Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Il rivoluzionario è come un surfista: una metafora di Hobsbawm per Podemos

surf sixtiesIn un tweet Pablo Iglesias di Podemos cita Hobsbawm che spiega “il significato del talento rivoluzionario con la metafora della boa” e allega la foto di una pagina dalla celebre raccolta di saggi dello storico comunista britannico “I rivoluzionari“. Trattandosi di un libro che ho letto tante volte fin da piccino ricordavo una metafora diversa, anche più consona al decennio – i sixties – alla fine del quale fu scritto il saggio. Infatti la traduzione italiana è diversa da quella spagnola e invece della boa ricorre alla metafora del surfista che è poi quella che effettivamente aveva usato Hobsbawm nel testo originale inglese delle sue Riflessioni sull’anarchismo. Vi ripropongo il brano di Hobsbawm in italiano:

…la maggior parte delle grandi rivoluzioni che ci son state e hanno trionfato, sono cominciate come «improvvisazioni» piuttosto che come risultato di un piano. Talvolta si sono sviluppate in modo rapido e inaspettato da quelle che sembravano normali manifestazioni di massa, talvolta dalla resistenza alle azioni dei nemici, talvolta in altro modo – ma raramente o forse mai – presero la forma che i movimenti rivoluzionari organizzati si aspettavano, anche quando questi avevano predetto che la rivoluzione era imminente. Ecco perchè la prova della grandezza dei rivoluzionari è sempre stata la loro capacità di scoprire le caratteristiche nuove e inaspettate delle situazioni rivoluzionarie e di adattarvi le proprie tattiche. Come un «surfer» il rivoluzionario non crea le onde su cui si muove, ma si limita a tenersi in equilibrio su di esse. A differenza del «surfer» – e qui sta la differenza tra un rivoluzionario serio e la prassi anarchica – prima o poi smette di correre sull’onda e deve controllare la sua direzione e il suo movimento.

Ho messo in grassetto le parole sottolineate da Pablo Iglesias.

Credo che il nostro compagno spagnolo possa convenire che la metafora del surfista si addice di più al rivoluzionario. La boa forse è più adatta al politicante che per tirare a campare si specializza nel galleggiare su tutte le onde senza avere altro obiettivo che il proprio galleggiamento.

CzEy-NcXEAA-J89

Leave a Reply