Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Michael Moore: Joker è un capolavoro

Michael Moore sulla sua pagina facebook ha pubblicato una recensione entusiastica e molto politica del film Joker

Mercoledì sera ho partecipato al New York Film Festival e ho assistito a un capolavoro cinematografico, il film che il mese scorso ha vinto il premio più importante al Festival di Venezia. Si chiama Joker – e tutto ciò che abbiamo sentito di questo film noi americani è che dovremmo temerlo e starne alla larga. Ci è stato detto che è violento, malato, moralmente corrotto – un’incitazione e una celebrazione dell’assassinio. Ci è stato detto che questo weekend la polizia sorveglierà le proiezioni per essere pronta a intervenire in caso di “problemi”. La nostra nazione è vittima di una profonda disperazione, la nostra costituzione è a pezzi, un pazzo maniaco del Queens ha accesso ai codici delle testate nucleari – ma per qualche motivo, dovremmo aver paura di questo film.

Suggerisco l’opposto: la nostra società sarebbe in un grande pericolo se il pubblico NON andasse a vedere questo film. Perché la storia che racconta e le problematiche che sottolinea sono così profonde, così necessarie, che se voi distogliete lo sguardo da questa geniale opera d’arte perdereste il dono dello specchio che ci sta offrendo. Sì, c’è un clown disturbato in quello specchio, ma non è da solo – noi siamo proprio lì, dietro di lui.

Joker non è un supereroe o supercattivo o un film tratto da fumetti. Il film è ambientato da qualche parte a Gotham City negli anni ’70 o ’80 – e i cineasti non fanno alcun tentativo di mascherarla per qualcosa di diverso da quello che è: New York City, il quartier generale di tutto  il male: i ricchi che ci comandano, le banche e le corporations che serviamo, i media che ci indottrinano con una dieta quotidiana di “notizie” che pensano dovremmo assorbire.

La settimana passata, una settimana in cui un presidente in carica si è auto-accusato perché, in puro stile Joker, ha riso scioccamente per l’incapacità di Mueller e Dems di fermarlo, e alla fine ha superato se stesso consegnando nelle loro mani tutto ciò di cui avevano bisogno. Ma anche allora, dopo dieci giorni di ostentazione della sua colpa, era ancora seduto con i suoi codici nucleari macchiati di grasso KFC nell’Ufficio Ovale, quindi disse al Capitano Sketchy di accendere l’elicottero, il suono delle sue pale che si alzava significava solo l’allerta per i giornalisti di accorrere fuori per la “conferenza stampa” quotidiana – Trump esce fuori nella assordante cacofonia del cinguettio e chiede pubblicamente e criminalmente alla Repubblica Popolare Cinese di interferire nelle nostre elezioni del 2020 mandandogli la spazzatura sui Biden. Lui e il suo magico tappeto di capelli si allontanavano e, a parte le urla del cittadino “PUOI CREDERE QUESTO ?!”, non è successo nulla. Mentre “Joker” esce nei cinema questo fine settimana, Joker Jr. è ancora seduto alla scrivania di John F. Kennedy nell’Ufficio Ovale nei giorni in cui si presenta al lavoro, sognando la sua prossima conquista e dissolutezza.

Ma questo film non è su Trump – è sull’America che ci ha consegnato Trump: l’America che pensa non sia necessario aiutare gli ultimi, i bisognosi. L’America dove gli schifosamente ricchi diventano ancor più ricchi e ancor più schifosi.

Tranne che in questa storia, viene posta una domanda sconcertante: cosa succede se un giorno i diseredati decidono di reagire? E non intendo con la cartella per registrare le persone per votare. Le persone sono preoccupate che questo film possa essere troppo violento per loro. Veramente? Considerando tutto ciò che stiamo vivendo nella vita reale? Permettete che le scuole conducano “esercitazioni sulle sparatorie” con i vostri bambini, danneggiandoli permanentemente a livello emotivo e mostrando loro la vita che abbiamo creato per loro. Joker rende chiaro il fatto che non vogliamo realmente andare fino in fondo a tutto questo, o cercare di capire perché gli innocenti si trasformano in Joker quando non ce la fanno più.  Nessuno si chiede come mai due ragazzi intelligenti abbiano saltato la lezione alla quarta ora di Filosofia Francese al liceo di Columbine per andare ad assassinare 12 studenti e un insegnante. Chi oserebbe chiedere perché il figlio di un vicepresidente della General Electric sia entrato nella scuola elementare di Sandy Hook a Newton per fare a pezzi 20 bambini di prima elementare. O perché il 53% delle donne bianche votano per il candidato presidente che, in una registrazione, dichiarava il suo talento come predatore sessuale?

La paura e le reazioni a Joker sono un trucco. Qualcosa volto a distrarci per non farci vedere la violenza reale che fa a pezzi i nostri amici – 30 milioni di americani che non hanno l’assicurazione sanitaria è una vera e propria violenza. Milioni di donne abusate e di bambini che vivono nella paura sono una violenza. Infilare 59 studenti come sardine senza valore nelle classi di Detroit è una violenza.

Il dipartimento di polizia di New York prende precauzioni per proiezioni di Joker

La paura e il clamore per “Joker” sono uno stratagemma. È una distrazione per non farsi guardare la vera violenza che lacera gli esseri umani nostri simili – il fatto che 30 milioni di americani che non hanno un’assicurazione sanitaria è un atto di violenza. Milioni di donne e bambini maltrattati che vivono nella paura è un atto di violenza. Ficcare 59 studenti come sardine senza valore nelle aule di Detroit è un atto di violenza.

Mentre i media e i notiziari si preparano alle prossime sparatorie di massa, hanno già sparato ripetutamente a voi, ai vostri vicini e ai vostri compagni di lavoro, hanno sparato dritti ai vostri cuori, alle vostre speranze e ai vostri sogni. La vostra pensione è svanita da un pezzo. Siete indebitati per i prossimi 30 anni perché avete commesso il crimine di desiderare un’istruzione. Avete addirittura pensato di non volere dei figli perché non volete metterli in un mondo che sta morendo, visto che nel giorno della loro nascita hanno già una condanna a morte per cambiamento climatico a venti anni.

La violenza in Joker? Stop! La maggior parte della violenza nel film viene perpetrata nei confronti di Joker stesso, una persona che ha bisogno di aiuto, qualcuno che cerca di sopravvivere ai margini di una società avida. Il suo crimine è il fatto di non poter ottenere aiuto. Il suo crimine è che lui è la vittima di uno scherzo giocato su di LUI dai ricchi e famosi. Quando Joker decide che non ne può più… sì, vi sentirete pessimi. Non a causa del (minimo) sangue sullo schermo, ma perché in fondo lo stavate incoraggiando – e se siete onesti quando questo accade ringrazierete questo film per avervi fatto provare un nuovo desiderio – e non quello di correre verso l’uscita più vicina per salvarvi il culo ma piuttosto di resistere, combattere e concentrare la vostra attenzione sul potere non violento che avete tra le mani ogni singolo giorno.

Grazie a Joaquin Phoenix, Todd Phillips, Warner Bros. e a tutti coloro che hanno realizzato questo film importante per questo momento importante. Ho adorato i molteplici omaggi di questo film a Taxi Driver, Quinto potere, Il braccio violento della legge e Quel pomeriggio di un giorno da cani. Quanto tempo è passato da quando abbiamo visto un film aspirare al livello di Stanley Kubrick? Andate a vedere questo film. Portate i vostri ragazzi. Portate la vostra determinazione.

Leave a Reply