Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Jonah Raskin: The Revolution Will Not Be Televised: Omaggio a Gil Scott-Heron

Jonah Raskin è autore di una bella biografia di Abbie Hoffman e guardando su Netflix “Il processo ai Chicago 7” mi è tornato in mente questo suo articolo che aiuta a capire la strategia degli yippies. La prima volta che ascoltai Gil Scott-Heron fu quando andai a vedere il film No Nukes sui concerti che alla fine degli anni ’70 artisti molto famosi della scena USA (tutti reduci degli anni ’60 e dei primi ’70 tranne Springsteen) avevano tenuto per sostenere il movimento antinucleare. A Abbie Hoffman, che da ricercato in clandestinità si era creato la nuova identità di Berry Freed con cui era diventato un leader riconosciuto in tutto il paese del movimento ambientalista, questo riattivarsi della scena rock nell’impegno sociale piacque molto. Era uns egno che lo spirito dei sixties non era stato del tutto normalizzato. Per saperne di più sul più geniale marxista psichedelico dei sixties consiglio di leggere la sua autobiografia pubblicata dalla Shake edizioni underground qualche anno fa (bellissima!). L’articolo di Raskin mi rincuora: se mi invitano nei talk sarà perchè sono un vero rivoluzionario?

L’artista e poeta jazz Gil Scott-Heron si sbagliava quando nel 1970 disse: “La rivoluzione non sarà trasmessa in televisione”. Ma forse era solo un pio desiderio ed esprimeva ciò che voleva e non ciò che effettivamente vedeva e sentiva intorno a lui.
Più probabilmente, era ironico e commentava il bizzarro mondo della comunicazione di massa.
Puoi ancora apprezzare l’ironia di Scott-Heron in versi come “La rivoluzione non ti sarà offerta dal
Teatro Schaefer Award e non avrà come protagonista
Le star Natalie Woods e Steve McQueen o Bullwinkle e Julia
La rivoluzione non renderà sexy la tua bocca”.

Scott-Heron è morto nel 2011 all’età di 62 anni. I suoi numerosi fan lo adorano ancora e apprezzano la sua abilità artistica unica in album come Pieces of a Man e Winter in America.

In effetti, gli sconvolgimenti culturali e politici degli anni ’60 e ’70, da Selma, Alabama, a Woodstock, New York, furono registrati, filmati, registrati e trasmessi. Coloro che erano vivi nel 1968 e che erano incollati ai loro schermi televisivi hanno assistito alla “rivolta della polizia” nelle strade di Chicago. Hanno anche sentito i manifestanti gridare: “Il mondo intero sta guardando”.
Quella era un’esagerazione. Il mondo intero non stava solo guardando Chicago. Stava anche guardando Praga e Parigi e altri punti caldi della ribellione in tutto il mondo. Ma agli americani spesso piace pensare di essere al centro del mondo e che tutti nel mondo guardano gli Stati Uniti. Quanto sia fallace questa nozione, è evidente a chiunque viaggi in Europa, Asia e Sud America e vede che i notiziari non trattano solo di Donald Trump e della Casa Bianca.
Nel 1789, i rivoluzionari parigini presero d’assalto la Bastiglia perché aveva armi e munizioni. Nel 2014, le forze filo-russe hanno sequestrato la stazione televisiva di Donetsk, spento la TV ucraina e sostituita con canali televisivi di Mosca. Sapevano che la TV oggi è molto più potente di un carro armato o di un jet.

Yippies come Abbie Hoffman, Jerry Rubin e Paul Krassner hanno avuto questa intuizione 50 anni fa.
Non furono solo le principali reti televisive a catturare le scene della rivoluzione negli anni ’60 e ’70. I ribelli si fotografavano. Newsreel, il collettivo di cineasti radicali, documentò le proteste degli anni ’60 e distribuì i suoi film in tutto il paese.
A Santa Barbara, dopo una proiezione di The Columbia Revolt, i manifestanti bruciarono una filiale della Bank of America. Non ci sono dubbi, film e TV contribuirono ad accendere rivolte e ribellioni. Ecco perché gli Yippies, noti anche come Youth International Party, organizzarono eventi irriverenti alla Borsa di New York e altrove allo scopo di essere filmati e poi trasmessi in TV. Secondo Abbie Hoffman le immagini da sole, senza parole, trasmettevano messaggi potenti.
Per gli Yippies, Chicago nell’estate del 1968 era uno scenario in cui tutti recitavano una parte secondo una sceneggiatura non scritta che seguiva una sequenza logica. In effetti, Chicago nel 1968 fu il culmine del Teatro dell’Assurdo.
Le reti televisive e i politici hanno imparato da Chicago nel 1968 e dalle immagini televisive dal Vietnam. Sono diventati più intelligenti e hanno imparato a non trasmettere atrocità di guerra che contribuirono a generare proteste contro la guerra.
Cinquant’anni dopo Chicago, chiunque abbia un cellulare è un direttore della fotografia. I cittadini catturano abitualmente su pellicola agenti di polizia che picchiano, sparano e uccidono uomini di colore disarmati. I loro telefoni e le loro foto hanno istruito milioni, e non solo negli Stati Uniti ma in Egitto, Cina e Russia. Non c’è da meravigliarsi se i potenti vogliono controllare Internet e censurare parole e immagini.
Naturalmente, le immagini da sole non fermeranno la polizia dall’illegalità, anche se possono salvare vite umane.
Se non hai sentito Gil Scott-Heron eseguire “The Revolution Will Not Be Televised”, o se vuoi ascoltarlo (e vederlo) di nuovo, puoi trovarlo online. Funziona ancora come satira e come un brillante pezzo della parola parlata che ha ispirato una o due generazioni di rapper e hip-hoppers.
I nomi sono cambiati dagli anni ’70, quando Scott-Heron cantava:
La rivoluzione non ti mostrerà immagini di Nixon
Che suona la tromba alla testa della carica
Di John Mitchell, del generale Abrams di Spiro Agnew che vanno a mangiare
La trippa di maiale confiscata a un santuario di Harlem”.
Ma il suo senso di indignazione morale suona ancora forte e chiaro. Sostituisci nuovi nomi e il pezzo è più rilevante che mai.
Teletrasmesse o no, le rivoluzioni non saranno rinnegate.

articolo originale su Counterpunch

 

Ho trovato su you tube la canzone di Gil Scott Heron con un montaggio di foto di manifestazioni di Black Lives Matter di questi mesi. La nuova generazione di attivisti afroamericani non dimentica e questa volta la tv non ha potuto oscurare la protesta. Questa è la versione del brano più nota, pubblicata nel 1971 nell’album Pieces of man.

Gil Scott-Heron l’aveva già registrata per il suo album dal vivo del 1970 Small Talk at 125th and Lenox. In questo album  il poeta era accompagnato solo da percussioni di congas e bongo. Gil Scott-Heron scrisse il testo in risposta al classico dei  Last Poets del 1970 “When the Revolution Comes” che si apriva con la frase: “Quando arriverà la rivoluzione, alcuni di noi probabilmente la vedranno in TV, con il pollo che pende dalla bocca. “


il testo di Gil Scott Heron tradotto:

LA RIVOLUZIONE NON LA TRASMETTERANNO ALLA TELEVISIONE
Non potrai startene a casa, fratello

Non potrai né collegarti, eccitarti o squagliartela

Non potrai perder tempo a farti pere
o fare un salto a farti una birretta quando arriva la pubblicità
Perché la rivoluzione non sarà teletrasmessa
La rivoluzione non la teletrasmetteranno
Non sarà certo Xerox a offrirtela
In quattro parti senza interruzioni pubblicitarie
La rivoluzione non ti mostrerà immagini di Nixon
Che suona la tromba alla testa della carica
Di John Mitchell, del generale Abrams di Spiro Agnew che vanno a mangiare
La trippa di maiale confiscata a un santuario di Harlem
La rivoluzione non la faranno vedere alla televisione
La rivoluzione non ti sarà offerta dal
Teatro Schaefer Award e non avrà come protagonista
Le star Natalie Woods e Steve McQueen o Bullwinkle e Julia
La rivoluzione non renderà sexy la tua bocca
La rivoluzione non ti libererà dai difetti
La rivoluzione non ti farà sembrare cinque chili
Più magro, perché la rivoluzione non la trasmetteranno in TV, fratello
Non ci saranno immagini tue e del campione di baseball Willie Mays
Che spingete il carrello per strada a raccogliere le anime dei morti
O che cercate di fregarvi quella TV a colori caricandola su un’ambulanza rubata
La NBC non sarà in grado di fare previsioni alle 8,32
O a trasmettere servizi da 29 distretti
La rivoluzione non la teletrasmetteranno
Non ci saranno immagini di sbirri che sparano
Contro i fratelli con il re-play istantaneo
Non ci saranno immagini di sbirri che sparano
Contro i fratelli con il re-play istantaneo
Non ci saranno immagini di Whitney Young
Mentre lo inseguono e lo cacciano da Harlem
Su un treno con un procedimento dell’ultima ora
Non ci saranno immagini ferme o al rallentatore
Di Roy Wilkins che passeggia per Watts in quell’abito
Di liberazione rosso, nero e verde che teneva
Da parte proprio per l’occasione giusta
I telefilm Green Acres, The Beverly Hillbillies e Hooterville
Junction non saranno più tanto dannatamente rilevanti, e
Alle donne non importerà se alla fine Dick seduce
Jane nella telenovela Search for Tomorrow perché i neri
Saranno nelle strade a cercare un futuro migliore
La rivoluzione non la faranno vedere in televisione
Non ci saranno servizi speciali al telegiornale delle 23
Ne immagini di femministe dalle ascelle pelose
O di Jackie Onassis che si soffia il naso
La sigla non sarà scritta da Jim Webb,
Francis Scott Key, e a cantarla non sarà Glen Campbell, Tom
Jones, Johnny Cash Englebert Humperdink o Rare Earth
La rivoluzione non te la teletrasmettono
La rivoluzione non ritorna dopo una breve interruzione
Per la pubblicità del tornado bianco, del lampo bianco o della gente bianca
Non dovrete stare a preoccuparvi per colombe nella
Camera da letto, tigri nel motore, o giganti nella tazza.
La rivoluzione non va meglio con la Coca cola
La rivoluzione non combatte i germi che provocano l’alito cattivo
La rivoluzione vi metterà al posto di guida
La rivoluzione non la daranno alla televisione, non la daranno alla televisione,
Non la daranno alla televisione, non la daranno alla televisione
La rivoluzione non sarà una replica, fratelli
La rivoluzione sarà in diretta
 
In lingua originale:
 THE REVOLUTION WILL NOT BE TELEVISED (1974)
You will not be able to stay home, brother
You will not be able to plug in, turn on and cop out
You will not be able to lose yourself on skag and skip,
Skip out for beer during commercials,
Because the revolution will not be televisedThe revolution will not be televised
The revolution will not be brought to you by Xerox
In 4 parts without commercial interruptions
The revolution will not show you pictures of Nixon
blowing a bugle and leading a charge by John
Mitchell, General Abrams and Spiro Agnew to eat
hog maws confiscated from a Harlem sanctuary
The revolution will not be televised

The revolution will not be brought to you by the
Schaefer Award Theatre and will not star Natalie
Woods and Steve McQueen or Bullwinkle and Julia
The revolution will not give your mouth sex appeal
The revolution will not get rid of the nubs
The revolution will not make you look five pounds
thinner, because the revolution will not be televised, Brother

There will be no pictures of you and Willie May
pushing that shopping cart down the block on the dead run,
or trying to slide that color television into a stolen ambulance
NBC will not be able predict the winner at 8:32
or report from 29 districts
The revolution will not be televised

There will be no pictures of pigs shooting down
brothers in the instant replay
There will be no pictures of pigs shooting down
brothers in the instant replay
There will be no pictures of Whitney Young being
run out of Harlem on a rail with a brand new process
There will be no slow motion or still life of Roy
Wilkens strolling through Watts in a Red, Black and
Green liberation jumpsuit that he had been saving
For just the proper occasion

Green Acres, The Beverly Hillbillies, and Hooterville
Junction will no longer be so damned relevant, and
women will not care if Dick finally gets down with
Jane on Search for Tomorrow because Black people
will be in the street looking for a brighter day
The revolution will not be televised

There will be no highlights on the eleven o’clock
news and no pictures of hairy armed women
liberationists and Jackie Onassis blowing her nose
The theme song will not be written by Jim Webb,
Francis Scott Key, nor sung by Glen Campbell, Tom
Jones, Johnny Cash, Englebert Humperdink, or the Rare Earth
The revolution will not be televised

The revolution will not be right back after a message
about a white tornado, white lightning, or white people
You will not have to worry about a dove in your
bedroom, a tiger in your tank, or the giant in your toilet bowl
The revolution will not go better with Coke
The revolution will not fight the germs that may cause bad breath
The revolution will put you in the driver’s seat

The revolution will not be televised, will not be televised,
will not be televised, will not be televised
The revolution will be no re-run brothers;
The revolution will be live.

http://www.sagarana.net/anteprima.php?quale=360

un doc. di Don Letts per la BBC:

Gil Scott-Heron spiegava il significato del poema;

graffito di Chico a New York

Leave a Reply