Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Alfred de Zayas: La guerra in Ucraina alla luce della Carta delle Nazioni Unite

Alfred de Zayas è professore di diritto presso la Scuola di diplomazia di Ginevra ed è stato Esperto indipendente delle Nazioni Unite sull’ordine internazionale dal 2012 al 2018. È autore di dieci libri tra cui ” Building a Just World Order ” Clarity Press, 2021.  Ho tradotto questo articolo da Counterpunch perchè tra le tante giustificazioni da parte della NATO della guerra per procura in Ucraina particolarmente infondata è quella che si sta difendendo il diritto internazionale. 

La guerra in Ucraina non è iniziata il 24 febbraio 2022, ma già nel febbraio 2014. La popolazione civile del Donbas ha subito continui bombardamenti da parte delle forze ucraine dal 2014, nonostante gli accordi di Minsk. Questi attacchi a Lugansk e Donetsk sono aumentati in modo significativo nel gennaio-febbraio 2022, come riportato dalla Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina [1] .
Come tutte le guerre, questa guerra è una tragedia per tutti gli interessati, non solo per ucraini e russi, ma anche per la continua validità del diritto internazionale e il primato della Carta delle Nazioni Unite. Già le campagne militari della NATO in Jugoslavia, Afghanistan e Iraq negli anni ’90 e nei primi anni 2000 hanno messo a dura prova l’autorità e la credibilità delle Nazioni Unite come Organizzazione. Queste campagne militari condotte al di fuori del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite hanno reso le Nazioni Unite quasi irrilevanti, perché l’Organizzazione non è stata in grado di impedire l’uso illegale della forza o di mediare la pace. Le azioni unilaterali di un certo numero di Stati non sono mai state soggette a responsabilità, nemmeno i gravi crimini di guerra commessi in Iraq e in Afghanistan, come documentato da Julian Assange nelle pubblicazioni di Wikileaks.
La cosiddetta “coalizione dei volenterosi” ha perpetrato una nuda aggressione contro il popolo iracheno nel 2003 in una serie di atti criminali che hanno costituito una rivolta contro la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale. Tali campagne militari condotte contro la lettera e lo spirito della Carta delle Nazioni Unite e finora non soggette a procedimenti giudiziari da parte della Corte penale internazionale hanno notevolmente indebolito la forza del diritto internazionale e hanno portato all’emergere di “precedenti i ammissibilità” [2] , come ho affermato descritto in un articolo di Counterpunch pubblicato il 4 marzo 2022, in cui condannavo chiaramente l’invasione russa dell’Ucraina come una grave violazione dell’art. 2(4) della Carta delle Nazioni Unite.
D’altra parte, è chiaro che una violazione del diritto internazionale non modifica lo jus cogens né crea un nuovo diritto internazionale ( ex injuria non oritur jus – nessun diritto emerge da un torto). L’impunità manifesta solo la debolezza del sistema dovuta alla mancanza di adeguati meccanismi di applicazione [3].
Il 31 gennaio 2023 Counterpunch ha pubblicato un saggio del professore di storia Lawrence Wittner dal titolo “The Ukraine War and International Law” [4]. Condanna giustamente la violazione dell’articolo 2, paragrafo 4 della Carta delle Nazioni Unite da parte della Russia e i crimini di guerra che ne sono seguiti, per i quali ci deve essere responsabilità. Il Prof. Wittner fa riferimento a “regole di comportamento tra nazioni” in relazione alla guerra, alla diplomazia, all’economia, ecc. Tra queste regole di comportamento vi sono, naturalmente, i “principi generali del diritto” di cui all’articolo 38 dello Statuto della Corte internazionale di giustizia, in particolare i principi di buona fede e l’uniforme applicazione delle norme.
Nel suo libro The Great Delusion [5], il professor John Mearsheimer dell’Università di Chicago ha chiarito i principi dell’ordine internazionale e la necessità di rispettare gli accordi ( pacta sunt servanda ), compresi gli accordi orali. Nel suo articolo sull’Economist del 19 marzo 2022 [6], Mearsheimer spiega perché l’Occidente è responsabile della crisi ucraina. Già nel 2015 Mearsheimer aveva segnalato l’importanza di mantenere accordi orali, come quelli dati dagli Stati Uniti a Mikhail Gorbaciov nel 1989-91, secondo cui la NATO non si sarebbe espansa verso est [7]. In conferenze successive Mearsheimer ha spiegato che, indipendentemente dal fatto che l’Occidente consideri o meno l’espansione della NATO una provocazione, ciò che è cruciale è come l’espansione della NATO viene percepita da coloro che si sentono minacciati da essa. In questo contesto dobbiamo ricordare che l’articolo 2(4) della Carta delle Nazioni Unite proibisce non solo l’uso della forza ma anche la minaccia dell’uso della forza. La promessa di espandere la NATO fino ai confini della Russia e il massiccio armamento dell’Ucraina costituiscono certamente una tale minaccia, soprattutto tenendo conto delle campagne aggressive dei membri della NATO in Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Siria e Libia.
Per decenni i presidenti russi Vladimir Putin e Dmitry Medvedev hanno avvertito l’Occidente – in particolare alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2007 [8] – che l’espansione della NATO verso est costituisce una minaccia esistenziale per la Russia. Entrambi i presidenti sostengono un’architettura di sicurezza europea che tenga conto delle preoccupazioni di sicurezza nazionale di tutti i paesi, inclusa la Russia. Se i timori russi siano oggettivamente giustificati o meno (penso che lo siano) non è la questione pertinente, poiché la loro apprensione è un factum. Ciò che è fondamentale è l’obbligo di tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite di appianare le loro divergenze con mezzi pacifici, vale a dire di negoziare in buona fede. Questo è esattamente l’obiettivo degli accordi di Minsk. Tuttavia, l’Ucraina ha violato sistematicamente gli accordi di Minsk. La Russia ha compiuto uno sforzo credibile per negoziare dal 2014 nel contesto dell’OSCE e del Formato Normandia. La cancelliera tedesca Angela Merkel [9] e il presidente francese François Hollande [10]hanno recentemente confermato che gli accordi di Minsk avevano lo scopo di dare all’Ucraina il tempo di prepararsi alla guerra. Quindi, in sostanza, l’Occidente è entrato negli accordi in malafede ingannando deliberatamente i russi del Donbass. In un senso molto reale, Putin è stato preso in giro a Minsk e durante gli otto anni di discussioni sul Formato Normandia. Tale comportamento riflette una “cultura dell’imbroglio” [11] e viola principi consolidati delle relazioni internazionali che equivalgono a perfidia, in violazione della Carta delle Nazioni Unite e dei principi generali del diritto. Nonostante ciò, nel dicembre 2021 i russi hanno avanzato due proposte pacifiche nella speranza di evitare uno scontro militare. Sebbene le proposte del trattato fossero moderate e pragmatiche, gli Stati Uniti e la NATO si rifiutarono di negoziare ai sensi dell’articolo 2(3) della Carta e le respinsero con arroganza. Se questa non è stata una provocazione contraria all’articolo 2, paragrafo 4 della Carta delle Nazioni Unite, non so cosa lo sia.
Il professor Wittner ha ragione nel ricordare il Memorandum di Budapest del 1994 e il Trattato di amicizia, cooperazione e partenariato del 1997, ma questi strumenti devono essere collocati nel contesto giuridico e storico, in particolare nel contesto delle dichiarazioni occidentali dal 2008 per portare l’Ucraina nella NATO, una questione che non era in alcun modo prevista nei due strumenti di cui sopra.
Wittner ha torto nella sua valutazione della questione della Crimea. Sono stato il rappresentante delle Nazioni Unite per le elezioni in Ucraina nel marzo e nel giugno 1994 e ho attraversato il paese, compresa la Crimea. Senza dubbio, la stragrande maggioranza della popolazione lì e nel Donbass è russa e si sente russa. Ciò solleva la questione del diritto ius cogens all’autodeterminazione dei popoli, ancorato negli articoli 1 e 55 della Carta delle Nazioni Unite (e nei capitoli XI e XII della Carta) e nell’art. 1 comune al Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici e al Patto internazionale relativo ai diritti economici, sociali e culturali. Wittner sembra dimenticare che gli Stati Uniti e l’UE hanno sostenuto il colpo di stato illegale [12]contro il presidente democraticamente eletto dell’Ucraina, Victor Yanukovich, e hanno subito iniziato a collaborare con il regime del Putsch di Kiev, invece di insistere nel ristabilire la legge e l’ordine come previsto dall’accordo del 20 febbraio 2014 [13]. Come ha scritto il professor Stephen Cohen nel 2018, il Maidan è stato un “evento seminale” [14].
Senza il Maidan Putsch e le misure anti-russe immediatamente adottate dal regime del Putsch, i popoli della Crimea e del Donbass non si sarebbero sentiti minacciati e non avrebbero insistito sul loro diritto all’autodeterminazione. Wittner sbaglia quando usa il termine “annessione” per riferirsi alla reintegrazione della Crimea in Russia. L'”annessione” nel diritto internazionale presuppone un’invasione, un’occupazione militare contraria alla volontà del popolo. Non è quello che è successo in Crimea nel marzo 2014. Prima c’è stato un referendum a cui sono state invitate le Nazioni Unite e l’OSCE – e non sono mai arrivate. Poi c’è stata una dichiarazione unilaterale di indipendenza da parte del legittimo parlamento di Crimea, solo allora c’è stata una richiesta ufficiale di essere reincorporati in Russia, una richiesta che è passata attraverso il giusto processo, essendo prima approvata dalla Duma, poi dalla Corte costituzionale della Russia, e solo allora firmato da Putin. Se si fosse tenuto un referendum nel 1994, quando ero in Crimea, i risultati sarebbero stati sicuramente simili. Un referendum di oggi confermerebbe la volontà dei Crimea di far parte della Russia, non dell’Ucraina, alla quale erano stati artificialmente legati per decisione di Nikita Khruschev, ucraino lui stesso. Non ci sono ragioni storiche o etniche che giustifichino l’attaccamento della Crimea all’Ucraina. Molti avvocati internazionali concordano sul fatto che la Crimea abbia esercitato il suo diritto all’autodeterminazione e non sia stata “annessa” dalla Russia a cui erano stati attaccati artificialmente per decisione di Nikita Khruschev, ucraino lui stesso. Non ci sono ragioni storiche o etniche che giustifichino l’attaccamento della Crimea all’Ucraina. Molti avvocati internazionali concordano sul fatto che la Crimea abbia esercitato il suo diritto all’autodeterminazione e non sia stata “annessa” dalla Russia a cui erano stati attaccati artificialmente per decisione di Nikita Khruschev, ucraino lui stesso. Non ci sono ragioni storiche o etniche che giustifichino l’attaccamento della Crimea all’Ucraina. Molti avvocati internazionali concordano sul fatto che la Crimea abbia esercitato il suo diritto all’autodeterminazione e non sia stata “annessa” dalla Russia[15] .
Wittner ha ragione nel ricordare che l’Assemblea Generale ha adottato una Risoluzione del 27 marzo 2014 che respingeva l’“annessione” della Crimea. Ma cosa ci dice esattamente quella Risoluzione? In qualità di ex avvocato senior presso l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ed ex Esperto indipendente delle Nazioni Unite, devo ammettere che per molti decenni l’Organizzazione delle Nazioni Unite applica doppi standard e non è all’altezza della Carta. Molte risoluzioni e dichiarazioni dei successivi Segretari generali applicano il diritto internazionale in modo selettivo, à la carte. Ciò che dimostra la risoluzione dell’AG del 2014 è che l’Organizzazione è in gran parte al servizio di Washington e Bruxelles, in parte a causa dell’enorme dipendenza finanziaria dell’ONU dall’Occidente. Allo stesso modo, la Risoluzione dell’Assemblea Generale del 2 marzo 2022 è un altro esempio di doppio standard, tenendo presente che l’Assemblea Generale non aveva adottato alcuna risoluzione simile quando la NATO ha commesso l’aggressione alla Jugoslavia nel 1999 o quando la “coalizione dei volenterosi” ha devastato l’Iraq nel 2003 senza alcuna minaccia o provocazione da parte di Saddam Hussein.
Wittner cita anche il segretario generale Guterres a proposito dell’“annessione” della Crimea e del Donbass. Come ex alto funzionario delle Nazioni Unite ed ex relatore, mi addolora vedere come l’Organizzazione sia stata dirottata per sostenere certe posizioni insostenibili dei paesi occidentali e come si lasci usare nel gioco geopolitico, invece di rimanere fedele ai Principi e Scopi dell’Organizzazione come stabilito nella Carta. Dov’è l’“indignazione” dell’Organizzazione di fronte alle molteplici aggressioni degli Stati Uniti contro Cuba, Grenada, Nicaragua, Panama, Venezuela, i tanti colpi di stato diretti dagli USA contro governi che non gradisce, quando l’Organizzazione tace sui crimini commessi dalla CIA a Guantanamo, Abu Ghraib e nei centri di detenzione segreti, quando l’“annessione” delle alture del Golan siriane da parte di Israele è tacitamente accettata.
Wittner pone una domanda importante “cosa… dobbiamo pensare al valore del diritto internazionale”? Come professore di diritto internazionale e credente nella Carta delle Nazioni Unite, pongo la stessa domanda. I miei 25 Principi dell’Ordine Internazionale [16] danno alcune risposte. Nei miei 14 rapporti al Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite e all’Assemblea generale (2012-18) ho formulato raccomandazioni pragmatiche su come riformare le Nazioni Unite al fine di mantenere la promessa del 1945 di “salvare le generazioni successive dal flagello della guerra”. Sono d’accordo con Wittner che è necessario “rafforzare la governance globale, fornendo così una base più solida per l’applicazione del diritto internazionale”. Ma c’è un avvertimento: l’Organizzazione deve essere veramente impegnata per la pace, e non solo a volte. Non deve continuare ad applicare il diritto internazionale à la carte , altrimenti perderà tutta la sua autorità e credibilità.
Oggi ciò che è assolutamente necessario è un immediato cessate il fuoco. Le Nazioni Unite falliscono la Carta se non fanno della pace la loro priorità e mettono l’intero sistema al servizio della pace. Le proposte di mediazione del presidente brasiliano Luiz Inácio Lula [17] devono essere prese sul serio così come gli avvertimenti e le proposte dei professori John Mearsheimer [18], Jeffrey Sachs [19] e Richard Falk [20].
 
[5] Yale University Press, 2018.
Vedi il capitolo 2 del mio libro “Building a Just World Order”, Clarity Press, 2021.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 5 persone
nella foto Ciccio Auletta e le compagne e i compagni di Pisa Una Città in comune e Rifondazione Comunista.  
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave a Reply