Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Vijay Prashad e E. Ahmet Tonak: Cosa succederà con l’invasione turca della Siria?

Ho tradotto un articolo del giornalista e storico indiano Vijay Prashad e dell’economista turco E. Ahmet Tonak
 
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato domenica 6 ottobre al presidente turco Recep Tayyip Erdogan che le truppe statunitensi all’interno della Siria non avrebbero difeso le Forze Democratiche Siriane, che hanno costruito un’enclave all’interno della Siria lungo una parte del confine turco. Le forze democratiche siriane (SDF) sono costituite in gran parte da gruppi curdi, che hanno istituito questa forza armata per difendere l’enclave principalmente curda nella Siria settentrionale. Quando gli Stati Uniti iniziarono il loro attacco allo Stato Islamico (ISIS), le SDF divennero le forze di terra sotto i bombardieri statunitensi. Ora, gli Stati Uniti hanno deciso di tradire il sacrificio delle SDF. La Turchia ha precedentemente minacciato di attaccare le SDF e altri gruppi curdi all’interno della Siria a est dell’Eufrate. Nel 2014 e 2015, la Turchia ha segnalato che avrebbe invaso la Siria. Nell’agosto 2016, l’esercito turco ha attraversato il confine con la copertura aerea degli Stati Uniti. Erdogan disse – a quel tempo – che la Turchia avrebbe attaccato sia l’ISIS sia il gruppo della milizia curda, Unità di protezione del popolo (YPG). Questa operazione, che si trovava in gran parte intorno alla città siriana di Jarabulus lungo il confine tra Siria e Turchia, divenne nota come Operazione Scudo dell’Eufrate. L’intervento del 2016 ha aperto le porte a due ulteriori interventi nel nord di Idlib (2017) e in Afrin (2018), l’ultima operazione con un nome orwelliano: Operazione Ramoscello di Ulivo. Si trattava di attacchi mirati e non di una guerra totale contro SDF e altre forze siriane.
 
Ora, il governo di Erdogan si sta preparando a entrare in Siria per una grande operazione militare contro le SDF. Le forze statunitensi hanno già lasciato i posti di osservazione a Tel Abyad e Ras al-Ain, entrambi luoghi chiave in cui gli Stati Uniti hanno monitorato le truppe turche e hanno protetto le SDF dagli attacchi turchi. Quello scudo ora è stato rimosso. Le forze statunitensi rimangono nella regione, ma vi sono tutte le indicazioni che se ne andranno dai principali hub delle SDF.
 
Le SDF sono ora vulnerabili alla piena potenza dell’esercito turco. I leader politici delle SDF affermano che avrebbero difeso la loro enclave – nota come Rojava – “a tutti i costi”. L’anno scorso, Ilham Ehmed, copresidente del Consiglio democratico siriano, ha avvertito che la Turchia è determinata a entrare in questa “zona sicura” (o quello che gli Stati Uniti chiamano un “meccanismo di sicurezza”). Ehmed disse – prima di questo recente annuncio – che la Turchia invaderà il Rojava, attaccherà duramente le SDF e risistemerà i tre milioni di rifugiati siriani che si trovano ora in Turchia. Questi rifugiati non provengono dalla zona ad est dell’Eufrate. Non solo il governo turco distruggerà il Rojava, ma ripulirà etnicamente l’area portando un gran numero di siriani non curdi. È importante ricordare che la popolazione dei curdi siriani è di circa due milioni. Ehmed ha espresso la sua preoccupazione per questo tentativo di estinguere i curdi siriani del Rojava.
 
Cosa significherà un’invasione turca per la zona?
 
Distruggerà l’enclave curda siriana del Rojava. Nonostante tutti i suoi grandi limiti, il governo del Rojava ha sperimentato varie forme di democrazia, compresa la democrazia economica e culturale.
Distruggerà l’integrità sociale del mondo culturale a est dell’Eufrate. La deportazione di tre milioni di siriani, in gran parte dalla parte occidentale della Siria, cambierà il carattere di questa regione, che è la patria dei curdi siriani. A lungo termine, questo trasferimento di popolazione potrebbe annientare la società curda siriana. Inoltre, se la Turchia lo facesse, avrebbe violato l’articolo 49 della Quarta Convenzione di Ginevra (1949).
Potrebbe costringere le forze armate siriane a marciare sulla regione, per difendere i suoi confini. Nel parlamento iraniano, il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif ha affermato che la Turchia dovrebbe rispettare i confini della Siria e che la Turchia deve consentire alle forze armate siriane di stabilire la propria presenza al confine. Se l’esercito siriano si sposta al confine, si aprirà la possibilità di uno scontro tra Siria e Turchia, che potrebbe portare a tensioni tra le forze armate di Iran, Russia e Stati Uniti.
Dal 2017 Iran, Russia, Siria e Turchia fanno parte del Gruppo Astana, il cui scopo era trovare un modo per porre fine alla sanguinosa guerra in Siria. L’intervento turco in Siria aumenterà la possibilità del risveglio della guerra all’interno della Siria. I gruppi di fiancheggiatori mercenari dei turchi che facevano parte dell’attacco al governo siriano saranno incoraggiati a provare ancora una volta a rovesciare il governo di Damasco.
Se le forze iraniane e statunitensi si scontreranno in Siria, ciò darebbe agli Stati Uniti un altro motivo per aprire una guerra più piena contro l’Iran, incluso il bombardamento dell’Iran stesso?
Rafforzerà un governo Erdogan fortemente indebolito.
Vale la pena essere allarmati da questi sviluppi. Le Nazioni Unite hanno dato la valutazione corretta della situazione. Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per la Siria, Panos Moumtzis, ha dichiarato: “Non sappiamo cosa succederà … Stiamo preparando il peggio”. Dovremmo farlo anche noi.
articolo originale da sito di Montly Review 

Leave a Reply