Community

Already a member?
Login using Facebook:
Powered by Sociable!

il mio profilo

Profilo Facebook di Maurizio Acerbo

Archivi

La mia libreria su Anobii

Profilo utente

Stato:
Nome: joydivision1
Nickname: joydivision1
Membro da: 2009-02-26 19:02:41
Website URL:
Chi sono:
 

Commenti degli utenti

Manifesti atei e politicanti locali

in realtà l’ex sindaco non ha fatto il dj per RADIO CITTA’, perchè avevamo messo un Palitti per non farlo entrare in radio, ma ha fatto il sindaco (purtroppo) per la città….
ma uno dei segnali che dio esiste, e dunque che lui, in fondo ma molto in fondo, ha ragione, è che dopo due mandati è successo, unico caso in tutta la galassia, che la città (e non solo la RADIO) li han mandati tutti a quel paese non rieleggendone nessuno…..e questo come lo chiamate se non miracolo del Signore? adesso lui che dal Signore ha avuto questo chiaro messaggio cerca la rivincita ma la città resisterà a questo tentativo e la RADIO ne darà ampio resoconto alla CITTA’….

Manifesti atei e politicanti locali

è giusto quello che ha affermato l’ex sindaco Carlo Pace, anche dj di radio città negli anni ’80.
E’ ora che si riconosca da parte di voi atei e senza dio che per fortuna il Signore esiste, e vede tutto….
Peccato che forse, Brunetta permettendo, sia un pò fannullone e non interviene….. per esempio a tagliare le mani intrise di sangue del teodem(ente) giorgdabliubusc che fa guerre preventive tranne poi ammettere l’errore (e qui il nostro beneamato ex dj non mi sembra sia intervenuto)
ma più grave è l’affermazione del teodem vice sindaco che si permette di creare un ”passaggio” nella procedura amministrativa delle affissioni, come il nostro beneamato duce, ovvero la censura o, pegggio, la censurabilità, che per magnanima disponibilità verso il diverso si limita per ora (ma fino a quando?) solo ad “una nota, che si allega, per protestare circa la mancanza di informazione sul tema proposto». ora la domanda nasce spontanea: “Ma di quale informazione parla il vice sindaco? del fatto che il Comune non conoscesse il tema proposto, che è gravissimo in quanto sottende un diniego talebano alla pubblicazione, o peggio, della conoscenza del tema da parte della pubblica opinione, e dunque qui si erge, sempre il Comune, a tutore delle conoscenze da parte dei cittadini stabilendo su quale tema sia possibile diffondere informazioni e opinioni tramite la pubblica affissione. In entrambi i casi due scelte fasciste delle peggiori specie.
UN SALUTO A TUTTI, IO CHE MI SENTO CRISTIANO MA NON CATTOLICO E CHE VORREI CHE GESU’ SI FACESSE SENTIRE UN PO’ DI PIU’