Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Freddo polare: ma del dormitorio alla stazione promesso nel 2015 nessuna traccia 

In queste ore in cui l’abbassamento della temperatura è assai pericoloso il pensiero non può non andare alle persone senza tetto. Sappiamo che Comune e volontariato si sono organizzati per l’emergenza (il numero diretto del Comune per segnalare persone che dormono in strada o sono in evidente stato di difficoltà è il 349.7856242). Speriamo che tutti coloro che ne hanno bisogno trovino ricovero e nessuno rimanga per strada al gelo.

Però non possiamo non denunciare che ancora una volta è incomprensibile il perchè non si trovi una soluzione dignitosa e definitiva come, tra l’altro, promesso dall’amministrazione comunale di Pescara.
Era stato assunto l’impegno dall’allora assessore Diodati di realizzare un DORMITORIO nei locali del rilevato ferroviario e/o della stazione. Era il 2015 e si dichiarava che… si va verso la realizzazione di un dormitorio comunale
 
A prescindere dal freddo è comunque vergognoso nel 2017 che la gente dorma nelle auto, per strada o tra ruderi.
Ci sono migliaia di metri quadrati liberi e facciamo dormire per strada la gente?
Ricordiamo che negli spazi del rilevato ferroviario affidati dalle ferrovie all’associazione On The Road ci sono ampi spazi che potrebbero essere adibiti a dormitorio. Perchè il progetto non si concretizza mentre si spendono soldi per opere di dubbia utilità?
Si sono programmati 1 miliardo e 500 milioni di euro per progetti del Masterplan ma la solidarietà sociale non è stata per nulla presa in considerazione dalla Regione.
Noi continuiamo a ritenere che la solidarietà sia l’infrastruttura più importante e che quelle risorse potevano essere destinate in parte per fare fronte all’emergenza abitativa e sociale.
Oppure potevano e possono essere individuati fondi nella programmazione dei fondi europei.
Invitiamo per l’ennesima volta Comune, Provincia e Regione a provvedere.

Si può rimodulare per esempio il piano degli investimenti per opere pubbliche del Comune e con un programma definito sistemare questo benedetto dormitorio in stazione entro pochi mesi?

Regione-Ovunque-6x3

la Regione è ovunque si parli di appalti ma per il resto latita

Maurizio Acerbo, ex-consigliere comunale PRC-SE 
 
Corrado Di Sante, segretario provinciale PRC-SE
P.S.: la nuova assessora comunale alle politiche sociali Antonella Allegrino sul Messaggero annuncia grandi programmi che non possiamo che salutare positivamente. Nel frattempo però si può finalmente concretizzare sto cavolo di dormitorio presso la stazione di cui si parla da anni?

Leave a Reply