Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

David Swanson: Cosa c’è di peggio che rischiare l’apocalisse nucleare?

David Swanson e altri pacifisti USA avevano scritto una lettera aperta al Washington Post che non è stata pubblicata. Poi Swanson ha scritto questo articolo che non ha avuto miglior sorte. 
Cosa c’è di peggio che rischiare la distruzione della vita sulla Terra attraverso la guerra nucleare e la creazione di un inverno nucleare? Cosa c’è di più importante che proteggere il mondo da un rapido collasso climatico che sarebbe un’apocalisse nucleare?
Vuoi che dica “coraggio” o “bontà” o “libertà”? O “tenere testa a Putin”? Non lo farò. La risposta ovvia è quella giusta: niente. Niente è più importante che preservare la vita. I morti hanno pochissima libertà e praticamente non si oppongono a Putin.
Se vuoi che i criminali di guerra siano ritenuti responsabili, chiedi al governo degli Stati Uniti di sostenere la Corte penale internazionale e lo stato di diritto per tutti, compresi gli americani, esattamente come promesso a Norimberga dal procuratore capo degli Stati Uniti, il giudice Robert Jackson. Ma non rischiare l’Armageddon.
Se avrò la miserabile fortuna di trovarmi solo tra le macerie e l’oscurità di un mondo abitato principalmente da scarafaggi, il pensiero “Beh, almeno abbiamo resistito a Putin”, non mi conforterà nel mio monologo interiore. Sarà subito seguito da questi pensieri: “Chi ha deciso di rendere così potente quel piccolo cretino? Avrebbero dovuto esserci altri millenni di vita, amore, gioia e bellezza. Avrebbe dovuto essere una nota a piè di pagina in oscuri testi di storia”.
Ma qual è, vi chiederete, l’alternativa al rischio di una guerra nucleare? Sdraiarsi e dare agli invasori tutto ciò che vogliono? Anche se sarebbe davvero un’alternativa preferibile, ce ne sono di migliori disponibili e lo sono sempre state.
Un’alternativa sarebbe perseguire il cessate il fuoco, i negoziati e il disarmo, anche se ciò significa scendere a compromessi con la Russia. Tenete presente che i compromessi sono imprese a doppio senso: questi coinvolgerebbero anche la Russia che scenderebbe a compromessi con l’Ucraina.

Con dozzine di nazioni che sostengono un cessate il fuoco e negoziati da mesi ormai, e nelle recenti osservazioni alle Nazioni Unite, il governo degli Stati Uniti non dovrebbe almeno considerare l’idea?
Anche se il sostegno a un cessate il fuoco e i negoziati non sono opinioni della maggioranza negli Stati Uniti, non meritano di essere presi in considerazione nei forum pubblici di una società che presumibilmente sostiene la violenza di massa per la causa della difesa della democrazia?
I presidenti di Ucraina e Russia hanno dichiarato che non negozieranno il destino di nessun territorio. Eppure entrambe le parti stanno pianificando una guerra lunga, se non infinita. Più a lungo continua la guerra, maggiore è il rischio dell’uso di armi nucleari.
Entrambe le parti sono state disposte a negoziare e possono esserlo di nuovo. Entrambe le parti hanno negoziato con successo sulle esportazioni di grano e sugli scambi di prigionieri, con l’aiuto esterno, ma quell’aiuto può essere fornito di nuovo, proprio come possono esserlo più armi.
Mentre ci avviciniamo al 60° anniversario della crisi missilistica cubana, sorgono molte domande. Perché abbiamo lasciato che si avvicinasse così tanto? Perché in seguito abbiamo immaginato che il pericolo fosse svanito? Perché Vasily Arkhipov non è onorato su una qualche forma di valuta statunitense? Ma anche questo: perché il presidente Kennedy dovette essere riservato riguardo al ritiro dei missili statunitensi dalla Turchia mentre chiedeva ai sovietici di portarli fuori pubblicamente da Cuba?
Ci dispiace che l’abbia fatto? Avremmo preferito non avere gli ultimi 60 anni di esistenza, per avere Kennedy rifiutato di dare un centimetro a Krusciov? Quale percentuale di americani può anche dire quali fossero i primi due nomi di Krusciov o come fosse la sua carriera? Saremmo davvero dovuti morire tutti o non essere nati per resistere a quel tipo? Immaginiamo davvero che la scelta di preservare la vita sulla Terra resistendo ai suoi generali e burocrati abbia reso Kennedy un codardo?

Leave a Reply