Steven Smith all’LRB su Tariq Ali, Victor Serge e Trotsky:

Nella sua risposta a Tariq Ali (“Inquisition Mode”, LRB, 16 luglio) Steve Smith scrive che il periodo dell’amicizia di Trotsky con Serge fu breve e che le relazioni tra loro si deteriorarono a causa di argomenti contraddittori che Trotsky espresse in due polemiche, a 18 anni di distanza, sui mezzi e sui fini della rivoluzione. Ma il rapporto tra Serge e Trotsky fu più stretto, più lungo e più complicato di quanto asserisce Smith, e la loro frattura fu meno definitiva, le sue cause più oscure, di quanto Smith ammetta.
Serge si schierò con l’opposizione di sinistra, guidata da Trotsky, dal 1923 in poi – apertamente, nella clandestinità, attraverso la prigione e la deportazione. Si incontrarono e lavorarono insieme in URSS, dal 1925 fino a quando l’opposizione di sinistra fu espulsa dal partito alla fine del 1927. Serge fu arrestato per la prima volta nel 1928 e Trotsky fu esiliato dall’Unione Sovietica nel 1929. Anche se non furono mai in grado di incontrarsi di nuovo faccia a faccia, si scambiarono spesso una corrispondenza dopo che Serge fu rilasciato ed espulso in Occidente nel 1936.
A Parigi, Serge lavorò con il figlio di Trotsky, Leon Sedov, per confutare le accuse dei processi di Mosca (1936-38), fu il traduttore fidato delle opere di Trotsky in francese, inclusa La Rivoluzione Tradita, e fu in tutti i sensi un collaboratore politico ideale, come Trotsky caldamente riconosceva nella loro corrispondenza.
Le differenze tra i due oppositori di sinistra in esilio si svilupparono a partire dalla metà del 1937 sulle loro valutazioni sulla natura del periodo, che diedero origine a visioni diverse su come relazionarsi politicamente al POUM in Spagna, al Fronte popolare in Francia, al rinnovato dibattito sul soppressione della rivolta di Kronstadt del 1921 e, cosa più importante per Trotsky, sulla fondazione della Quarta Internazionale. Si trattava di disaccordi significativi, ma difficilmente inaspettati all’interno di un piccolo e assediato movimento che combatteva Stalin e l’ascesa di Hitler, ed è dubbio che di per sé possano spiegare la rottura, soprattutto alla luce dell’insidioso intervento dell’agente NKVD in mezzo a loro, Marc Zborowski, in arte Etienne, nel seminare discordia e promuovere le scissioni.
Smith sostiene che le relazioni tra Serge e Trotsky “si deteriorarono irreparabilmente” a causa degli argomenti di Trotsky in “La loro morale e la nostra”, in particolare che Serge non fu in grado di tollerare l’incapacità di Trotsky “di spiegare perché i metodi usati dai bolscevichi durante la guerra civile”, che Trotsky aveva giustificato nel suo pamphlet Terrorismo e Comunismo (1920), “divennero moralmente riprovevoli quando usati dal regime stalinista” in La loro morale e la nostra (1938).
Sebbene la pubblicazione della traduzione di Serge di “La loro morale e la nostra” di Trotsky abbia portato a una controversia più intensa nella loro relazione, non era sulla sostanza e sul contenuto del libro, che Serge non ha mai criticato pubblicamente. Serge non voleva alimentare ulteriori conflitti inutili con Trotsky, e sulla questione dei mezzi e dei fini per difendere la rivoluzione, Serge era in sintonia con il punto di vista di Trotsky.
Riguardo a “Terrorismo e comunismo”, Serge scrisse: “Trotsky non difende in alcun modo ciò che è attualmente inteso come terrorismo, ma piuttosto dimostra l’assoluta necessità per la classe operaia, in quei periodi rivoluzionari in cui deve vincere o morire, di mostrarsi forte e capace di usare tutta la durezza della guerra …” Per quanto riguarda “La loro morale e la nostra”, Smith ammette che Trotsky “sembrava avallare il punto fatto da Serge e da altri critici secondo cui esiste una ‘interdipendenza dialettica di mezzi e fini'”, il sottotitolo della sezione finale che Serge pensava contenesse “pagine eccellenti e utili”. Per Serge, il contesto storico era fondamentale. C’è un’enorme differenza tra la condotta dei bolscevichi durante la guerra civile, quando i rivoluzionari assediati stavano combattendo per preservare la prima rivoluzione socialista di successo del mondo contro eserciti invasori e controrivoluzionari interni – che a loro volta usavano metodi terroristici contro i rivoluzionari, e la condotta di Stalin in quella che equivaleva a una guerra contro la sua stessa popolazione in tempo di pace – attraverso la collettivizzazione forzata, l’industrializzazione vertiginosa e il terrore di massa durante le purghe.
L’aggravarsi della disputa con Trotsky non riguardava la traduzione di Serge o disaccordi inespressi con le idee di Trotsky, ma la rozza presentazione promozionale allegata all’edizione francese di “La loro morale e la nostra”, sicuramente scritta con la guida dell’NKVD, se non direttamente dallo stesso Zborowski (Etienne). Trotsky lanciò un torrente di invettive contro Serge, presumendo (senza controllare) che avesse scritto la presentazione di accompagnamento. Serge protestò dicendo di non averla scritta, era completamente “in contrasto con le sue opinioni espresse di frequente” e non aveva niente a che fare con questa.
La questione su cui Trotsky e Serge alla fine ruppero fu la fondazione della Quarta Internazionale, e Trotsky non nascose la sua irritazione nei confronti di Serge e di altri che non si sarebbero uniti al progetto. Serge prese parte alla fondazione della Quarta Internazionale, anche se sostenne che i tempi erano completamente sbagliati per creare una nuova internazionale – un partito internazionale di rivoluzione in un momento di sconfitta (fascismo, guerra, totalitarismo stalinista). Trotsky non poteva sopportare questa defezione.
La rottura tra Serge e Trotsky non fu mai veramente completa, ed ebbe il carattere di una lite con margini di conciliazione. Anche se Trotsky attaccava Serge pubblicamente, gli scriveva calorosamente in privato, dicendo che era pronto a fare qualsiasi cosa per migliorare la loro collaborazione, a condizione che Serge si unisse alla Quarta Internazionale. Serge comprendeva l’inflessibilità di Trotsky senza accettare la sua condizione, perché vedeva il Vecchio come “l’ultimo sopravvissuto di una generazione di giganti”, isolato nel suo esilio messicano, non più in contatto con compagni del suo stesso stampo “uomini che avrebbero potuto capire i suoi pensieri inespressi e discutere al suo livello”.
 
 

Leave a Reply