Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Tariq Ali: Sulle contraddizioni di Mao (2010)

Due anni fa un compagno fu scandalizzato dal fatto che avessi citato Mao durante un dibattito in una nostra festa. La mostrificazione di Mao è una delle operazioni di revisionismo storico più riuscite dell’ultimo trentennio ed è entrata nell’immaginario di gran parte dell’opinione pubblica progressista. Siamo passati dall’esaltazione acritica ed eccessiva degli anni ’60-’70 alla demonizzazione più totale. Da riferimento mitico dei movimenti giovanili di tutto il mondo Mao è diventato un simbolo degli orrori del Novecento. Insomma dal paradiso della canzone di Alberto Camerini del 1977 all’inferno. Uno dei veicoli di questa operazione è stato il bestseller di Jung Chang e Jon Halliday “Mao:la storia sconosciuta” che presenta Mao come un “mostro”peggiore di Hitler e Stalin e che sulla grande stampa e nelle librerie ha trovato grande accoglienza. Un successo non contrastato nel nostro paese dove sono passate inosservate le recensioni critiche degli storici a livello internazionale. Se ne trova una sintetica ma efficace di Marina Miranda sul sito della Società Italia per lo studio della storia contemporanea. Ne segnalo qualcuna di storici della Cina anglosassoni Jonathan Fenby , Jonathan Spence, Andrew Nathan, David S.G Goodman dell’Università di Sidney lo ha persino paragonato al Codice Da Vinci (evidentemente non conosceva la produzione di Giampaolo Pansa). Una raccolta di interventi pesantemente critici di accademici è uscita nel 2010 “Was Mao Really a Monster?: The Academic Response to Chang and Halliday’s“, ma non risulta tradotta per il pubblico italiano che continua ad abbeverarsi al libro di Jung Chang e Jon Halliday. Tariq Ali, intellettuale anglo-pakistano già tra i leader del ’68 e noto anche per una celebre intervista in cui John Lennon esplicitò le sue opinioni di sinistra radicale, definisce il libro di Chang e Halliday una “soap-opera” nella recensione della biografia di Mao scritta da Rebecca Karl, “Mao Zedong and China in the Twentieth-Century World” uscita nel 2010.  La raccolta di saggi e la biografia della Karl non sono ancora stati tradotti per il pubblico italiano. L’anticomunismo che è dilagato dopo il 1989 nel nostro paese è davvero egemone in questo paese. Eccovi la traduzione dell’articolo di Tariq Ali uscito sulla New Left Review 10 anni fa:

L’emergere della Cina come potenza economica mondiale ha spostato il centro del mercato globale verso est. I tassi di crescita della Repubblica Popolare Cinese sono l’invidia delle élite ovunque, le sue merci circolano anche nei più piccoli mercati di strada andini, i suoi leader corteggiati da governi forti e deboli. Questi sviluppi hanno innescato discussioni senza fine sul paese e sul suo futuro. I media mainstream si preoccupano essenzialmente della misura in cui Pechino soddisfa le esigenze economiche di Washington, mentre i think-tank temono che prima o poi la Cina sosterrà una sfida sistematica alla saggezza politica dell’Occidente. Il dibattito accademico, nel frattempo, di solito si concentra sulla natura esatta e sulla meccanica del capitalismo contemporaneo in Cina. Gli ottimisti dell’intelletto sostengono che la sua essenza è determinata dalla continua presa sul potere del PCC, vedono la svolta pro-mercato della Cina come una versione della Nuova Politica Economica (NEP) dei bolscevichi; in momenti più deliranti, sostengono che i leader cinesi useranno la loro nuova forza economica per costruire un socialismo più puro di qualsiasi altro tentativo precedente, basato sul corretto sviluppo delle forze produttive e non sulle comuni povere del passato. Altri, al contrario, sostengono che un nome più accurato per il partito al potere non richiederebbe nemmeno un cambio di iniziali: comunista viene facilmente sostituito con capitalista. Una terza visione insiste sul fatto che il futuro cinese semplicemente non è prevedibile; è troppo presto per prevederlo con certezza.

Nel frattempo infuriano anche i dibattiti sul passato rivoluzionario del Paese. La Cina non è stata esonerata dalla tendenza più ampia che ha accompagnato la vittoria globale del sistema americano, nella quale le storie sono state riscritte, il monarchismo e la religione visti di nuovo in una luce positiva e qualsiasi idea di cambiamento radicale è stata spazzata via. Mao Zedong è stato al centro di questo processo.

Nella stessa RPC sono comparse memorie trash della scuola tabloid, fornite dal medico, dai segretari di Mao, ecc.; tutto molto nella tradizione cinese della “storia selvaggia”, altrimenti nota come gossip. In Occidente, Jung Chang e Jon Halliday – il primo una ex-Guardia Rossa i cui genitori comunisti hanno sofferto durante la Rivoluzione Culturale, il secondo un difensore acritico un tempo del pensiero di Kim Il Sung – si sono uniti alla mischia cinque anni fa con il libro Mao: la storia sconosciuta. Questa era focalizzata sulle cospicue imperfezioni (politiche e sessuali) di Mao, esagerandole ad altezze fantastiche e avanzando criteri morali per i leader politici che non avrebbero mai applicato a un Roosevelt o un Kennedy. Il risultato di una ricerca di dieci anni, finanziata da un enorme anticipo dall’operazione anglo-americana di Bertelsmann, questo racconto tendenzioso e in parte fabbricato è stato presentato come studio senza pari dall’editoria e dai conglomerati dei media di tutto il mondo: il Guardian lo ha definito come ‘Il libro che ha sconvolto il mondo’. Descrivendo il Grande Timoniere come un mostro peggiore di Hitler, Stalin o di chiunque altro, è stato progettato per distruggere Mao una volta per tutte.

Gli studiosi, tuttavia, erano generalmente sprezzanti nei confronti della sceneggiatura della soap opera di Chang-Halliday. Parte di ciò che conteneva era stato scritto almeno due decenni prima, e molte delle rivelazioni “sconosciute”, dove non dipendevano totalmente da chiacchiere, non erano né con fonti né provate. Molto materiale è stato prelevato dagli archivi degli oppositori della fazione di Mao a Taiwan e Mosca, e quindi difficili da prendere sul serio. Allo stesso modo, l’uso di interviste di celebrità la cui conoscenza di Mao, per non parlare della Cina, era limitata: Lech Wałesa era uno dei tanti. Lo stile sensazionalista e denunciante, ironia della sorte, ricordava la lingua che Mao stesso aveva schierato contro i suoi avversari durante la Rivoluzione Culturale. Sono seguiti ulteriori contributi alla letteratura della demonizzazione, tra cui Mao’s Great Famine (2010) di Frank Dikötter. Il miglior antidoto fino ad oggi è una raccolta curata da Gregor Benton e Lin Chun, Was Mao Really a Monster? (2010), che raccoglie le risposte di illustri studiosi negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Cina.

E Mao stesso? Le sue immagini sono in vendita, popolari in Cina e non solo tra i turisti, le sue idee sulla guerra di lunga durata sono state usate frequentemente per il “marketing della guerriglia”. Il suo destino, come quello del Che, sembra ora quello di una merce preziosa: tutto ciò che manca è un equivalente cinese dei Diari della motocicletta. (Forse, a nostra insaputa, Zhang Yimou sta lavorando a The Thoughtful Swimmer) L’importante nuova biografia di Rebecca Karl cerca di contestualizzare Mao nella storia del suo tempo, con l’obiettivo di ripristinare un certo grado di sanità mentale nel discutere la sua vita e il suo ruolo, le verruche e tutto il resto, come il padre della Cina moderna; e contemporaneamente per salvare la storia della rivoluzione cinese dai suoi detrattori in Occidente e in patria. Il suo modello: la biografia intellettuale compressa di Lukács del 1924 su Lenin come teorico e pratico. Il racconto accademico e leggibile di Karl è lungi dall’essere acritico, ma insiste sul fatto che l’ascesa di Mao, il maoismo e il “Mao Zedong pensiero” non possono essere compresi senza considerare il mondo del 20° secolo in cui questi sono emersi e tenendo conto del ruolo svolto dagli imperialismi che presiedettero sul destino della Cina nella prima metà del secolo. Presentare Mao come un mostro senza radici o uno zoticone di campagna amorale è una grottesca distorsione della storia cinese. Karl traccia il trionfo del maoismo e ne discute le conseguenze con una chiarezza adamantina, basata su ricerche meticolose e testardaggine dei fatti. Nessun tentativo di riscrittura della storia li farà scomparire.

Mao Zedong è nato da un contadino benestante nella provincia di Hunan, successivamente sede della sua celebre indagine sul movimento contadino locale. Mao e i suoi due fratelli più piccoli hanno avuto un assaggio della vita contadina mentre trasportavano letame per fertilizzare le risaie del padre. Il padre era un cafone semi-alfabetizzato, né amato né rispettato da Mao sin dalla tenera età. Sua madre, di carattere molto diverso, era una donna dalla mentalità forte che instillò in tutti e tre i figli l’idea di migliorare il mondo attraverso l’azione. Solo Mao fu mandato a scuola, dove assorbì i classici confuciani memorizzandoli, uno stile educativo comune in molte parti dell’Asia di allora e persino adesso. Ma fu solo quando si trasferì nella capitale provinciale, Changsha, a metà del 1911 che la sua visione del mondo provinciale iniziò a cambiare.

La rivoluzione dell’ottobre 1911 rovesciò la dinastia Manciù e Sun Yatsen dichiarò la Cina una repubblica. Ma il paese rimase frammentato; fuori dalle grandi città, i signori della guerra dominavano il paesaggio. Un tentativo alla fine del 1916 di Yuan Shikai di salire sul trono e sciogliere la Repubblica fu sconfitto. L’effetto sull’intellighenzia e sugli studenti fu elettrico, radicalizzando molti, tra cui Mao. Fu alla Quarta scuola provinciale, un istituto di formazione per insegnanti, che lui incontrò per la prima volta pensatori che si stavano impegnando con le filosofie politiche occidentali. La New People’s Study Society  ampliò il suo universo intellettuale e la sua cerchia di amici, molti dei quali in seguito sarebbero diventati militanti del PCC. Già ampiamente formato nei classici cinesi, in particolare romanzi e poesie, Mao ora  passava al liberalismo attraverso la filosofia occidentale. Fu fortemente ispirato dal suo insegnante preferito, Yang Changji, un laureato in filosofia di Edimburgo che aveva successivamente studiato Kant a Heidelberg. Quando Mao si laureò nel 1918, a Yang era stata offerta una cattedra di filosofia a Beida (Università di Pechino). Lui portò Mao con sé. Il fermento intellettuale che aveva preso il paese dal 1911 aveva mostrato pochi segni di abbattimento; le controversie tra le diverse correnti filosofiche dominavano la vita culturale nelle città. Cai Hesen, un caro amico di Mao, era finito a Parigi da dove scrisse lunghe lettere descrivendo l’impatto della rivoluzione russa sull’Europa e sottolineando i legami tra teoria e pratica, racconti che aiutarono a radicalizzare Mao.

Mao si assicurò un lavoro nella biblioteca di Beida. Qui incontrò i professori Chen Duxiu e Li Dazhao, i redattori di New Youth, una rivista letteraria filosofica radicale ampiamente diffusa che difendeva la scienza, la democrazia e l’internazionalismo sottoponendo sistematicamente le idee confuciane e il servilismo che incoraggiavano a una critica acuta. I due uomini avevano tradotto alcuni degli scritti di Lenin e Kautsky in cinese e si stavano chiaramente muovendo in una direzione radicale. Il giornale difese i bolscevichi e li paragonò favorevolmente ad alcuni dei rivoluzionari repubblicani locali del 1911. Fu qui che Mao pubblicò il suo primo testo, sull’importanza dell’educazione fisica, nel 1917 – e fu attraverso i circoli di studio di Chen e Li che divenne comunista. Nonostante gli sforzi di Mao per impressionarli, secondo Karl, “l’unica persona su cui fece una profonda impressione fu la figlia del professor Yang, Yang Kaihui, che in seguito divenne la sua prima moglie e madre di molti dei suoi figli”. Mao sviluppò il suo peculiare stile di scrittura, spesso conciso e acuto, a volte lirico, che avrebbe avuto un profondo impatto sulle lotte a venire. Sebbene molto più poetico di Lenin, il talento di Mao come saggista e autore di pamphlet era simile a quello del leader bolscevico.

Mao non era più a Pechino quando iniziò il movimento del 4 maggio nel 1919. All’inizio di quell’anno sua madre si era ammalata gravemente e si era trasferito di nuovo a Changsha. Qui fu impiegato come insegnante di scuola e creò la Rivista del Fiume Xiang, inconfondibilmente modellata sulla New Youth. Il suo tono era fortemente antimperialista. Era critico nei confronti dei leader smidollati del paese e le sue polemiche espresse in maniera aggressiva spesso colpivano nel segno, provocando la soppressione della rivista da parte dell’uomo forte provinciale. Karl sottolinea che i commenti più sorprendenti che scrisse nella rivista erano legati al suicidio di una donna locale, la signorina Zhao, in segno di protesta contro un matrimonio forzato. Mao descriveva la condizione delle donne nella società come una sorta di “stupro quotidiano”, difendeva l’emancipazione delle donne e sosteneva che avrebbe potuto avere luogo solo dopo una completa revisione della società cinese – una visione echeggiata da Lu Xun che, rispondendo alla tempesta suscitata da una produzione cinese di La Casa di bambola di Ibsen a Shanghai pose la domanda: se una Nora cinese dovesse lasciare casa, dove potrebbe trovare rifugio?

Nel luglio del 1921, sconosciuto a tutti tranne quelli coinvolti, il Partito Comunista Cinese fu creato a Shanghai, una fusione di cellule che esistevano in diverse parti del paese; 12 delegati rappresentavano 57 comunisti. Chen Duxiu e Li Dazhao non erano riusciti a farlo, ma furono nominati co-fondatori.

Mao rappresentava la piccola cella di Hunan che includeva sua moglie. L’uomo del Comintern che li osservò e li consigliò era Maring, un devoto comunista olandese (vero nome: Henk Sneevliet) che aveva svolto un ruolo importante e stimolante nell’organizzazione dei sindacati in Olanda, e nel 1912 si era trasferito nelle Indie orientali olandesi, aiutando nella creazione di quello che sarebbe poi diventato il Partito Comunista Indonesiano. Il momento di fondazione del PCC a Shanghai ebbe un impatto immediato, ma i compagni tornarono a casa determinati a reclutare lavoratori e intellettuali nel nuovo partito. Mao ora si considerava un rivoluzionario professionale, un soldato al servizio del Partito e della rivoluzione.

Trascorse il successivo anno e mezzo unificando i minatori di carbone e gli operai delle ferrovie e delle tipografie nello Hunan, prima di essere convocato a Shanghai per unirsi al Comitato Centrale del Partito. Nel 1924, il Comintern diede istruzioni al PCC – imponendosi sulla leadership stessa del Partito – di fondersi con il Kuomintang di Sun Yatsen. Mao fu spedito a Canton per lavorare con i nazionalisti, lasciando sua moglie e due bambini piccoli a Changsha. Le sue suppliche furono inutili. Mao lasciò a sua moglie una lettera in versi:

Salutando, intraprendo il mio viaggio.

Gli sguardi desolati che scambiamo peggiorano le cose. . .

Da ora in poi, ovunque vada, sono solo.

Ti prego di recidere i legami aggrovigliati delle emozioni.

Ora sono un vagabondo senza radici.

E non abbiamo più nulla a che fare con il sussurro degli innamorati.

Karl è perspicace sullo scontro tra teoria e pratica comunista sulla questione delle donne. Mentre il programma del PCC difendeva la liberazione delle donne, una volta all’interno del partito esse erano confinate largamente nei doveri domestici e materni. Per molte il partito  divenne il sostituto di una famiglia. La famiglia di Yang era radicale, ma la maggior parte delle donne che si unirono al PCC “furono formalmente diseredate dalle loro famiglie”. Questo rese le loro delusioni interne più acute. La Cina non era unica al riguardo: una situazione simile esisteva in Europa e altrove.

Nel 1925, lo scoppio di piccole rivolte contadine e una grande ondata di scioperi urbani offrirono ai comunisti cinesi una scelta fondamentale: combattere da soli, offrire una leadership politica credibile alla nuova ondata di lotte o addomesticarle continuando a lavorare dentro e sotto l'”ala sinistra” del Kuomintang? Fino a questo punto il Comintern aveva insistito sul fatto che i comunisti subordinassero gli interessi strettamente di classe a favore di un fronte unito con il Kuomintang contro i signori della guerra e il brigantaggio e in difesa della democrazia borghese. Borodin, un anziano agente Comintern (il cui personaggio fu ben tratteggiato nel romanzo I Conquistatori di André Malraux) scherzosamente disse ai leader del PCC di vedersi come “coolies” al servizio della borghesia nazionale. Mosca versò denaro e stabilì legami militari con il Kuomintang, un percorso che si sarebbe rivelato disastrosamente sbagliato quando il Kuomintang si rivolse contro i suoi alleati del Partito Comunista nel 1927.

Il ruolo del Comintern

Accettando la strategia del Comintern, Chen Duxiu, segretario generale del PCC, andò contro i suoi stessi istinti politici. Non aveva fiducia in se stesso o la forza politica per resistere a Mosca, in seguito scrivendo delle sue stesse debolezze: “Io, che non avevo la risolutezza del carattere, non potevo insistentemente mantenere la mia proposta. Rispettavo la disciplina internazionale e la maggioranza del Comitato Centrale”. Un altro leader avrebbe potuto agire diversamente? Fu la tragedia del neonato PCC che non gli è mai stato concesso il tempo necessario per sviluppare le proprie politiche, in un momento critico della storia del Paese. Ancor prima che la Terza Internazionale – creata a Mosca nel 1919, contro il parere della lungimirante Rosa Luxemburg – fosse stata trasformata in un rozzo strumento di politica estera sovietica, era pesantemente dominata dai vittoriosi bolscevichi. Il prestigio internazionale di cui godevano tra gli oppressi non poteva sostituire la loro conoscenza superficiale dell’Asia. Purtroppo, gran parte di ciò che scrivevano e dicevano veniva trattato con deferenza scritturale, indipendentemente dalla situazione concreta nei diversi paesi.

Più tardi, e in relazione alla debacle cinese del 1927, Trotsky descriverà la Terza Internazionale come “la prima burocrazia della rivoluzione che si innalza al di sopra del popolo ribelle e conduce la propria politica ‘rivoluzionaria’ anziché la politica della rivoluzione”. Se la rivoluzione cinese del 1925-1927 avrebbe avuto successo senza l’interferenza Comintern rimane un intrigante interrogativo controfattuale. Se lo avesse fatto, il paese sarebbe stato unito contro l’imperialismo giapponese, il che avrebbe reso l’occupazione difficile, se non impossibile, da sostenere. Questo avrebbe avuto conseguenze di vasta portata, e non solo per l’Estremo Oriente.

I massacri di Shanghai del 1927, istigati dal nuovo leader di spicco del Kuomintang Chiang Kai-shek, portarono alla liquidazione virtuale dei comunisti locali e dei sindacati alleati in città. Disarmato politicamente e militarmente dal Comintern e dalle sue stesse debolezze, il PCC fu ora spinto in un improvviso cambio di marcia da parte di Mosca, ansioso di salvare la situazione, in parte per ragioni interne, poiché la questione cinese era stata coinvolta in dispute di fazione tra Stalin/Bucharin e Trotsky e l’opposizione di sinistra. Stalin aveva disperatamente bisogno di una vittoria, ma le insurrezioni che seguirono a Canton e Changsha furono facilmente schiacciate da un Kuomintang unito; infatti, le orribili brutalità nella capitale hunanese furono compiute dall'”ala sinistra” del Kuomintang. La rotta del PCC era ora completa. Mosca ordinò un altro cambio di leadership. Chen Duxiu era già stato rimosso. Il suo successore Li Lisan fu scaricato in favore di un fantoccio di Mosca, Wang Ming. Durò quattro anni. Il risultato cumulativo delle politiche Comintern dal 1922 in poi è chiaro: dal 1927 al 1932, come riferito da Liu Shaoqi al congresso del PCC nel 1945, i rivoluzionari avevano perso oltre il 90% dei loro membri.

Pausa tagliente

Come osserva Karl, “dal punto di vista molto cupo del 1927, tutto sembrava perduto”. In che modo il PCC, frustato da successive sconfitte e sull’orlo dell’estinzione, è riuscito a liberare l’intero paese, unificandolo per la prima volta in un secolo e mezzo e trasformando la sua struttura sociale ed economica, in poco più di 20 anni ? La vittoria guidata dal Partito Comunista del 1949 fu il risultato di politiche militari e sociali che furono messe in moto dopo le sconfitte degli anni 1920 e che segnarono una brusca rottura con la pratica precedente. Karl descrive la fuga dei quadri comunisti dal terrore bianco di Chiang nel 1927 e le successive esperienze di Mao nella lotta contro gli eserciti del Kuomintang attraverso la guerriglia. Nel 1930, dopo mesi di duro viaggio e combattimenti, l’embrione dell’Armata Rossa stabilì una base nel Jiangxi, stabilendo quello che fu chiamato il soviet di Jiangxi. Qui il PCC condusse campagne di alfabetizzazione tra i contadini e li incoraggiò a riorganizzare il loro villaggio e ridistribuire la terra essi stessi. Le politiche del partito dovevano essere radicate nella “meticolosa analisi dei ritmi e delle strutture della vita quotidiana dei contadini”, nelle parole che Karl usa per descrivere il “Rapporto Xunwu” di Mao del 1930.

Assediato dalle forze armate, il PCC decise di abbandonare lo Jiangxi nel 1934, iniziando la famosa Lunga Marcia verso Yan’an. Fu durante la Lunga Marcia, alla conferenza di Zunyi del 1935, che il gruppo di Mao prese il potere totale all’interno del PCC. Ora avrebbe avuto un ruolo fondamentale nella riorganizzazione del partito. La nuova leadership prese due decisioni chiave: un trasferimento nelle campagne per ricostruire e recuperare e, di fatto, ignorare Mosca nella pratica mentre si accondiscendeva con le parole nella teoria. Una prima prova era arrivata prima di Zunyi quando il Comintern, intraprendendo il suo ultrasinistrismo del terzo periodo, proclamò che stava arrivando una nuova “alta marea rivoluzionaria”. La parola russa pod’em indicava “slancio” o “avanzata”. Dopo molte riflessioni e discussioni, Zhou Enlai lo tradusse in cinese come gao-chao o “marea crescente”. Mao, in modalità poetica, rispose nel gennaio del 1930 con un opuscolo, Una sola scintilla può incendiare la prateria, in cui interpretava la parola d’ordine del Comintern come segue:

L’ascesa della rivoluzione è come la nave di cui dalla riva già si scorge la punta dell’albero sul lontano orizzonte; è come il disco del sole di cui già si scorgono dalla cima di una montagna i raggi luminosi che a oriente squarciano le tenebre; è come il bambino che già si dibatte nel grembo della madre e presto vedrà la luce.

Il messaggio era ovvio. Nulla sarebbe successo immediatamente, ma la passività di fronte alla sconfitta non era un’opzione. I poveri contadini avrebbero d’ora in poi rifornito il partito e dalle loro fila sarebbero stati creati tre potenti rami dell’Armata Rossa. A parte il fatto che non esisteva altra soluzione, questa lunga gestazione permise a Mao e ai suoi compagni di sviluppare meccanismi di supporto nelle campagne che sarebbero rimasti per molto tempo a venire. Come è già stato affermato in queste pagine, questi collegamenti spiegano e differenziano la traiettoria del comunismo cinese da quella della sua controparte russa.

Una Cina unificata era stata il grande premio che si attendevano i nazionalisti e i loro amici all’estero, ma l’invasione giapponese del 1937 e la conseguente brutale occupazione avevano messo in luce le debolezze del nazionalismo ortodosso. Un Kuomintang corrotto e collaborazionista si era screditato, Chiang paragonando notoriamente gli occupanti giapponesi ai comunisti: i primi erano una malattia curabile, il secondo un cancro che doveva essere distrutto. Dopo il 1941, gli eserciti nazionalisti iniziarono a perdere soldati e ufficiali verso gli eserciti e i partigiani comunisti in progresso, sotto il comando politico-militare congiunto di Mao Zedong, Zhu De e Peng Dehuai. La strategia elaborata da Mao in testi come On Guerrilla Warfare (1937) e Sulla guerra di lunga durata (1938) stava raccogliendo frutti. Dal 1946 in poi, Chiang Kai-shek e il nucleo duro del suo esercito demoralizzato furono spinti verso sud, fino a quando non fuggirono a Taiwan alla fine del 1949, con le riserve del paese e numerosi altri tesori che avevano saccheggiato dai musei e dalle volte della Città Proibita. Dopo due decenni nelle campagne, i comunisti tornarono nelle città per essere accolti come liberatori da grandi folle a Pechino, Shanghai e Canton.

Enormi compiti

Come osserva Karl, il paese ereditato dal PCC era stato prima distrutto dai giapponesi e successivamente dalla guerra civile: il commercio era stato distrutto, la valuta nazionale ora era priva di valore, un’economia di baratto stava mettendo radici. “Parti dell’intellighenzia urbana e delle élite tecnologicamente competenti erano fuggite con il Kuomintang, lasciando città senza amministrazione e istituzioni senza gestione”. Il decadimento e la sconfitta del vecchio ordine avevano lasciato dietro di sé una campagna desolata, e c’era una forte disoccupazione nelle città. I compiti di Mao e dei suoi compagni erano enormi. Nessuna teoria, per quanto sofisticata, può offrire un catechismo di soluzioni per affrontare una simile crisi. Il partito-esercito costruito da Mao e il gruppo attorno a lui giocarono un ruolo enorme nel ristabilire una parvenza di ordine nei primi anni ’50. L’aiuto dall’estero era limitato: l’URSS era in rovina, sebbene aiuti e tecnici fossero forniti a malincuore dopo la prima visita di Mao a Mosca nel 1949-1950.

A Washington, il presidente degli Stati Uniti Truman e, più tardi, i fratelli Dulles indubbiamente presumevano che la vittoria di Mao avesse rafforzato il monolite comunista e che d’ora in poi la Cina sarebbe stata poco più che satrapia di Stalin. Ma prima che si rendessero conto del loro errore, tentarono un contenimento costoso e rischioso. Con la copertura delle Nazioni Unite, il generale americano MacArthur si mosse per impedire ai comunisti coreani di prendere il potere su tutta la penisola, che era stata liberata dal dominio coloniale giapponese nel 1945. I comunisti furono cacciati al Nord e migliaia di civili furono massacrati nel processo . Quando iniziò la guerra su vasta scala nel 1950, i leader cinesi andarono in aiuto degli assediati nordcoreani. Il loro aiuto fu decisivo. Comandata da Peng Dehuai, un brillante stratega militare, la forza di spedizione cinese ricacciò gli americani a sud, rendendo sicuri i confini della RPC. Le basi militari statunitensi, tuttavia, rimasero in Corea del Sud per proteggere i clienti, mentre la Corea del Nord sopravvisse, mutando lentamente in una specie di Ruritania stalinista.

Il maoismo

Karl fornisce resoconti mirabilmente concisi delle principali tensioni e dibattiti che attraversarono il periodo maoista: l’opposizione tra burocrazia e rivoluzione, disaccordi sui percorsi di sviluppo, relazioni tra partito, esercito e masse. Il pensiero politico è sempre al centro della discussione.

La teoria maoista, dove differiva completamente dall’ortodossia stalinista, poteva essere così riassunta: la coscienza rivoluzionaria di massa più l’attività di massa equivale all’autoemancipazione e alla trasformazione sociale. Essa deriva dal contatto quotidiano con il popolo durante la lunga guerra contro il Giappone e il Kuomintang. La “linea di massa”, come sosteneva Mao, privilegiava “le masse” nell’aiutare a perfezionare e definire la teoria. L’implicazione era che le masse potevano superare tutti gli ostacoli.

Questo andava bene in relazione alla guerra – anche se anche qui la sconfitta del Kuomintang sarebbe stata impensabile senza l’invasione giapponese – ma una tale pratica era possibile in tempo di pace? L’attività di massa può superare i problemi posti da strutture socioeconomiche materiali come una base industriale debole? Karl respinge l’accusa di “volontarismo” che molti critici, amichevoli e non, hanno messo levato contro il maoismo, preferendo sottolineare il modo in cui il pensiero di Mao “inverte le determinazioni” del marxismo ortodosso. Ma qui la sua tesi risulta  più debole, come avrebbe rivelato la successiva evoluzione della Cina.

Il Grande Balzo In Avanti che portò alla carestia del 1959-1961 e alla morte di almeno 15-20 milioni di contadini fu certamente il risultato del volontarismo. In una spinta all’autosufficienza, le aree rurali furono parzialmente industrializzate in modo non coordinato e disomogeneo, mentre l’esortazione di Mao a superare gli Stati Uniti e il Regno Unito nella produzione di acciaio produsse un’ondata di forni da cortile, che ritirò enormi quantità di lavoro dai campi. Le terribili conseguenze furono involontarie, a differenza delle carestie dei tempi coloniali britannici in Irlanda e Bengala; ma questa non era una consolazione per le famiglie di coloro che morirono. Mao fu scosso quando sentì finalmente le dimensioni del disastro, ma ormai era troppo tardi per fare qualcosa. In che modo Mao e i suoi colleghi furono ingannati così facilmente da false statistiche inviate dai burocrati del PCC nelle campagne per dimostrare che il Grande Salto stava andando bene? Karl scrive che “il maoismo andato terribilmente storto era alla radice dei problemi”, ma il processo attraverso il quale ciò avvenne rimane sottoesplorato.

Una delle tragedie del comunismo mondiale fu che la maggior parte dei partiti che generò divennero maggiorenni e organizzazioni di massa negli anni ’30 e ’40. A quel tempo le originarie tradizioni di dissenso e dibattito all’interno del partito bolscevico erano state soppresse e la maggior parte dei loro partecipanti – incluso il 90% di coloro che prestavano servizio nel comitato centrale di Lenin – furono brutalmente sterminati. Il modello che i nuovi comunisti assorbirono fu quello che incontrarono a Mosca: una dittatura sociale del partito/burocrazia che era padrone di tutta la vita pubblica e sostenuta da reti istituzionali di repressione. Questo era il sistema messo in atto quando salirono al potere o anche all’interno di partiti attivi nei mondi capitalisti e coloniali. Il soffocamento del dibattito indebolì sia il partito che lo stato. Karl documenta questi casi all’interno del PCC ancor prima che prendesse il potere, come la campagna di rettifica del partito del 1941-1942, che considera gli “inizi del culto di Mao”. Negli anni ’50, vi furono ripetuti tentativi di sradicare i “controrivoluzionari”, in particolare nella campagna anti-destra del 1957-1958. Tuttavia, la leadership cinese post-rivoluzionaria ha ampiamente evitato le epurazioni in stile Stalin e le uccisioni di massa dei propri quadri e membri. Come osserva Karl, “a differenza delle epurazioni staliniste, dove un bussare alla porta dopo la mezzanotte annunciava la condanna, nella Cina maoista, la condanna arrivava attraverso le parole, sui giornali e sui manifesti murali”. Uno dei motivi della differenza fu che la maggior parte dei leader servili pro-Comintern erano già stati rimossi, gli ultimi sconfitti da uno scontro di armi prima della Lunga Marcia.

Democrazia socialista

La versione di Mao della struttura stalinista era apparentemente basata sulla volontà popolare collettiva, suscitata dalla rivoluzione. Ma per quanto tempo possono sopravvivere tali strutture senza mediazioni – istituzioni rappresentative attraverso le quali è possibile discutere e votare diverse interpretazioni della volontà popolare? Ciò non ha nulla a che fare con l’imitazione dell’Occidente, ma in realtà è il metodo più efficace e indolore per mettere in contatto le persone con i loro governanti tramite rappresentanti eletti che sono responsabili in modo permanente e possono essere richiamati dagli elettori in qualsiasi momento. Se fosse esistito un tale sistema, la carestia non sarebbe avvenuta e le fornaci del cortile avrebbero potuto essere smantellate poco dopo l’inizio dell’esperimento. Che cosa avrebbe potuto dire la “volontà popolare” sulle montagne di cadaveri che decoravano la campagna dopo la carestia di massa?

Quando i leader del PCC alla fine si radunarono a Lushan alla fine del 1959 per discutere della tragedia in corso, erano in modalità autocritica, incluso Mao. Mafu il suo vecchio compagno di Hunan, Peng Dehuai, a confrontarsi con Mao e i suoi metodi dirigisti, che avevano isolato il partito dal popolo. Per questo fu rimosso da tutti i suoi posti ed esiliato; Lin Biao lo sostituì come ministro della difesa. Ciò nondimeno, un importante risultato della calamità – presto esacerbato dalla divisione sino-sovietica – fu che la direzione del partito mise effettivamente fuori gioco Mao. La sua vendetta arrivò nel 1966 quando, in stile caratteristico, fece appello alla gioventù del paese affinché “bombardasse il quartier generale del Partito” con le critiche, per “creare un grande disordine sotto i cieli” in modo da “ristabilire l’ordine”. La Grande Rivoluzione Culturale Proletaria fu una dimostrazione impressionante della “linea di massa”. Mao divenne il dio imperatore del movimento, con Lin Biao come suo fedele deputato; il Piccolo Libro Rosso divenne l’unico catechismo del movimento.

L’obiettivo principale era quello di riprendere il potere – sebbene Karl sottolinei anche l’impulso anti-burocratico che stava dietro, così come il “tentativo di impadronirsi della politica – il potere della cultura e del discorso di massa per la rivoluzione”. Mao aveva scartato la sua responsabilità di assicurare una struttura politica duratura per la Cina e aveva permesso al suo giudizio di essere sostituito dalle passioni, emergenze e trionfi della lotta di potere. Nel processo, lui e i suoi seguaci disumanizzarono i loro avversari: i vecchi leader del PCC, ad eccezione di Zhou Enlai e Lin Biao, furono denunciati come “capitalisti di strada”; Liu Shaoqi fu maltrattato; Peng Zhen, un tempo potente sindaco di Pechino, e numerosi altri furono denigrati pubblicamente di fronte a grandi folle; Deng Xiaoping venne inviato a riparare i trattori nelle zone rurali del Jiangxi. I bambini isterici contestavano i loro genitori e li denunciavano come traditori; insegnanti e professori furono umiliati, le università chiuse, antichi tesori distrutti pubblicamente; e Mao era tornato al timone.

Esempi della militanza insensata e del fanatismo della Rivoluzione Culturale sono troppo numerosi per essere raccontati, ma i suoi aspetti contraddittori sono di solito sottostimati. Quando ho intervistato alcune ex guardie rosse di Hong Kong, hanno descritto come si sono sentiti liberati e si sono presto trasferiti dal Little Red Book e hanno letto, scritto e diffuso testi critici che sfidavano Mao e trovavano le sue opere insufficienti. L’invio di abitanti urbani in campagna ha indubbiamente dato a questa generazione un’idea di come vivevano e lavorassero le persone comuni. Karl sottolinea l’effetto esaltante di questa nuova mobilità su molte migliaia di giovani. Gran parte di questo ha avuto un profondo impatto, come hanno successivamente rivelato film e romanzi.

‘capitalist roaders’

Ma nell’estate del 1967, Mao chiamò l’esercito per ristabilire l’ordine, facendo un dietro front quando la rivolta rivoluzionaria iniziò a rappresentare una minaccia per lo stesso PCC. Gli ultimi anni di Mao furono segnati da una serie di sviluppi che segnarono una svolta a favore dei sostenitori della via capitalista (“capitalist-roader” nel testo) in patria e delle “tigri di carta” all’estero: riavvicinamento con la visita di Washington e Nixon nel 1972, seguito dal ritorno di Deng Xiaoping – il gatto con molte vite – all’incarico politico nel 1974. Questi hanno spianato la strada alla grande trasformazione che sarebbe seguita dopo la morte di Mao. Karl conclude esplorando il destino delle eredità di Mao, salutato nell’ideologia del PCC ma capovolto nella pratica politica ed economica. Osserva che “solo ripudiando il maoismo e tutto ciò che Mao rappresentava è possibile che gli attuali leader del Partito comunista conservino Mao come la loro foglia di fico di legittimità”.

Uno dei meriti del libro di Karl è che permette una seria discussione di tutti questi problemi. Sarà interessante vedere come viene recepito in Cina, dove l’opinione ufficiale è che i risultati di Mao superano di gran lunga i suoi errori – in un rapporto di 70:30, secondo il rapporto del comitato centrale ufficiale del 1981. Mentre il capitalismo cinese procede ulteriormente, creando ancora più disparità sociali ed economiche, forse alcune delle idee di Mao potrebbero essere schierate dalle masse ribelli mentre cercano di assaltare nuovamente il cielo.

articolo originale sul sito della NEW LEFT REVIEW: https://newleftreview.org/issues/II66/articles/tariq-ali-on-mao-s-contradictions

 

Leave a Reply