Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Regione Abruzzo: destra e PD uniti nell’omofobia e nell’ignoranza, contro la libertà dell’insegnamento

cazzateConsidero vergognosa l’approvazione oggi con i voti di centrodestra e PD di una risoluzione contro la diffusione della fantomatica “teoria del gender” nelle scuole. Se ne vanta il proponente,

E’ gravissimo che si preveda un’ingerenza diretta della politica sulla libertà di insegnamento con la Regione che interviene presso l’Ufficio Scolastico Regionale.
L’obiettivo di questo genere di iniziative è l’intimidazione verso gli insegnanti per raccogliere il consenso dei settori più retrivi del mondo cattolico come l’Opus Dei  che contrastano da sempre il riconoscimento dei diritti civili per le persone di diverso orientamento sessuale.
Questo genere di iniziative vanno contro l’orientamento europeo che da anni giustamente promuove:
– introduzione delle problematiche LGBT nei programmi scolastici nell’intento di incoraggiare la tolleranza e la comprensione tra personale e studenti e sensibilizzare in merito all’esistenza di strutture familiari non tradizionali. I materiali didattici potrebbero comprendere libri da condividere con i genitori, per contribuire a smontare stereotipi e spiegare la diversità sessuale;
– adozione nelle scuole di politiche anti-bullismo che comprendano espressamente l’omofobia e la trans fobia;
– formazione degli insegnanti su come aff rontare le problematiche LGBT nell’insegnamento e formazione di insegnanti e consulenti scolastici su come trattare i casi di molestie omofobiche e transfobiche.
Tutte attività che un insegnante avrà timore di portare avanti per non ritrovarsi crocefisso come pericoloso propagandista di “teorie del gender”.

Ovviamente so bene che coloro che hanno proposto e votato questa risoluzione non sono degli integralisti religiosi ma semplicemente dei politicanti cinici e ignoranti che pur di raccattare qualche voto sono pronti ad accontentare qualsiasi lobby. Non escludo che prossimamente ci ritroveremo a discutere di risoluzioni contro l’insegnamento della teoria dell’evoluzione flagyl metronidazole.
E’ grottesco che a promuovere simili iniziative a tutela della famiglia tradizionale siano esponenti di quel centrodestra abruzzese passato alla storia per le relazioni extraconiugali pagate con i soldi della Regione.
E’ ancor più grave la complicità della coalizione che è ormai impossibile definire di centrosinistra.
Mi domando come faccia Sel a continuare a sedere in questa maggioranza e in questa compagnia.
Se l’Italia è l’unico paese dell’Europa occidentale che ancora non ha riconosciuto unioni civili è grazie a questa omofobia istituzionale.
Davvero cult anche le dichiarazioni del M5S che ha votato contro ma dichiara:  “nella sostanza possiamo essere anche d’accordo con questa risoluzione, crediamo però che la sede per normare cose del genere non è la Regione, ma il governo nazionale”.  Mah!
Maurizio Acerbo, Rifondazione Comunista – L’Altra Europa con Tsipras
P.S.: il 23 tutti in piazza nei presidi #SVEGLIATIITALIA è ora di essere civili
gender-scuola-tempi-copertina

Integralismo&business: interessante copertina della rivista ciellina: in grande la campagna anti-gender e sotto piccolo Lupi con Maroni e Squinzi su infrastrutture.

Ricevo e segnalo questo opuscolo ai consiglieri regionali abruzzesi: Il gender cosa è e cosa non è

Leave a Reply